Trascrizione Incontro Hollande – Putin

Presidente Russo Vladimir Putin:

Signore e signori, buonasera.

Il Presidente della Francia  mi ha appena completato i colloqui sostanziali, che si sono svolti in un tono costruttivo basato sulla fiducia. Naturalmente, abbiamo dato la massima attenzione alla questione della lotta comune al terrorismo internazionale.L’attacco barbaro su un aereo della Russia sulla penisola del Sinai, gli eventi orribili di Parigi e gli attacchi terroristici in Libano, Nigeria e Mali hanno lasciato molte persone morti, tra cui centinaia di cittadini russi e francesi. Questa è la nostra tragedia comune e ci troviamo uniti nel nostro impegno per trovare i responsabili e assicurarli alla giustizia. Abbiamo già intensificato il russo operazione militare contro i terroristi in Siria. Le nostre azioni militari sono efficaci; militanti del cosiddetto Stato islamico e altri gruppi radicali stanno soffrendo pesanti perdite. Abbiamo interrotto meccanismi di funzionamento degli estremisti, danneggiato la loro infrastrutture militari e minato in modo significativo la propria base finanziaria – Mi riferisco in primo luogo al commercio illecito di petrolio, che genera profitti enormi per i terroristi e i loro sponsor.

Quelli che applicano due pesi e due misure quando si tratta con i terroristi, che li utilizzano per raggiungere i propri obiettivi politici e di impegnarsi in attività illegali con loro, stanno giocando con il fuoco. La storia dimostra che prima o poi queste azioni finiscono per ritorcersi contro chi le usa.

Russia e Francia sanno che cosa significa agire nello spirito di alleanza; ci siamo riuniti più di una volta in tutta la nostra storia. Oggi, abbiamo deciso di intensificare i nostri sforzi comuni sulla pista antiterrorismo, per migliorare lo scambio di informazioni operative in materia di lotta contro il terrorismo e stabilire lavoro costruttivo tra i nostri esperti militari, al fine di evitare incidenti che si sovrappongono e concentrare i nostri sforzi sulla garanzia che il nostro lavoro nella lotta contro il terrorismo è più efficace, evitando attacchi contro i territori e le forze armate che sono essi stessi combattono i terroristi.

L’attacco barbaro su un aereo della Russia sulla penisola del Sinai, gli eventi orribili di Parigi e gli attacchi terroristici in Libano, Nigeria e Mali hanno lasciato molti morti. Questa è la nostra tragedia comune e ci troviamo uniti nel nostro impegno per trovare i responsabili e assicurarli alla giustizia.

Il Signor Hollande ed io siamo alla ricerca di questo tipo di cooperazione come input concreto e pratico verso la formazione di una vasta coalizione anti-terrorismo, un vasto fronte anti-terrorismo sotto l’egida delle Nazioni Unite. Prendo atto che il numero di nazioni che condividono questa iniziativa è in crescita.

Siamo certi che sradicare il terrorismo in Siria creerà le condizioni necessarie per raggiungere una soluzione definitiva e a lungo termine della crisi siriana. Abbiamo deciso di continuare a lavorare insieme molto attivamente nel quadro del gruppo internazionale di sostegno della Siria e di promuovere l’adempimento di tutti gli accordi raggiunti all’interno di questo gruppo, in primo luogo per quanto riguarda le scadenze e parametri per colloqui intra-siriani.

Nei colloqui di oggi, non potevamo ignorare la situazione in Ucraina; in questo contesto, abbiamo discusso le prospettive di cooperazione nel formato Normandia. Noi continueremo a insistere per l’attuazione di tutte le disposizioni degli accordi di Minsk del 12 febbraio.

Il russo operazione militare contro i terroristi in Siria è efficace; militanti del cosiddetto Stato islamico e altri gruppi radicali stanno soffrendo pesanti perdite. Abbiamo minato in modo significativo la propria base finanziaria – Mi riferisco in primo luogo al commercio illecito di petrolio, che genera profitti enormi per i terroristi e i loro sponsor.

In conclusione, vorrei ringraziare l’onorevole Presidente e tutti i suoi colleghi francesi per un dialogo sostanziale aperto. Abbiamo deciso di continuare la nostra discussione a Parigi nel quadro della Conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici.

Grazie per la vostra attenzione.

Presidente della Francia Francois Hollande (ritradotto): Signore e signori, ho voluto incontrare con Putin, come parte dell’iniziativa diplomatica e politica che ho fatto il giorno successivo dopo le terribili attentati terroristici a Parigi.

Vorrei ringraziare il Presidente Putin e il popolo russo per la loro espressione di condoglianze, simpatia e amicizia verso le vittime e le loro famiglie, così come verso l’intero popolo francese.

Ho detto personalmente Putin di nuovo che può contare sul mio sostegno dopo l’attacco aereo di linea russo sul Sinai che ha avuto più di 220 vite.

Noi tutti soffriamo di terrorismo. Il terrorismo può colpire in qualsiasi parte del mondo, quindi è fondamentale agire. E questo è il punto centrale del nostro incontro a Mosca. Dobbiamo rispondere insieme.

La scorsa settimana, il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite ha adottato all’unanimità una risoluzione che tutti i paesi del mondo dovrebbero prendere le misure necessarie per coordinare i loro sforzi per eliminare lo stato islamico, e noi dobbiamo portare avanti questo processo.

Comunicati stampa e risposte alle domande dei giornalisti seguenti incontro con il Presidente della Repubblica francese Francois Hollande.

