RISONANZA DI SCHUMANN E INTERAZIONI CON LA BIOREGOLAZIONE UMANA

Spread the love

Un ingegnere russo, Georges Lakhovsky, scoprì nel 1924 che tutte le cellule viventi di piante, animali, persone, germi e parassiti erano in grado di inviare e ricevere minime correnti di onde elettriche e mostrare risonanza. Quando Lakhovsky bombardò le cellule viventi con la quantità appropriata di corrente elettrica, la forza e il vigore di quella cellula furono rafforzati e diventarono più forti. Quando usava diverse frequenze esterne, la corrente elettrica indeboliva le cellule. Di conseguenza le cellule hanno perso vigore e vitalità. Lakhovsky ha postulato che tutte le cellule viventi, compresi gli organismi patologici, potrebbero agire sia da emettitore che da ricevente di oscillazioni ad altissima frequenza. Ciò ha lasciato il posto alla percezione che le cellule malate potessero essere trattate con elettricità risonante e tornare a essere in buona salute. Le condizioni fisiche degli astronauti senza nessun impulso terrestre in missione oltre la Risonanza di Schumann  si 

deteriorarono gravemente. Il problema è stato riscontrato introducendo lo “Schumann Simulator” in tutte le navette spaziali, un generatore di impulsi magnetici che imita la frequenza terrestre. Il simulatore ha creato un ambiente di terra compatibile a bordo della nave spaziale. Ciò dimostra il semplice fatto che non possiamo essere sani se scollegati dalla “frequenza biologica naturale”. Lakhovsky ha anche scoperto che le cellule della malattia che causano organismi all’interno di una persona infetta, hanno prodotto frequenze diverse dalle cellule normali e sane. Per le persone o le piante che soffrono di malattie, Lakhovsky ha scoperto che se potesse aumentare l’ampiezza [ma non la frequenza] delle oscillazioni delle cellule sane, questo aumento travolgerebbe e smorzerebbe le oscillazioni prodotte dalle cellule malate, causando la fine della malattia. Per provare le sue osservazioni, ha condotto un esperimento con piante di germanio. Nel dicembre del 1924, inoculò 10 piante di germanio con un cancro alle piante che produsse tumori. Dopo 30 giorni, i tumori si erano sviluppati in tutte le piante. Prese una delle 10 piante infette e modellò semplicemente un pesante filo di rame in una bobina ad anello aperto, con un diametro di circa 30 cm (12 “) di diametro attorno al centro della pianta e lo tenne in posizione con un paletto di ebanite. la bobina di rame ha agito come un’antenna o una bobina di sintonia, raccogliendo e concentrando energia di oscillazione da raggi cosmici ad altissima frequenza nell’aria. I tumori si sono staccati in meno di 3 settimane e per 2 mesi, la pianta stava prosperando. Tutto il resto del cancro le piante inoculate senza la bobina dell’antenna sono morte entro 30 giorni. Tre anni dopo, con la bobina originale rimasta in posizione, la pianta divenne un esemplare molto robusto. La scoperta di Lakhovsky è stata estesa dal dott. Leonard Horowitz dell’Università di Harvard, vincitore di tre premi Nobel per la medicina. Horowitz ha dimostrato che la funzione primaria del DNA risiede nel regno della segnalazione bioacustica e bioelettrica. Horowitz mostrò che il DNA emette e riceve fotoni o onde elettromagnetiche di suono e luce. La ricerca di Horowitz rende scientificamente possibile risuonare il DNA di un microbo ad un’intensità oltre la sua vibrazione a riposo, distruggendo così il microbo.

