Iran, esplosione nella centrale nucleare di Natanz

Spread the love

L’Iran sta cavalcando la potenziale perdita del suo più avanzato impianto di produzione dopo una sorta di esplosione e un incendio gravemente danneggiato. Naturalmente, gli iraniani sono piuttosto chiusi riguardo all’incidente. Non hanno parlato molto del fuoco e dell’esplosione di quella che si sospettava fosse una struttura di ricerca nucleare nelle montagne fuori Teheran. Ma è difficile nascondere ciò che è accaduto a Natanz, la struttura nucleare con il più alto profilo nel paese. E l’Iran sta suggerendo che la distruzione della sua avanzata fabbrica di centrifughe potrebbe essere stata causata da una sorta di variazione del virus informatico Stuxnet.

Forbes:

L’Iran sta rivendicando un incendio e una possibile esplosione nella sua centrale nucleare di Natanz il 2 luglio potrebbe essere stata causata da un attacco informatico e sta minacciando ritorsioni in risposta. L’Organizzazione iraniana per l’energia atomica ha confermato che si è verificato un incidente nel sito nucleare dove nel 2010 un attacco informatico altamente sofisticato da parte dello stato nazionale è stato orchestrato dagli Stati Uniti e da Israele, ora noto come Stuxnet. I funzionari iraniani credono di conoscere la causa. Inizialmente, l’agenzia non ha fornito informazioni su come era avvenuto il nuovo incidente, né ha rivelato quanti danni sono stati fatti sottoterra dove si svolgono la maggior parte dei lavori di assemblaggio sulle “centrifughe” nucleari, ma ha condiviso un’immagine dell’edificio bruciato. Ora, l’Iran afferma di essere a conoscenza della causa dell’incidente, ma non rivelerà queste informazioni a causa di “considerazioni di sicurezza”, secondo un rapporto di Reuters. Israele si sta divertendo molto, non confermando o negando qualsiasi sabotaggio. Ma il modo in cui i funzionari israeliani denunciano le loro smentite mostra che qualcuno in Mossad ha un senso dell’umorismo.

Reuters:

Alla domanda se Israele avesse qualcosa a che fare con le “misteriose esplosioni” nei siti nucleari iraniani, il ministro della Difesa israeliano Benny Gantz ha dichiarato: “Non tutti gli incidenti che accadono in Iran hanno necessariamente a che fare con noi”. “Tutti questi sistemi sono complessi, hanno vincoli di sicurezza molto elevati e non sono sicuro che sappiano sempre come mantenerli”, ha detto Gantz alla Radio israeliana. In altre parole, gli iraniani sono così stupidi e inetti che potrebbero non sapere come impedire ai loro sistemi di esplodere. E l’incidente “non tutti” è il sabotaggio israeliano. Indovina quali sono, manichini. Nel frattempo, le immagini satellitari mostrano che qualunque cosa o chiunque fosse responsabile dell’esplosione, il danno è molto più esteso di quanto le autorità iraniane abbiano lasciato intendere.

The Guardian:

Le immagini satellitari recentemente pubblicate mostrano che un incidente in uno dei principali siti nucleari dell’Iran questa settimana ha causato danni molto più estesi di quanto rivelato dalle autorità, intensificando i sospetti che potrebbe essersi verificato un attacco alla struttura.

Un’immagine satellitare pubblicata dall’iraniano Iran International, con sede a Londra, mostra la maggior parte dell’edificio in cui si è verificato l’incidente di giovedì mattina spazzato via e annerito da segni di bruciature e detriti sparsi lungo il perimetro, indicando una grande esplosione.

Iran/Israele E’ in atto una guerra informatica?

Precedente Trump termina il "trattamento speciale" di Hong Kong e annuncia altre sanzioni Successivo Iran/Israele E' in atto una guerra informatica?