PERCHÉ GLI EBREI ORTODOSSI NON SONO  SIONISTI

I rappresentanti di Neturei Karta sono coinvolti in molte attività, tra cui manifestazioni contro il sionismo e a sostegno del popolo palestinese.Viaggiano anche per il mondo per promuovere la causa e diffondere la posizione della Torah tenendo discorsi e pubblicizzando gli insegnamenti della Torah attraverso interviste e dichiarazioni ai media.

Prima alcune introduzioni:

1) Che cos’è “Il popolo di Israele”?

  • Il popolo di Israele esiste da migliaia di anni.
  • Hanno la loro natura particolare, essenziale.
  • La Torah è la fonte della loro natura essenziale.
  • Senza Torah e Fede non c’è popolo di Israele.
  • Chiunque nega la Torà e la Fede non fa più parte del popolo di Israele.
  • Lo scopo del popolo di Israele in questo mondo è il servizio divino.
  • La loro salvezza è l’occupazione nel servizio divino.

2) Che cos’è il sionismo?

  • Il sionismo è una cosa relativamente nuova.
  • È esistito solo per un secolo.
  • Il sionismo ridefinisce la vera natura essenziale del popolo di Israele e lo sostituisce con un carattere completamente contraddittorio e opposto – una nazione materialista materialista.
  • La loro sventura è la mancanza di ciò che le altre nazioni possiedono, cioè uno stato e un esercito.
  • La loro salvezza è il possesso di uno stato e di un esercito ecc.
  • Ciò è chiaramente spiegato nei circoli del pensiero sionista, e tra i leader dello stato sionista, che cambiando la natura e il carattere del popolo di Israele e cambiando il loro modo di pensare possono mettere davanti al popolo di Israele “loro salvezza “- uno stato e un esercito.

Il popolo di Israele si oppone al cosiddetto “Stato di Israele” per quattro motivi:

PRIMO – Il cosiddetto “Stato di Israele” è diametralmente opposto e completamente contraddittorio con la vera essenza e fondamento del Popolo di Israele, come spiegato sopra. L’unica volta in cui al popolo di Israele fu permesso di avere uno stato fu duemila anni fa quando la gloria del creatore era su di noi, e allo stesso modo in futuro quando la gloria del creatore verrà nuovamente rivelata, e il mondo intero Lo servirà, poi Lui stesso (senza alcuno sforzo umano o forza d’armi) ci garantirà un regno fondato sul servizio divino. Tuttavia, uno stato mondano, come quelli posseduti da altri popoli, è in contraddizione con la vera essenza del popolo di Israele. Chi chiama questo la salvezza di Israele dimostra di negare l’essenza del popolo di Israele e sostituisce un’altra natura, una natura materialistica mondana, e quindi pone davanti a loro una “salvezza” materialistica mondana e i mezzi per raggiungere questa “salvezza “è anche mondano e materialista, cioè organizzare una terra e un esercito. Tuttavia, la vera salvezza del popolo di Israele è avvicinarsi al Creatore. Questo non è fatto dall’organizzazione e dalla forza delle armi. Piuttosto è fatto dall’occupazione alla Torah e dalle buone azioni.

SECONDO – Per tutti questi e altri motivi la Torà ci proibisce di porre fine all’esilio e di stabilire uno stato e un esercito fino a quando il Santo, beato Lui, nella sua gloria ed essenza ci redimerà. Ciò è vietato anche se lo stato è condotto secondo la legge della Torah perché è vietato sorgere dall’esilio stesso, e siamo tenuti a rimanere sotto il dominio delle nazioni del mondo, come spiegato nel libro VAYOEL MOSHE. Se trasgrediremo questa ingiunzione, Egli ci procurerà (possa essere risparmiato) una punizione terribile.