Agenti patogeni: risuonano tra 890 e 910 terahertz. Luci ultraviolette germicide: in molti ospedali risuonano da 890 a 910 terahertz.  Particelle nano-colloidali d’argento: virus di corrispondenza della risonanza a 890-910 terahertz. FREQUENZE DNA : http://www.youtube.com/watch?v=5K4BUzQaCa8

Le risonanze (o frequenze) di Schumann sono onde elettromagnetiche quasi permanenti che esistono nella cavità tra la superficie della Terra e la ionosfera. Nel 1952, il fisico tedesco Schumann iniziò a provare a rispondere se la Terra stessa ha una frequenza: un impulso. Il suo presupposto sull’esistenza di questa frequenza è venuto dalla sua comprensione che quando una sfera esiste all’interno di un’altra sfera, si crea una tensione elettrica. Poiché la Terra caricata negativamente esiste all’interno della ionosfera caricata positivamente, ci deve essere tensione tra i due, dando alla Terra una frequenza specifica. Attraverso una serie di calcoli, è stato in grado di dedurre una frequenza che credeva fosse il battito dello spazio Terra-ionosfera. Due anni dopo, nel 1954, Schumann e Herbert König riportarono frequenze affidabili e prevedibili nell’atmosfera che esisteva nella cavità tra la superficie della Terra e la ionosfera. Sebbene si verifichino diverse frequenze tra 6 e 50 cicli al secondo, la frequenza fondamentale che hanno trovato essere 7,83 Hz. Tra la superficie terrestre e la ionosfera c’è una cavità contenente una carica elettrica totale di 500K di coulomb. C’è un flusso di corrente verticale tra il suolo e la ionosfera. L’atmosfera ha una resistenza di 200 Ohm e un potenziale di tensione di 200.000 Volt.

Questa “cavità” è naturalmente eccitata dall’energia proveniente da scariche di fulmini e segnali radio-atmosferici o sferici. (Uno sferico è un impulso elettromagnetico a banda larga che si verifica a seguito di scariche atmosferiche naturali di fulmini.) Ciò fa sì che la cavità Terra-ionosfera “suoni” come una campana a frequenze specifiche, causando picchi nello spettro del rumore. Le risonanze di Schumann non sono misurabili in ogni momento, ma devono essere “eccitate” per essere osservate. Sono principalmente legati all’attività elettrica nell’atmosfera, in particolare durante i periodi di intensa attività lampo. In qualsiasi momento, circa 2.000 temporali rotolano sulla Terra, producendo circa 50 lampi al secondo. Ogni lampo crea onde elettromagnetiche che iniziano a circolare intorno alla Terra catturate tra la superficie terrestre e un confine a circa 60 miglia di altezza. Alcune onde – se hanno la giusta lunghezza d’onda – si combinano, aumentando di forza, per creare un “battito cardiaco atmosferico” ripetuto noto come risonanza di Schumann. Questa risonanza fornisce uno strumento utile per analizzare il clima della Terra, il suo ambiente elettrico e persino per aiutare a determinare quali tipi di atomi e molecole esistono nell’atmosfera terrestre. Le onde create dai fulmini rimangono intrappolate all’interno di un soffitto atmosferico creato dal bordo inferiore della “ionosfera” – una parte dell’atmosfera piena di particelle cariche, che inizia a circa 95 KM nel cielo. In questo caso, il punto debole per la risonanza richiede che l’onda sia lunga 2 O 3 la circonferenza della Terra. Questa è un’onda a frequenza estremamente bassa che può essere fino a 8 Hertz – circa 100.000 volte inferiore alle onde radio a frequenza più bassa utilizzate per inviare segnali a una radio AM / FM. Mentre quest’onda scorre intorno alla Terra, si colpisce di nuovo nel punto perfetto in modo tale che le creste e le depressioni siano allineate. Pertanto, le onde agiscono in risonanza tra loro per pompare il segnale originale.

