Khashoggi contro 50.000 bambini yemeniti massacrati

Spread the love

Il Parlamento europeo ha chiesto il 25 ottobre l’immediato embargo sulla vendita di armi all’Arabia Saudita, sanzionando così il Regno della canaglia dell’Arabia Saudita che si unisce a Stati Uniti e Israele come principale fornitore di criminalità in tutto il Medio Oriente e il mondo.

La Francia ha comunque affermato che applicherà le sanzioni solo se sarà dimostrato che Riyadh è stata effettivamente coinvolta nell’uccisione del controverso giornalista saudita. La signora Merkel almeno giorni fa ha affermato che la Germania non avrebbe più fornito armi ai sauditi, a causa dell’efferato crimine commesso su Jamal Khashoggi.

Bambini yemeniti
Bambini yemeniti

Senza dubbio, è stato un orribile omicidio avvenuto nel consolato saudita a Istanbul, con il corpo di Jamal Khashoggi forse fatto a pezzi e, secondo gli ultimi resoconti, sepolto nel cortile del consolato.

E tutto ciò ora ammesso, eseguito per ordine di Riyadh. Per attutire il colpo, per motivi di lavoro, alcuni paesi europei vorrebbero sostenere che potrebbe non essere stato un omicidio premeditato, ma forse un “incidente” mortale, che ovviamente cambierebbe le premesse e diminuirebbe la punizione – e la vendita di armi potrebbe Continua. Sono comunque tutti affari.

L’Europa non ha morale, né etica, né niente. L’Europa, rappresentata da Bruxelles, e a Bruxelles dalla Commissione Europea (CE) non eletta, a tutti gli effetti pratici è un semplice nido di vermi, o tradotto in esseri umani, un nido di criminali dai colletti bianchi, politici, uomini d’affari e in gran parte una popolazione sottoposta al lavaggio del cervello di quasi 500 milioni.

Ci sono alcune eccezioni all’interno della popolazione e fortunatamente il loro bacino di “risvegliati” sta crescendo dolcemente.

Anche la Svizzera, Paese neutrale secondo la sua Costituzione, non membro dell’Ue, ma fedele aderente alla (non) Unione Europea attraverso più di 110 contratti bi e multilaterali, è stato rivelato ieri, sta assistendo in Arabia Saudita convertire l’elicottero Pilatus di fabbricazione svizzera (civile) in una feroce macchina da guerra.

Pilatus ha sempre avuto quella reputazione della sua controversa convertibilità ed era particolarmente conosciuto in Svizzera per questo motivo – ma ora superano il limite del tollerabile, aiutando i criminali e guerrafondai sauditi a montare una macchina da guerra volante nel loro, i sauditi, paese – totalmente contro la legge svizzera e contro la Costituzione svizzera, ma pienamente tollerato dal governo svizzero.

Ci è voluto l’orrendo omicidio di un famoso giornalista critico saudita e di nazionalità saudita, perché gli europei reagissero – e questo, badate bene, a malincuore. 

Per tre anni e mezzo, i sauditi hanno condotto una guerra orrenda contro lo Yemen. Hanno massacrato decine di migliaia di yemeniti – secondo la Commissione per i diritti umani delle Nazioni Unite più di 50.000 bambini sono morti a causa di raid aerei sauditi con bombe fornite dal Regno Unito e aerei da guerra forniti dagli Stati Uniti – per mancanza di servizi igienici e malattie indotte dall’acqua potabile, come il colera – e un crimine ancora peggiore, attraverso la carestia estrema, la peggiore carestia della storia recente – secondo UNICEF/OMS – imposta con la forza, poiché i sauditi con il consenso degli alleati europei hanno chiuso tutti i porti di ingresso, compreso l’umido importante porto del Mar Rosso di Hodeida.

La condizione dei bambini in un mondo neoliberista

Gli europei, insieme agli Stati Uniti, sono stati più che complici di questo crimine contro l’umanità, di questi orrendi crimini di guerra. Immaginate un giorno un tribunale tipo Norimberga contro i crimini di guerra commessi negli ultimi 70 anni, nessuno dei leader occidentali, ancora in vita, sarebbe stato risparmiato.

Questo è ciò che noi, in Occidente, siamo diventati. Un nido di criminali di guerra – criminali di guerra per pura avidità. Hanno inventato un sistema di dottrina neoliberista, tutto va bene per il mercato, dove nessuna regola, nessuna etica, nessuna morale conta – solo denaro, profitto e ancora profitto.

Qualsiasi metodo per massimizzare il profitto – guerra e industria bellica – è buono e accettato. E l’occidente con il suo denaro fiat fatto di aria fritta, sta imponendo questo sistema nefasto e distruttivo ovunque, con la forza e il cambio di regime se l’accettazione volontaria non è nelle carte.

E noi, la gente, ne siamo diventati complici, poiché viviamo nel lusso e nel comfort, e non ce ne frega niente di quello che i nostri leader (sic-sic) stanno facendo al resto del mondo, ai cosiddetti minori umani, che vivono nello squallore come rifugiati, le loro case e le loro città distrutte, bombardate in cenere, niente scuole, niente ospedali e in larga misura niente cibo – sì, circa 70 milioni e più di rifugiati sono ogni giorno in movimento, la maggior parte di loro da il Medio Oriente distrutto dall’occidente.

Perché dovremmo preoccuparci? Viviamo bene.

