Gli Stati Uniti respingono i reclami marittimi di Pechino nel Mar Cinese Meridionale

Spread the love

L’USS Ronald Reagan (in primo piano) e l’USS Nimitz Carrier Strike Group salpano insieme in formazione nel Mar Cinese Meridionale il 6 luglio. La Cina ha accusato gli Stati Uniti di flettere i propri muscoli militari conducendo esercitazioni congiunte con due gruppi di portaerei statunitensi nello strategico spazio marittimo. L’amministrazione Trump di lunedì ha respinto le rivendicazioni marittime di Pechino nel Mar Cinese Meridionale, gettandosi in un conflitto che ha contrapposto la Cina contro diversi paesi del sud-est asiatico con rivendicazioni contrastanti in un momento di relazioni già tese tra Washington e Pechino. Il segretario di Stato Mike Pompeo ha affermato che la mossa era volta a rafforzare la politica degli Stati Uniti “in una regione vitale e controversa”.

“Stiamo chiarendo: le affermazioni di Pechino sulle risorse offshore in gran parte del Mar Cinese Meridionale sono completamente illegali, così come la sua campagna di bullismo per controllarle”, ha detto Pompeo.

La Cina rivendica la sovranità sulla maggior parte della vasta e importante via navigabile asiatica, e negli ultimi anni ha costruito isole artificiali o espanso isole esistenti per rafforzare le sue affermazioni. Ha anche costruito strisce aeree, banchine e strutture militari su alcune isole del Mar Cinese Meridionale e ha affermato le sue ampie rivendicazioni marittime con navi della guardia costiera lontane dalle coste cinesi. Le rivendicazioni territoriali di Pechino sono rappresentate su mappe cinesi con la cosiddetta linea Nine-Dash, un ampio arco verso il basso che abbraccia la maggior parte del Mar Cinese Meridionale.

Altri con pretese nel Mar Cinese Meridionale – tra cui Vietnam, Malesia, Filippine, Taiwan e Brunei – hanno respinto le affermazioni della Cina. Nel 2016, un tribunale internazionale dell’Aja ha stabilito che la rivendicazione della Cina sulla sovranità lungo la Linea dei Nove Dash non aveva basi legali nel diritto internazionale. Pechino ha respinto quella sentenza, dicendo che il tribunale non aveva giurisdizione. All’inizio di questo mese, due portaerei statunitensi hanno condotto esercitazioni nel Mar Cinese Meridionale ” a sostegno di un Indo-Pacifico libero e aperto”, ha detto la Marina, mentre i militari cinesi effettuavano esercitazioni vicino alle Isole Paracel – una delle catene di isole contese.

La dichiarazione degli Stati Uniti di lunedì ha esplicitamente supportato i risultati del caso del tribunale del 2016, che è stato portato dalle Filippine.

“La RPC non ha motivi legali per imporre unilateralmente la sua volontà alla regione”, ha affermato, riferendosi alla Repubblica popolare cinese (RPC).

“Pechino usa l’intimidazione per minare i diritti sovrani degli stati costieri del sud-est asiatico nel Mar Cinese Meridionale, sfruttarli per espellere le risorse offshore, affermare il dominio unilaterale e sostituire il diritto internazionale con” la forza potrebbe fare “”, afferma la nota.

Un portavoce dell’ambasciata cinese a Washington ha dichiarato che la Cina era “fermamente contraria” alla dichiarazione degli Stati Uniti sulla sua politica del Mar Cinese Meridionale.

“Gli Stati Uniti non sono un paese direttamente coinvolto nelle controversie. Tuttavia, hanno continuato a interferire nella questione. Con il pretesto di preservare la stabilità, sta flettendo i muscoli, stimolando la tensione e incitando lo scontro nella regione”, ha detto.

“Consigliamo agli Stati Uniti di onorare seriamente il loro impegno di non schierarsi sul tema della sovranità territoriale, rispettare gli sforzi dei paesi regionali per un mare pacifico e stabile nel sud della Cina e fermare i suoi tentativi di interrompere e sabotare la pace e la stabilità regionali”.

The USS Ronald Reagan (foreground) and the USS Nimitz Carrier Strike Groups sail together in formation in the South China Sea on July 6. China has accused the U.S. of flexing its military muscles by conducting joint exercises with two U.S. aircraft carrier groups in the strategic waterway.

Gli Stati Uniti sono rimasti neutrali sulle rivendicazioni territoriali – che hanno sovranità su quali isole – nel Mar Cinese Meridionale, e la dichiarazione di lunedì non sembra cambiare questa politica.

“Questa affermazione sta chiarendo che possiamo essere neutrali sulle isole ma non siamo neutrali sulle acque”, ha affermato Gregory Poling, esperto del Mar Cinese Meridionale presso il Center for Strategic and International Studies. Se la posizione degli Stati Uniti può ottenere il sostegno internazionale, ha detto, potrebbe mettere la Cina in una posizione scomoda.

“Pechino vuole essere un leader globale e non puoi essere un leader globale se tutti pensano che stai violando il diritto internazionale e maltrattando i tuoi vicini”, ha detto Poling. La dichiarazione di Pompeo afferma che gli Stati Uniti hanno respinto le rivendicazioni cinesi sulle acque oltre un mare territoriale di 12 miglia nautiche derivato da isole che rivendica nelle Isole Spratly, un arcipelago tra Vietnam e Filippine. Gli Stati Uniti hanno anche respinto la richiesta di Pechino a James Shoal, una caratteristica sommersa che si dice sia a circa 50 miglia nautiche dalla Malesia.

Precedente Trump lancia dubbi su Fauci sui casi di COVID-19 Successivo Soros investe per addestrare i Black Lives Matter come "agenti di sicurezza pubblica"