Co-risonanza

I sistemi biologici funzionano come apparecchi radio, operando per risonanza. Se si sintonizza un ricevitore a 108 MHz, si sintonizza la frequenza di trasmissione radio di 108 MHz perché il ricevitore e il trasmettitore vibrano alla stessa frequenza. La natura elettromagnetica del segnale molecolare fa luce su molte zone d’ombra della biologia. Ora possiamo capire come milioni di molecole biologiche possano comunicare (alla velocità della luce), ognuna con la propria molecola corrispondente, e solo essa. L’acqua è il veicolo per informazioni. Questo non può essere evitato, poiché ci sono 10.000 molecole d’acqua nel corpo umano per ogni molecola di proteina. Un sottomarino comunica con la sua base tramite onde elettromagnetiche a bassa frequenza, non con frequenze megahertz, che non penetrano nell’acqua. Gli esperimenti mostrano che una molecola a concentrazione normalmente attiva non funziona in un mezzo privo di acqua. L’aggiunta di acqua non è sufficiente per ripristinare l’attività; deve essere “informativo”. In altre parole, quando le molecole innescano un effetto biologico, non trasmettono direttamente il segnale. Il lavoro finale viene svolto dall’acqua perimolecolare che inoltra e forse amplifica il segnale. L’audio non viene creato direttamente da un compact disc. Quest’ultimo trasporta dati udibili solo dopo essere stati amplificati da un sistema elettronico. Ciò che ci interessa non è la natura del mezzo magnetico e come funziona, ma il messaggio registrato in esso, che può essere copiato e trasmesso.

La ionosfera fa parte dell’atmosfera superiore della Terra, dove l’estrema radiazione solare ultravioletta e a raggi X ionizza gli atomi e le molecole creando così uno strato di elettroni. Si estende da circa 95km sopra la superficie della Terra fino al bordo dello spazio. Altri fenomeni come particelle cariche di energia e raggi cosmici hanno anche un effetto ionizzante e possono contribuire alla ionosfera. Questa regione dinamica cresce e si restringe (e si divide ulteriormente in sottoregioni) in base alle condizioni solari ed è un anello critico nella catena delle interazioni Sole-Terra. A causa della variabilità spettrale della radiazione solare e della densità di vari costituenti nell’atmosfera, ci sono strati creati all’interno della ionosfera, chiamati strati D, E e F. La densità dell’elettrone è più alta nella regione superiore o F e questa regione esiste sia di giorno che di notte. Durante il giorno è ionizzato dalla radiazione solare, durante la notte dai raggi cosmici. La regione D scompare durante la notte rispetto al giorno e la regione E si indebolisce. Gli ioni altamente carichi e gli elettroni liberi riempiono gli strati ionosferici creando una “centrale spettrale”. Le frequenze di Schumann sono determinate dalle dimensioni della cavità Terra-ionosfera e possono variare leggermente da una varietà di altri fattori, come le perturbazioni indotte dal sole alla ionosfera, che comprime la parete superiore della cavità chiusa. Quando si verifica un bagliore solare, l’energia dei raggi X del bagliore aumenta la ionizzazione di tutti gli strati, incluso lo strato D. Pertanto, D ora diventa abbastanza forte da riflettere le onde radio a un’altitudine più bassa. Quindi, durante un bagliore solare, le onde viaggiano a meno distanza (rimbalzando su D invece di E o F). La potenza del segnale di solito aumenta perché le onde non perdono energia penetrando nel livello D. Tuttavia, la forza delle onde di frequenza molto basse (frequenze radio nell’intervallo da 3 a 30 kilohertz) può aumentare o diminuire durante un bagliore. La potenza del segnale potrebbe diminuire perché più basse sono le onde, maggiori sono le collisioni o le interferenze delle onde, a causa dell’atmosfera più spessa. Queste collisioni d’onda possono provocare interferenze distruttive.