Al contrario, questi profughi potrebbero rubarci il lavoro. Lascia che non invadano i nostri paradisi di lusso. Piuttosto continuano a bombardare i loro paesi in macerie.

Lo Yemen, strategicamente molto ricercato, non dovrebbe, ovviamente, essere governato dagli Houthi, un gruppo di musulmani rivoluzionari di tendenza socialista che fa parte dello Shia Zaidi, un ramo dell’Imamiya sciita dell’Iran.

Alla fine si ammalarono e si stancarono della decennale manipolazione del loro governo da parte di Washington. E chi meglio dei tirapiedi dell’Arabia Saudita per fare il lavoro sporco per Washington? – E, sì, non devono farlo da soli. Le forniture di armi provengono da tutta Europa, principalmente dal Regno Unito e dalla Francia, anche dalla Spagna, e per un po’ anche dalla Germania – e beh, dalla Svizzera neutrale.

Non importa che decine di migliaia di bambini vengano uccisi, che secondo la Commissione per i diritti umani, fino a 22 milioni di yemeniti (su circa 30 milioni di abitanti), sono in pericolo di grave carestia, e questo include almeno 8 milioni di bambini – bambini che per la maggior parte non hanno più accesso a scuole, servizi sanitari e cibo – un’intera generazione o più senza istruzione, un divario ben pianificato e premeditato nella società, come nel caso di Siria, Iraq e Afghanistan.

Uccidendo e privando i bambini dei bisogni primari, l’occidente sta creando un divario crescente di persone istruite, di persone che possono e altrimenti lotterebbero per i loro paesi, per le loro società. Ma – sono andati. Ciò rende molto più facile per l’Occidente il solo prendere il sopravvento: la loro posizione strategica,

Non è forse un pensiero per il popolo illustre che vive nel lusso occidentale, rilassarsi nei propri fauteuil e pensare? – E se un giorno le carte in tavola si capovolgessero – e noi occidentali dovessimo affrontare la giustizia? – Qualcuno in Occidente è abbastanza audace e realistico da vedere un’immagine del genere? – E come vediamo in questi giorni – la storia avanza a passi da gigante.

E ‘il 21 ° secolo – Intelligenza Artificiale (AI) ha più di fatto breccia nella nostra società. E se – se quelli che consideriamo inferiori e nostri nemici, sono in realtà qualche passo avanti a noi nella scienza dell’intelligenza artificiale – e potessero invertire il quadro piuttosto rapidamente?

E mentre ci chiediamo perché gli yemeniti massacrati dai sauditi non sollevino un polverone nei media occidentali, ma l’uccisione saudita di un giornalista lo fa, per tutto il tempo il nostro FMI lineare ha fornito proiezioni di aumento del PIL occidentale di numeri fantastici entro il 2030, indipendentemente dal 20% di disoccupazione grazie all’intelligenza artificiale, che alcuni prevedono: tutte queste cifre contraddittorie non sono importanti, mentre possiamo uccidere bambini yemeniti.

Bambino yemenita
Jibril Mohammed Ali Al-Hakami, 2, lies on a bed at the al-Thawra hospital where he receives treatment for malnutrition in Hodeidah, Yemen November 17, 2018. Picture taken November 17, 2018. REUTERS/Abduljabbar Zeyad

Ma ci vuole l’omicidio di Khashoggi che potrebbe fermare – anche se solo temporaneamente, e solo se siamo fortunati – la macchina da guerra saudita. La popolazione dello Yemen non è importante.

Come mai?

Perché ci vuole l’assassinio di un giornalista – ammesso, un orrendo e macabro omicidio da parte del governo del suo stesso paese – non importa quanto sia stato controverso Jamal Khashoggi, ha scritto per il nostro MSM occidentale, per i veritieri, come il Washington Post e il New York Times.

Ciò potrebbe aver contribuito a renderlo più importante di 50.000 bambini yemeniti massacrati e mutilati – più importante nel senso che solo attraverso il suo abietto omicidio, l’europeo – forse – reagirà e “sangherà” i sauditi.

Ma anche questo non è sicuro – poiché il Transatlantic Master Trump, ha molti assi nella manica, che può offrire o costringere i burattini dell’UE a seguire il suo esempio atroce e risparmiare Riyadh da qualsiasi punizione, specialmente per quanto riguarda le armi.

Dopo tutti i suoi affari. I bambini morti sono proprio questo, yemeniti morti, una generazione in meno di cui preoccuparsi.

Peter Koenig è un economista e analista geopolitico. È anche uno specialista delle risorse idriche e dell’ambiente. Ha lavorato per oltre 30 anni con la Banca Mondiale e l’Organizzazione Mondiale della Sanità in tutto il mondo nei settori dell’ambiente e dell’acqua. Insegna nelle università degli Stati Uniti, dell’Europa e del Sud America. Scrive regolarmente per Global Research; ICH; RT; Sputnik; PressTV;

Il 21 ° secolo; TeleSUR; The Vineyard of The Saker Blog, il New Eastern Outlook (NEO); e altri siti internet.  È l’autore di Implosion – An Economic Thriller about War, Environmental Destruction and Corporate Greed – fiction basata sui fatti e su 30 anni di esperienza della Banca Mondiale in tutto il mondo.  È anche coautore di The World Order and Revolution! – Saggi dalla Resistenza.

Peter Koenig è un ricercatore associato del Center for Research on Globalization.

Precedente La sfida di svapo di TikTok allerta gli esperti di salute Successivo Il drone di Elon Musk è stato indagato