TERZO – A parte il sorgere dall’esilio, tutte le azioni dei sionisti sono diametralmente opposte alla Fede e alla Torah. Perché il fondamento della Fede e della Torà di Israele è che la Torà fu rivelata dal cielo, e c’è ricompensa per coloro che le obbediscono e punizione per coloro che la trasgrediscono. L’intero popolo di Israele è tenuto a obbedire alla Torah, e chiunque non lo desideri, cessa di far parte della congregazione di Israele.

QUARTO – A parte il fatto che essi stessi non obbediscono alla Torah, fanno tutto il possibile per impedire a chiunque ottengano sotto il loro potere di adempiere ai comandi della Torah, le pretese di libertà di religione sono menzogne. Combattono con tutte le loro forze per distruggere la Fede di Israele.

I sionisti affermano di essere i salvatori di Israele, ma questo è confutato da dodici cose:

PRIMO – Se uno contempla i duemila anni del nostro esilio, impiega cento anni anche il più duro, non si troveranno così tanta sofferenza, spargimento di sangue e catastrofi per il popolo di Israele nel periodo dei sionisti, ed è noto che la maggior parte della sofferenza di questo secolo è stata causata dai sionisti, come avvertito dai nostri rabbini.

SECONDO – È apertamente affermato nei libri scritti dai fondatori del sionismo che i mezzi con cui avevano pianificato di stabilire uno stato erano istigando l’antisemitismo e minando la sicurezza degli ebrei in tutte le terre del mondo, fino a quando sarebbe costretto a fuggire al loro stato. E così fecero: fecero infuriare intenzionalmente il popolo tedesco e alimentarono le fiamme dell’odio nazista e aiutarono i nazisti, con l’inganno e l’inganno, a portare intere comunità ebraiche nei campi di concentramento, e gli stessi sionisti lo ammettono. (Vedi i libri Perfidy, Min Hameitzor, ecc.). I sionisti continuano a praticare questa strategia oggi. Incitano l’antisemitismo e poi si presentano come i “salvatori”. Ecco due risposte fornite dai leader dei sionisti durante la seconda guerra mondiale, quando furono loro richiesti soldi per aiutare a riscattare gli ebrei dai nazisti. Greenbaum ha detto “Una mucca in Palestina vale più di tutti gli ebrei in Polonia”. (Dover vietato).
Weitzman ha detto: “La parte più importante del popolo ebraico è già nella terra (di Israele) e coloro che sono rimasti, non sono importanti” (possiamo essere risparmiati).

TERZO – Vediamo che la maggior parte degli ebrei del mondo vive in sicurezza e in buone condizioni fisiche, e non ha alcun desiderio di vivere nello stato sionista. Mentre molte persone hanno lasciato lo stato sionista per vivere in condizioni migliori in altre terre.

QUARTO – I sionisti fanno molta propaganda per indurre le persone ad immigrare nel loro stato. Se il loro stato è così utile perché devono fare così tanta propaganda.

QUINTO – Perché nessuno vuole che i sionisti li “salvino”. L’unico modo in cui possono ottenere immigrati è promettere benefici materiali ai poveri e anche allora pochissime persone rispondono.

SESTO – Lo stato sionista è sempre minacciato dai pericoli della guerra. Considerando che il resto del mondo ebraico vive in pace e sicurezza (tranne che in alcuni luoghi in cui i sionisti hanno minato la loro sicurezza e alimentato le fiamme dell’odio)

SETTIMO – Lo stato sionista non potrebbe continuare a esistere senza il sostegno economico degli ebrei che vivono al di fuori dello stato sionista.

OTTAVO – Lo stato sionista è sull’orlo del collasso economico e il loro denaro è quasi senza valore.

NONO – Lo stato sionista perseguita tutti gli ebrei fedeli alla loro fede.

DECIMO – Iniziano guerre che mettono in pericolo il popolo ebraico, per il bene dei propri interessi politici.

Undicesimo – Secondo la Torah, il percorso della sicurezza sta seguendo le vie della pace non iniziando a combattere con altre nazioni, come fanno i sionisti.