Lo stesso Schumann era interessato agli effetti biologici degli sferici in generale, e il suo studente – e in seguito collega – Herbert König ha continuato il suo lavoro. La ricerca di Schumann e König ha rivelato relazioni tra risonanze di Schumann e vita sulla Terra. La loro ricerca spazia da un’influenza su cellule di lievito e batteri, nonché su piante e animali per l’uomo. Herbert König, che divenne il successore di Schumann, scoprì e dimostrò ulteriormente un chiaro legame tra risonanze di Schumann e ritmi cerebrali. Ha confrontato le registrazioni EEG umane con i campi elettromagnetici naturali dell’ambiente e ha scoperto che le cosiddette onde alfa durante l’attività cerebrale si trovano nella stessa gamma di frequenza delle prime due modalità della risonanza di Schumann. Ha ipotizzato che questa non è forse una coincidenza, ma un adattamento umano all’ambiente elettromagnetico nel lungo corso dell’evoluzione. In questa zona di confine tra fisica, biologia e medicina ci sono forse ancora risultati interessanti. König e i suoi colleghi hanno descritto le notevoli somiglianze dei profili e dei modelli di densità di potenza spettrale tra la risonanza ionosfera terrestre e l’attività del cervello umano, che condividono anche le magnitudini sia per il campo elettrico che per i componenti del campo magnetico. Da allora, il fenomeno che i ritmi cerebrali possono sovrapporsi e diventare sincroni con l’attività elettromagnetica a frequenza ultra bassa che si verificano all’interno di questa cavità risonante è stato osservato e ribadito da altri scienziati.

Per testare la sincronia diretta tra i processi magnetici che si verificano nella cavità Terra-ionosfera e il cervello umano, Saroka e Persinger hanno misurato simultaneamente la risonanza di Schumann e l’attività elettrica del cervello di un singolo individuo che stava seduto tranquillamente fuori con gli occhi chiusi. Risultati dell’analisi hanno indicato la presenza di periodi transitori di “sincronia armonica” che sono comparsi quando è stata calcolata la coerenza tra i canali tra il segnale caudale radice-media-quadrato derivato dal cervello e l’attività magnetica a frequenza estremamente bassa che si verifica nell’ambiente prossimale. Questi periodi di sincronia armonica sono durati circa 200 – 300 msec e consistevano nella coerenza simultanea nelle bande 7–8, 13-14 e 19-20 Hz. Le magnitudini di coerenza erano come quelle riportate in precedenza da Pobachenko e colleghi.

“Tutti i comportamenti, inclusa la coscienza, sono generati e correlati all’attività cerebrale. L’attività può essere concepita come matrici complesse di schemi elettromagnetici e relativi cambiamenti chimici associati. I campi magnetici complessi di intensità debole generati dalla Terra e dalla tecnologia umana influenzano la coscienza e l’esperienza. Il fattore critico non è l’intensità dei campi, ma i loro modelli e le informazioni contenute all’interno dei modelli. Gli schemi più simili alle naturali configurazioni temporali dell’attività cerebrale sono i più efficaci.” – Michael Persinger

La biofisica ora suggerisce che i nostri sistemi biologici sono sintonizzati sulla frequenza di fondo del nostro pianeta attraverso le risonanze di Schumann. Da questa prima scoperta, ricerche più scientifiche hanno ipotizzato che le risonanze di Schumann siano onde stazionarie elettromagnetiche molto importanti che influenzano gli oscillatori biologici all’interno del cervello dei mammiferi. Un sistema vivente ha molte frequenze di risonanza simili a causa dei loro gradi di libertà, dove ognuno può vibrare come un oscillatore armonico che supporta la progressione delle vibrazioni come onde che si muovono come un’ondulazione all’interno dell’intero sistema.

Le prime cinque risonanze di Schumann si sovrappongono alle bande o alle onde della frequenza cerebrale. Le onde cerebrali sono raggruppate in base alle loro frequenze e sono etichettate con lettere greche. Le loro frequenze più comuni includono delta, theta, alfa e beta.

Delta: 0,5 – 4 Hz Questo ritmo cerebrale si verifica in un sonno profondo o incosciente senza sogni. Questo è associato alla sonnolenza.

Theta: 4 – 7 Hz Questo ritmo cerebrale è associato a sonnolenza. Si verifica anche nella prima fase del sonno e durante la meditazione profonda, quando siamo svegli ma aperti alle immagini mentali. È stato associato con creatività, intuizione, sognare ad occhi aperti e fantasticare. Si ritiene che rifletta l’attività del sistema limbico e si osserva un’aumentata attività nell’ansia, nell’attivazione comportamentale e nell’inibizione.

