I Musicisti: Guaritori del Futuro

Spread the love

Vi siete mai chiesti perché si hanno i brividi lungo la schiena ogni volta che ci si siede nella poltrona del dentista o quando si  sta per partire sulle montagne russe? Sono prodotte da una risposta di paura condizionata, che può essere appreso a seguito di una brutta esperienza e ricordato ogni volta che certi stimoli relativi a tale evento si presentano. Anche se questo concetto è certo una novità, gli scienziati hanno per la prima volta identificato delle particolari onde cerebrali che sembrano regolare questa risposta, potenzialmente aprendo la porta a nuovi trattamenti per condizioni come il disturbo da stress post-traumatico.La capacità del cervello di apprendere e ricordare i comportamenti condizionati è stato notoriamente illustrato da Ivan Pavlov ed i suoi cani  nel 19 ° secolo, numerosi studi successivi hanno rivelato come questo fenomeno può essere manipolato per suscitare la paura e la fame. I roditori, per esempio, possono essere facilmente addestrati a congelare dopo aver sentito un tono che sono venuti ad associare con una esperienza traumatica come il dolore.Un nuovo studio sulla rivista Nature Neuroscience può avere finalmente fornito una risposta, il che suggerisce che le oscillazioni delle onde cerebrali di una particolare frequenza possono servire a creare uno stato cerebrale di “paura”, generando comportamenti condizionati associati con la paura.Studi precedenti hanno dimostrato che tali risposte al terrore condizionata dipendono da una interazione tra le regioni del cervello chiamato dorsale corteccia prefrontale mediale (dmPFC) e basolaterale (BLA). Per ottenere una più profonda comprensione di questo processo, gli scienziati hanno formato un gruppo di topi a sviluppare una risposta di paura a un rumore, mentre si misura la loro attività neurologica utilizzando elettrodi che erano stati impiantati in queste regioni del cervello.

Hanno scoperto che, poco prima del coamigdalangelamento in risposta al tono, i neuroni del dmPFC iniziato a mostrare attività elettrica che oscillava alla frequenza di 4 Hertz. Poco dopo, i neuroni della BLA adottato la stessa frequenza, così diventando sincronizzato con il dmPFC. Quando questa oscillazione cessato nel dmPFC, i topi divenne cellulare nuovo, e l’oscillazione è stato poi interrotto nel BLA. Questo ha portato i ricercatori a concludere che la generazione di oscillazioni da 4-Hertz nei circuiti prefrontale-amigdala serve a regolare le risposte condizionate di paura, e che questo processo è guidato dalla dmPFC.A conferma di ciò, i ricercatori hanno condotto un secondo test utilizzando topi che erano stati geneticamente modificati per la produzione di alcune proteine sensibili alla luce che, quando hanno attivato da una luce lampeggiante, hanno spinto i neuroni del mPFC a sparare a 4 Hertz. È interessante notare che, anche quando i topi non erano stati condizionati a temere un certo stimolo, le oscillazioni del BLA ancora divennero sincronizzate con quelle del mPFC, causando il congelamento
le onde del cervello di 4 Hertz rientrano nella categoria delle onde theta, che vanno da 3 a 8 Hertz e sono stati precedentemente associati con i processi di apprendimento e memoria. Tuttavia, identificando la frequenza e circuito specifico coinvolto nel suscitare risposte condizionate alla paura, gli autori dello studio sperano di avere sbloccato un percorso chiave per il trattamento di quelli con una serie di disturbi legati alla paura.Le onde del cervello di 4 Hertz rientrano nella categoria delle onde theta, che vanno da 3 a 8 Hertz e sono state precedentemente associate con i processi di apprendimento e memoria. Tuttavia, identificando la frequenza e il circuito specifico coinvolto nel suscitare risposte condizionate alla paura, gli autori dello studio sperano di avere sbloccato un percorso chiave per il trattamento di quelli con una serie di disturbi legati alla paura.

Precedente Lievito in grado di produrre THC Successivo MORLUPO (Le Origini della via Flaminia)