La più grande catena di hot pot della Cina, che ha reso il suo proprietario il ristoratore più ricco del paese, afferma che chiuderà 300 ristoranti entro la fine dell’anno

Spread the love

Haidilao ha affermato che sta sospendendo o chiudendo 300 negozi a causa del basso traffico di clienti e dei risultati insoddisfacenti.

Il fondatore della catena, Zhang Yong, ha visto il suo patrimonio netto crollare di quasi il 40% dal 2019 a circa 8,8 miliardi di dollari.

Le azioni di Haidilao a Hong Kong sono aumentate dell’11% oggi alla notizia della chiusura dei negozi. Ma sono ancora in calo del 66% da inizio anno.

Il gigante cinese degli hot pot Haidilao ha dichiarato che sospenderà o chiuderà 300 negozi entro la fine di quest’anno, invertendo la rotta da un piano di espansione aggressivo nel mezzo della pandemia.

Venerdì, in un deposito alla borsa di Hong Kong, la catena ha affermato che la mossa è dovuta a “un traffico di clienti relativamente basso e risultati operativi insoddisfacenti”.

I ristoranti sospesi rimarranno chiusi fino a due anni, ha aggiunto Haidilao

La società di Haidilao non ha specificato nell’annuncio in quali sedi avrebbe chiuso. Haidilao non ha risposto subito alla richiesta di commento di Insider per questa storia.

Zhang Yong, una volta guadagnava 14 dollari al mese lavorando in una fabbrica, negli ultimi anni è diventato il ristoratore più ricco del paese, secondo Forbes.

La catena di ristoranti hot pot è famosa per il servizio clienti di esclusivo e le esperienze, come la fornitura di servizi di manicure e lustrascarpe ai clienti che a volte sono bloccati in file lunghe ore.

Il marchio è stato fondato nel 1994 e ha filiali in paesi tra cui Singapore, Giappone e Canada.

Zhang, che ora è cittadino di Singapore, valeva quasi 14 miliardi di dollari nel 2019, ma il suo patrimonio netto è sceso di circa il 37% a circa 8,8 miliardi di dollari a causa del calo dei prezzi delle azioni, secondo Forbes.

La figlia di Uma Thurman ha parlato della possibilità di partecipare al nuovo film di Tarantino

Dopo aver chiuso 300 negozi, Haidilao sarebbe ancora la più grande catena di hot pot della Cina, con 1.300 negozi, secondo il Global Times del Partito Comunista Cinese.

Tutto questo accade dopo che l’azienda ha raddoppiato il numero di punti vendita lo scorso anno, poiché ha visto opportunità nella crisi.

“Questo è un ritmo confortevole per noi e non vediamo alcun problema”, ha detto a Reuters lo scorso novembre il chief strategy officer di Haidilao, Zhou Zhaocheng.

Tuttavia, i commensali cauti, le restrizioni sul distanziamento sociale e la rinascita di COVID-19 in Cina hanno colpito l’esperienza culinaria comune del ristorante. La catena aveva emesso un avviso di profitto del primo semestre nel luglio di quest’anno, secondo Bloomberg.

Le azioni di Haidilao a Hong Kong sono aumentate dell’11% oggi alla notizia della chiusura dei negozi. Ma sono ancora in calo del 66% da inizio anno.

Precedente COSA PUOI FARE NEL METAVERSO? Successivo NASA: Una massiccia tempesta solare ha colpito la Terra