Alpha: 7 – 12 Hz Questo è il ritmo maggiore visto in un adulto normale e rilassato. È presente per gran parte della vita. È considerato uno stato comune durante la vigilanza ma non elabora attivamente le informazioni. Alpha è stata collegata alla creatività (le persone creative mostrano l’alfa quando ascoltano e arrivano a una soluzione) e al lavoro mentale. L’attività alfa è anche associata al coordinamento generale di mente e corpo / mente, calma, prontezza e apprendimento.

Beta: 12-30 Hz Beta riflette l’elaborazione altamente attiva. Si verifica durante la normale coscienza di veglia e l’attenzione esteriore. Beta lenta: 12-17 è normale elaborazione delle informazioni e attività mentale; Beta veloce: 17-30 è maggiore prontezza e lotta o fuga o ansia.

Gamma: 30 – 100 Hz Questo è associato agli stati di veglia e può verificarsi quando elaboriamo simultaneamente informazioni in entrambi gli emisferi cerebrali. Anche balene e delfini operano in queste frequenze.

Risonanza

La fisica quantistica ha dimostrato che tutto nell’universo vibra e risuona con una frequenza unica. La risonanza si verifica quando un determinato sistema sintonizzato su una certa frequenza inizia a oscillare o amplifica la presenza di una frequenza esterna preferenziale. Quelle frequenze che massimizzano o amplificano un determinato oggetto sintonizzato su una frequenza specifica sono chiamate frequenze risonanti. Insieme, due frequenze hanno il potere di influenzarsi a vicenda, se entrambe sono accordate in accordo con la risonanza. In poche parole, una frequenza vibrazionale può armonizzarsi con un’altra. Se, ad esempio, colpisci un diapason di 100 cicli al secondo e lo avvicini a un altro diapason della stessa frequenza, il secondo diapason verrà messo in movimento.

L’entrainment è il processo mediante il quale due sistemi oscillanti interagenti, che hanno periodi diversi quando funzionano in modo indipendente, assumono un periodo comune. I due oscillatori possono cadere in sincronia, ma sono anche possibili altre relazioni di fase. Il sistema con la frequenza maggiore rallenta e l’altro accelera. In altre parole, una frequenza vibrazionale può sintonizzare l’altra, allenarla in armonia. È più che plausibile che gli esseri umani e varie forme di vita terrestre siano sintonizzati o risuonano a queste vibrazioni di Schumann della cavità Terra-ionosfera. Anche la ricerca in Russia ha confermato questo fenomeno.16, 17

Alterazioni delle risonanze di Schumann

Le frequenze di Schumann hanno avvolto la vita sulla Terra sin dal suo inizio. Le scariche elettriche atmosferiche generano onde elettromagnetiche a banda larga che si propagano tra la superficie e la ionosfera. Questi due strati definiscono la cavità ionosfera di superficie, che supporta due tipi di modalità elettromagnetiche: (i) modalità longitudinali corrispondenti alla propagazione globale, quasi orizzontale delle onde intorno al globo e in modalità trasversali correlate alla propagazione locale, quasi verticale tra la superficie e la ionosfera.

