Dopo il gatto, ora salta fuori il primo cane a risultare positivo per il coronavirus negli Stati Uniti

Il primo cane a essere risultato positivo per il coronavirus negli Stati Uniti è morto, secondo quanto riferito da National Geographic mercoledì. Il pastore tedesco, che si chiamava Buddy e viveva con i suoi proprietari in una casa a Staten Island, New York, è morto l’11 luglio, secondo la rivista.

I laboratori nazionali di servizi veterinari del Dipartimento dell’Agricoltura hanno annunciato all’inizio di giugno il primo caso confermato di un cane che contrae il virus negli Stati Uniti, ma i dettagli non sono stati resi pubblici. Buddy iniziò a lottare per respirare a metà aprile, proprio prima del suo settimo compleanno. Probabilmente aveva anche un linfoma, un tipo di cancro, il National Geographic, che riportava citando le cartelle cliniche fornite dai suoi proprietari e recensite da due veterinari non coinvolti nel trattamento del cane.

Se questo virus fosse pericoloso, dopo gli assembramenti, gli sbarchi infetti, cani e gatti contagiati , avremmo miliardi di morti, i morti però restano minori di una comune infulenza.

Il gatto diventa il primo animale a risultare positivo al coronavirus nel Regno Unito

 

Precedente Voto dei Senatori per la proroga dello stato di emergenza del coronavirus Successivo Perez era tra quelli che non si inginocchiarono, oggi risulta positivo al coronavirus:escluso dal GP di Silverstone