L’intelligenza dei corvidi, in proporzione, supera quella umana

Spesso si pensa che gli uccelli non siano dotati di intelligenza, questo studio ribalta questa convinzione. Le scimmie testate in queste ricerche con il PCTB 10, sono state ampiamente paragonabili a quelle di alcune specie di volatili, tra cui i corvi ed i pappagalli.

Gli uccelli hanno un cervello più piccolo del nostro e dimensioni relative rispetto al proprio corpo. Il cervello di pappagalli, corvi ed altri volatili dimostra che possiede una densità di neuroni superiori a quella ei mammiferi.

Grazie a questa densità neuronale, riescono a pianificare le azioni future, sono capaci di utilizzare strumenti e di crearne, risolvere problemi. A livello del palio hanno una densità neuronale superiore ben nove volte rispetto al cervello umano!

Sanno tenere il conto dei numeri fino a cinque, capire che un oggetto continua ad esistere anche fuori dal loro campo visivo, cose che gli umani riescono a controllare solo dopo i primi anni di vita.

Nel 1998, i ricercatori hanno somministrato alle ghiandaie vermi deperibili, uno dei loro cibi preferiti, gli uccelli li hanno nascosti per mangiarli più tardi, una pratica comune tra i corvidi. Il monitoraggio ha rivelato che le ghiandaie hanno smesso di recuperare i vermi dopo circa cinque giorni, proprio quando iniziava il processo di decadimento.

Nella favola di Esopo “Il corvo e la brocca”, un corvo assetato usa le pietre per alzare il livello dell’acqua in una brocca e dissetarsi.
I corvidi utilizza strumenti in natura e i corvi della Nuova Caledonia comprendono le proprietà funzionali degli strumenti e risolvono problemi fisici complessi tramite ragionamento causale e analogico.
In questo esperimento i partecipanti, quattro corvidi in cattività, hanno risolto un problema analogo alla favola di Esopo: alzare il livello dell’acqua in modo che un verme galleggiante si avvicinasse.

Tutti e quattro i soggetti hanno risolto il problema valutando esattamente quante pietre erano necessarie. Tre soggetti hanno anche imparato rapidamente a usare pietre grandi su quelle piccole e che la segatura non può essere manipolata allo stesso modo dell’acqua.

Questo comportamento dimostra una capacità flessibile di usare gli strumenti, una scoperta con implicazioni per l’evoluzione dell’uso degli strumenti e della cognizione negli animali.

L’intuizione è una caratteristica cognitiva che di solito è considerata generata dalla neocorteccia e presente solo negli esseri umani e possibilmente in alcuni primati strettamente correlati.

I corvidi mostrano abilità comportamentali all’interno dei domini della permanenza dell’oggetto, della memoria episodica, della teoria della mente e dell’uso di strumenti / ragionamento causale di cui sono perspicaci.

Memoria visiva, problem solving creativo, apprendimento analogo

In un esperimento del 2014, sono state mostrate tre carte ai corvi, ciascuna con un colore o una forma su di essa. La carta centrale corrispondeva a una delle due carte su entrambi i lati, entrambe sopra delle piccole tazze. Una ricompensa è stata posta nella tazza con la carta corrispondente.

I due corvi non hanno tardato nell’individuare la ricompensa abbinandole.

Quando i ricercatori hanno cambiato il compito, non facendo corrispondere nessuna delle carte ma disponendone due con qualità simili, i corvi hanno usato le abilità acquisite nel primo esperimento per padroneggiare il secondo, abbinando proprio le due simili.

Memoria a lungo termine

I ricercatori dell’Università di Washington avevano la sensazione che i corvi nel campus, alcuni dei quali portavano temporaneamente in laboratorio occasionalmente, potessero riconoscerli.

er vedere se gli uccelli ricordavano davvero i volti umani, nel 2010 questi ricercatori hanno indossato le maschere, quindi si sono comportati in modo “pericoloso” catturando e rilasciando cinque gruppi di massimo 15 corvi intorno a Seattle.

Per i successivi tre anni, i corvi hanno rimproverato e assalito chiunque indossasse la maschera “pericolosa”, reclutando altri corvi per attaccare gli umani offensivi. Lo studio ha rivelato che una singola interazione negativa è tutto ciò che serve ai corvi per formare un rancore.

Fonte: www.sorox.org

 

Precedente Netflix impedirà alle persone che vivono separatamente di utilizzare lo stesso account Successivo Verdetto sul divieto di Trump su Facebook