Spinti da un fulmine e influenzati dai brillamenti solari, questi impulsi di risonanza Schumann primari sono pensati per calibrarci e migliorare il nostro benessere fisico e mentale. Questa naturale risonanza ci aiuta a raggiungere i nostri stati di onde cerebrali ottimali, ma questo legame atmosfera-uomo è stato recentemente interrotto dall’elettrosmog di gran parte della tecnologia odierna. Sono stati condotti numerosi esperimenti sul tempo di reazione umano relativi alle risonanze di Schumann. König ha mostrato che i tempi di reazione umana erano significativamente correlati con l’intensità del segnale Schumann 8-10 Hz. Dieci (10) Hz hanno dimostrato di accelerare i tempi di reazione fisiologica, mentre i segnali a 3 Hz dai temporali locali hanno dimostrato di ridurre significativamente i tempi di reazione. Questo fenomeno può essere dimostrato da cambiamenti nei modelli EEG e assorbimento di ioni calcio nel cervello. La ricerca condotta da E. Jacobi all’Università di Düsseldorf ha dimostrato che l’assenza delle onde di Schumann crea problemi di salute mentale e fisica nel corpo umano.19 In seguito a questa ricerca, il professor R. Wever dell’Istituto Max Planck di fisiologia comportamentale in Erling-Andechs iniziò uno studio in cui costruì un bunker sotterraneo che schermava completamente i campi magnetici. Quindi ha fatto vivere studenti nel bunker per quattro settimane, dove sono stati chiusi ermeticamente in questo ambiente. Durante le quattro settimane, il professor Wever ha notato che i ritmi circadiani dello studente sono divergenti e che hanno sofferto di stress emotivo ed emicrania. Considerando che erano giovani e sani, non si presentavano gravi condizioni di salute – che probabilmente non sarebbe stato il caso di persone anziane o persone con sistema immunitario compromesso. Wever ha quindi aggiunto la frequenza di Schumann all’ambiente e i risultati sono stati sorprendenti. Dopo solo una breve esposizione a 7,8 Hz (la frequenza da lui sottoposta a screening), la salute dei volontari si è stabilizzata. Pertanto, sembra che le frequenze estremamente basse (da 6 a 30 Hz) e le lunghezze d’onda corrispondenti da 100.000 a 10.000 chilometri, rispettivamente delle scariche elettriche atmosferiche, fungano da stimolo per l’attività elettrica del cervello umano / animale e quindi costituiscono un parte significativa dell’orologio biologico degli animali oltre al ciclo diurno chiaro-scuro nell’ambiente terrestre. Ciò è in completo accordo con gli esperimenti di Wever (1979). Inoltre, sono state segnalate notevoli somiglianze di caratteristiche analogiche tra EMF sferici e potenziali di azione assonale nelle cellule nervose del cervello animale.

L’effetto dell’elettrosmog sulle risonanze di Schumann e sulla vita sulla Terra

La ricerca degli ultimi decenni dimostra che le alterazioni dell’attività geomagnetica della tecnologia elettromagnetica creata dall’uomo – “elettro-smog” – hanno causato cambiamenti significativi nell’intensità e nella stabilità della risonanza di Schumann. La tecnologia delle telecomunicazioni opera all’interno della cavità della ionosfera terrestre e questi segnali artificiali possono influenzare e persino cambiare la risonanza di Schumann in un flusso al di fuori del suo spettro normale. Questo a sua volta può potenzialmente indurre alterazioni della normale risonanza con molte forme di vita terrestri, influenzando in particolare i ritmi cerebrali e la sincronizzazione della fisiologia umana.

È stato dimostrato che l’esposizione all’elettrosmog causa molte diverse patologie fisiologiche.21, 22, 23, 24, 25, 26, 27, 28, 29, 30, 31 Tutti gli apparecchi, computer, TV, telefoni cellulari, radio, dispositivi digitali, condizionatori d’aria , illuminazione, linee elettriche, linee di comunicazione, onde d’aria, onde radio, ecc. producono campi elettromagnetici che possono disturbare le nostre biofrequenze. Queste frequenze elettromagnetiche dall’alto – interrompendo il nostro legame con la risonanza Terra-ionosfera – o dall’esposizione diretta, possono interferire con l’elettromagnetismo del corpo.

RICERCHE UFFICIALI SULLA RISONANZA DI SCHUMANN

STUDI CHE CONFERMANO CHE LE RISONANZE CURANO LE MALATTIE

FONTI CORRELATE

432Hz: LA MAGIA DELLE ONDE SONORE

 

Precedente LA RISONANZA DI SCHUMANN E' DAVVERO IN AUMENTO? Successivo LE CARATTERISTICHE DELLA SMART CITY