Dodicesimo – Anche se i sionisti potessero e fornissero sicurezza fisica, sarebbe a spese della nostra Fede e della nostra Torah il vero Popolo di Israele preferisce la morte piuttosto che la vita a tale costo.

È quindi chiaro che il sionismo non è il salvatore del popolo di Israele. Piuttosto è la loro più grande sfortuna.

Anche se ci sono alcuni ebrei e rabbini osservanti, che approvano i sionisti, questa non è l’opinione della Torah.

I sionisti hanno abbastanza controllo sui media americani per assicurarsi che venga ascoltata solo la loro parte della storia.

Lo fanno sembrare come tutti gli ebrei e i loro rabbini sono sionisti, ma questa è falsa propaganda.

I rabbini più importanti e la maggior parte degli ebrei religiosi sono contrari al sionismo, ma la loro voce non viene ascoltata a causa del controllo sionista dei media americani.

I sionisti terrorizzano tutti coloro che parlano contro di loro.

Quella parte delle masse ebraiche che è ingannata dalla propaganda sionista mette sotto pressione i loro rabbini affinché non parlino.

Tra il terrore e la pressione delle masse, alla maggior parte dei rabbini viene impedito di parlare.

Portiamo tre testimonianze della vera opinione della Torah.

1) Negli ultimi duemila anni dei pericoli e delle sofferenze dell’esilio non una volta nessuno dei Saggi di Israele ha suggerito di creare uno stato per proteggerci. In ogni generazione avevamo migliaia di saggi ben versati nella Torah.

2) Abbiamo migliaia di lavori legali sulla legge della Torah che ci sono stati tramandati dai saggi di tutte le generazioni. Non una volta vediamo una parola che suggerisce la creazione di uno stato. Ciò che troviamo sono avvertimenti contro di esso.

3) I fondatori del sionismo erano tutti atei che negavano la Torah. Tutti i Saggi della Torah di quel tempo si opposero a loro e si opposero al sionismo, dicendo che il sionismo avrebbe portato solo alla distruzione.

Tuttavia, il vero Popolo di Israele non cambierà mai la sua natura né rinuncerà alla sua Fede a causa della forza che il Creatore dà loro.

Il sionismo è una crescita straniera nel corpo del popolo ebraico. La fine sarà che si libererà da questa crescita straniera e rimarrà pura.

Il sionismo ha vinto il popolo ebraico con la forza, la frode e il terrore, ma nulla di tutto ciò li aiuterà perché la verità rimarrà sempre con l’aiuto del Creatore.

Il sionismo non sostituirà il popolo ebraico. Il popolo ebraico rimarrà forte nella sua fede e lo stato sionista cesserà di esistere.

È quindi nostra richiesta che lo Stato che si definisce ISRAELE, cessi di esistere. Dal momento che ciò non avverrà, chiediamo che cessino di chiamarsi “Israele”, poiché il loro intero essere è in completa opposizione al vero Popolo di Israele. Il vero popolo di Israele nega loro il permesso di chiamarsi con quel nome. I leader sionisti non hanno il diritto di costituirsi come rappresentanti e portavoce del vero Popolo dell’ISRAEL.

Dal momento che sappiamo che non soddisferanno questa richiesta o riteniamo che almeno gridiamo la verità. La verità rimarrà sempre la verità. In nessun modo o forza la verità può essere cambiata. Anche se tutto il mondo direbbe che uno e uno sono tre, la verità rimarrà che uno e uno sono due.

Lascia che sia dichiarata la verità. L’uso del nome “ISRAELE” da parte di quello Stato è una completa falsificazione. Il popolo di Israele non ha nulla a che fare con quello stato. Il sionismo e il suo stato non hanno alcuna parte e nessuna parte nel vero ISRAELE.

Sorgente

https://www.nkusa.org/AboutUs/Zionism/opposition.cfm

Precedente I Segni della Carenza di Vitamina D Successivo Contagi Covid-19 nel territorio italiano