Iran/Israele E’ in atto una guerra informatica?

Spread the love

L’Iran si ribella alle sempre maggiori sanzioni statunitensi e al crollo dei prezzi del petrolio insieme ai suoi travagli per il COVID-19 e la sua guerra cibernetica con Israele potrebbe solo riscaldarsi.Il “Post” ha stampato un articolo su un attacco informatico israeliano contro il porto iraniano di Shahid Rajaee il 9 maggio che ha causato, secondo il giornale, “enormi backup su vie navigabili e strade che conducono alla struttura”. Gli analisti israeliani ritengono che ciò indichi che Israele, attraverso gli Stati Uniti o in tandem, desiderasse inviare un messaggio pubblico e chiaro a Teheran in merito alle sue capacità informatiche e alla sua disponibilità a usarli. Quel messaggio, a sua volta, è stato reso necessario da un attacco informatico iraniano sull’infrastruttura idrica israeliana del 24 aprile. Sebbene sia stato sventato e non abbia causato altro che lievi danni temporanei, secondo quanto riferito i funzionari israeliani erano “sbalorditi” dalla sfacciata dell’Iran nel varcare una linea rossa.

Come ha sottolineato un commentatore israeliano , un attacco a infrastrutture civili vitali potrebbe causare “migliaia di vittime e danni materiali in più rispetto al danno cinetico della bomba”. Un altro commentatore israeliano ha affermato che il cyberstrike iraniano “potrebbe essere stato un tentativo di aggiungere sostanze chimiche alla fornitura idrica israeliana o un attacco biologico”.

Il New York Times ha affermato che “l’attacco ai sistemi informatici nel porto di Shahid Rajaee … era di portata limitata, creando ingorghi di camion di consegna e alcuni ritardi nelle spedizioni, ma senza causare danni sostanziali o duraturi”.

Lo sciopero israeliano, in altre parole, è stato un successo e ha raggiunto – almeno a livello tecnico – il suo obiettivo. Al contrario, dice il Times , il tentativo dell’Iran di “attaccare Israele e la sua qualità è stata descritta dall’intelligence come infelice”.

Il risultato è che Israele ha vinto questo round con un avviso calibrato. Ciò significa che l’Iran sarà abbastanza razionale da ascoltare l’avvertimento e desistere dal gioco? Israele, ovviamente, non è abbastanza sciocco da fare questa ipotesi.

The Times ha scritto che “Un funzionario dell’intelligence ha affermato che Israele spera che l’attacco al porto finirà questo scambio informatico, ma che secondo una valutazione dell’intelligence, le guardie rivoluzionarie [iraniane] risponderanno attaccando di nuovo Israele”.

Israele sta davvero ” preparando un potenziale attacco informatico iraniano o iraniano in risposta” al suo attacco al porto, ei suoi “funzionari della sicurezza [hanno] incaricato agenzie e strutture sensibili di aumentare la loro … preparazione per … un attacco informatico di ritorsione come parte di un’apparente nuova guerra tit-for-tat . “

Apparentemente, tra i suoi gravi problemi, una guerra del genere con un cyber nemico superiore non è ciò di cui l’Iran ha bisogno a questo punto. Ma considerando che il regime ha sempre messo il benessere della sua popolazione in secondo piano rispetto ai suoi obiettivi di “esportazione della rivoluzione” e di distruzione di entità “sataniche” percepite, la sua razionalità non è nulla su cui contare.

Teheran spera anche che le elezioni statunitensi di novembre lo ripaghino. Se vince, Joe Biden penserà seriamente di allentare le sanzioni liberando miliardi di dollari in più per il regime e i suoi sforzi?

Nel frattempo, si è verificata un esplosione nel sito nucleare iraniano di Natanz:

Iran, esplosione nella centrale nucleare di Natanz

P. David Hornik, fonte
Precedente Iran, esplosione nella centrale nucleare di Natanz Successivo La stima della popolazione mondiale nel 2025 è agghiacciante