Trump lancia dubbi su Fauci sui casi di COVID-19

Il presidente Trump ha messo di nuovo in discussione la competenza dei suoi massimi funzionari della sanità pubblica lunedì mattina, retwittando una teoria della cospirazione dell’ex presentatore di giochi Chuck Woolery, che ha suggerito che i Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie, i “Media, Democratici [e] i nostri dottori” mentono su COVID-19 nel tentativo di ferire Trump alle elezioni generali di novembre. Trump ha anche condiviso un tweet di Mark Young, che ospita un podcast con Woolery, che ha chiesto: “Quindi, basato sul Dr. Fauci e sui Democratici, avrò bisogno di una carta d’identità per fare shopping ma non per votare?”

I tweet del presidente non solo mettono in dubbio le misure di sicurezza pubblica per i quali sostengono scienziati di spicco come Fauci mentre l’economia continua a riaprire, ma sono un altro esempio del rapporto di frattura tra Fauci e la Casa Bianca.

Durante il fine settimana, la Casa Bianca ha rilasciato una dichiarazione al Washington Post, affermando che “diversi funzionari della Casa Bianca sono preoccupati per il numero di volte in cui il dottor Fauci ha sbagliato sulle cose”, incluso un elenco dei suoi commenti dallo scoppio della pandemia . Il New York Times in seguito riferì che la lista era “presentata nello stile del documento di ricerca dell’opposizione di una campagna” ed era stata “successivamente rilasciata in diversi negozi di notizie”. Il segretario stampa della Casa Bianca Kayleigh McEnany lunedì ha negato che le informazioni distribuite ai giornalisti fossero state intese come una campagna diffamatoria contro il miglior immunologo del paese, ma era invece una “risposta diretta” alle domande del Post.

“Non esiste alcuna ricerca sull’opposizione scaricata ai giornalisti. Il Washington Post ci ha posto una domanda molto specifica”, ha affermato McEnany.

“L’idea che ci siano ricerche sull’opposizione e che ci sia Fauci contro il presidente non potrebbe essere più lontana dalla verità. Il dottor Fauci e il presidente hanno sempre avuto un ottimo rapporto di lavoro”.

Le notizie di una collaborazione acida tra Trump e Fauci sono nate per la prima volta in aprile, quando il presidente ha ritwittato un messaggio che includeva l’hashtag “#FireFauci”. Quando è stato chiesto a Lunedi se Trump credesse che il CDC stesse fornendo intenzionalmente disinformazioni, come espresso nel retweet del presidente, McEnany ha deviato, incolpando “alcune persone malvagie” per “aver travisato prematuramente le linee guida” sulla risposta coronavirus pianificata dall’agenzia.

“Nel complesso, l’idea del tweet era di sottolineare il fatto che quando usiamo la scienza, dobbiamo usarla in un modo che non sia politico”, ha detto. In un’intervista con All Things Considered della NPR all’inizio di questo mese, a Fauci è stato chiesto in anticipo sulla sua guida nella pandemia che le persone non hanno bisogno di indossare maschere a meno che non fossero malati o operatori sanitari. Insieme al chirurgo generale, il dottor Jerome Adams, Fauci ha ammesso che si è trattato di un errore. “Penso che ciò abbia avuto un effetto”, ha detto Fauci al conduttore Mary Louise Kelly. “Hai ragione, e dobbiamo ammetterlo. Che quel messaggio misto all’inizio, anche se era ben intenzionato, per consentire alle maschere di essere disponibili per gli operatori sanitari, è stato dannoso nel trasmettere il messaggio proprio ora. Niente dubbi al riguardo. “

I funzionari della Casa Bianca e dell’amministrazione ammettono che c’è frustrazione per il modo in cui Fauci viene considerato come il “tutto e per tutto” quando si tratta di prendere decisioni sulla risposta alla pandemia. C’è anche la frustrazione che quando Fauci rilascia interviste, spesso finisce per dire qualcosa che genera titoli e clic sulla Casa Bianca ignorando gli avvertimenti di Fauci o evidenziando altrimenti il conflitto. Da parte sua, durante le interviste Fauci si è lamentato del fatto che è stato preparato per il dramma, ponendosi domande progettate per farlo apertamente contraddire il presidente. Un funzionario della Casa Bianca, che ha rifiutato di andare al disco, ha detto che Fauci continua ad essere una voce preziosa. Il funzionario ha anche osservato che l’unico obiettivo di Fauci è la salute pubblica e che non deve tenere conto delle varie altre considerazioni che la Casa Bianca pesa di fronte alle decisioni sulla riapertura dell’economia o delle scuole. È un messaggio che vari membri dell’amministrazione hanno spinto nei giorni scorsi. L’ammiraglio Brett Giroir, che dirige la risposta ai test dell’amministrazione, ha detto domenica alla NBC Meet the Press che mentre “rispetta molto il dottor Fauci”, non ha “in mente” l’intero interesse nazionale. un punto di vista molto ristretto sulla salute pubblica “. McEnany, il segretario stampa, ha fatto eco a quel sentimento lunedì mattina su Fox & Friends, dicendo che Fauci rappresenta solo “un punto di vista” all’interno dell’amministrazione, ma ha rassicurato che il suo punto di vista “è rappresentato e le informazioni arrivano al presidente attraverso la task force”.

Precedente Morta la moglie di John Travolta, Kelly Preston Successivo Gli Stati Uniti respingono i reclami marittimi di Pechino nel Mar Cinese Meridionale