Comunicati stampa e risposte alle domande dei giornalisti seguenti incontro con il Presidente della Repubblica francese Francois Hollande.

Questa è la realtà più importante nel mondo di oggi, che è, un’ampia coalizione, a cui la Francia sarà anche una festa, una coalizione globale per la lotta contro il terrorismo. Questo consenso è essenziale, ma non è sufficiente. Abbiamo anche bisogno di assumere la responsabilità.

Questo è esattamente ciò che la Francia sta facendo quando attacca centri operativi ISIS, quando attacca i pozzi di petrolio che i terroristi usano per contrabbandare petrolio e ottenere risorse finanziarie.

Abbiamo intensificato i nostri sforzi. Abbiamo implementato la portaerei Charles de Gaulle al Mediterraneo e abbiamo fatto tutto il possibile per assicurare che i nostri militari saranno coinvolti attivamente per eliminare ISIS.

Siamo d’accordo con il Presidente Putin che è essenziale per tagliare questo male fuori. Dal 2011, il caos in Siria ha creato un enorme ondata di profughi, più di 300.000 persone sono state uccise, e quindi ora dobbiamo trovare una soluzione politica alla crisi, ma ci sono i requisiti per questo che devono essere seguite.

Noi crediamo che le seguenti condizioni devono essere soddisfatte, se si vuole garantire un processo di transizione politica. Un governo di coalizione, un governo indipendente, dovrebbe essere formato nel corso di un periodo di transizione.

Questo periodo di transizione dovrebbe portare all’adozione di una nuova costituzione, le elezioni dovrebbe essere tenuto con la partecipazione di tutte le fazioni politiche, gruppi e membri della comunità di espatriati. E va da sé che Assad non ha alcun ruolo da svolgere nel futuro del suo paese.

Tuttavia, per ottenere questo, è imperativo che la Russia dovrebbe svolgere principale, uno dei ruoli principali in questo processo. Ho detto a Putin che la Francia è pronta e disposta a lavorare con la Russia mano nella mano verso il nostro obiettivo comune, che è quello di combattere i gruppi terroristici, soprattutto ISIS. E ‘per questo motivo che credo il nostro incontro oggi ad essere della massima importanza. Putin ed io abbiamo convenuto su tre punti principali.

In primo luogo, abbiamo intenzione di intensificare lo scambio di informazioni e ogni altra informazione tra le nostre rispettive forze.

In secondo luogo, si intensificherà gli scioperi contro ISIS e coordinarli in modo da migliorare la loro efficienza.

In terzo luogo, come Putin ha anche sottolineato, dobbiamo fare in modo che i nostri attacchi aerei si concentrano sullo Stato islamico e gruppi terroristici.

Con il presidente della Francia Francois Hollande.

Con il presidente della Francia Francois Hollande.

Vorrei sottolineare che l’Europa si appresta a mobilitare le sue forze per combattere il terrorismo. Vorrei chiedere ai ministri della difesa di tutta Europa a prendere le decisioni necessarie per coordinare le loro azioni. Il Regno Unito parteciperà anche. Ho parlato con David Cameron su questo. Ho anche discusso ieri una serie di questioni con la signora Merkel. Putin ed io abbiamo anche concordato che ci sarà uno scambio di informazioni e azioni specifiche per quanto riguarda un altro importante problema – gli sviluppi in Ucraina orientale. Continueremo a lavorare su questo nel formato di Normandia.

L’ultima volta che ci siamo incontrati a Parigi, tutti e quattro di noi, abbiamo toccato la questione siriana e ha parlato della necessità di azioni coordinate. Oggi, abbiamo preso ancora di più questo problema. La nostra lotta contro il terrorismo in Siria non pregiudica l’impegno della Francia per trovare una soluzione politica alla crisi ucraina.

Dobbiamo attuare pienamente tutte le misure che sono previste negli accordi di Minsk. Questo è il motivo per cui ho voluto venire a Mosca oggi per incontrare Putin. Putin arriverà a Parigi il Lunedi a partecipare alla Conferenza sul clima. Penso che la situazione attuale e la lotta contro il terrorismo richiesto la mia visita a Mosca oggi.

Domanda (ritradotto): Buona sera. Una domanda per Putin. Signor Presidente, è d’accordo che Assad rimanendo in carica ostacola il raggiungimento dei vostri obiettivi comuni? Avete deciso su quali gruppi dovrebbero e non dovrebbero essere gli obiettivi di attacchi aerei?

Vladimir Putin: Credo che il destino del presidente della Siria dovrebbe essere interamente nelle mani del popolo siriano.

Inoltre, siamo tutti d’accordo che è impossibile combattere con successo il terrorismo in Siria senza operazioni a terra, ed esistiamo oggi in grado di condurre operazioni di terra nella lotta contro la ISIS, Jabhat al-Nusra e altre organizzazioni terroristiche a parte l’esercito governativo siriano non altre forze .

Siamo certi che sradicare il terrorismo in Siria creerà le condizioni necessarie per raggiungere una soluzione definitiva e a lungo termine della crisi siriana.

A questo proposito, ritengo che l’esercito del presidente Assad e lui stesso sono i nostri naturali alleati nella lotta contro il terrorismo. Ci possono essere altre forze lì che parlano la loro disponibilità a combattere il terrorismo. Attualmente stiamo cercando di stabilire legami con loro, hanno già fatto con alcuni di loro, e come ho già detto molte volte, saremo pronti a sostenere i loro sforzi nella lotta contro l’ISIS e altre organizzazioni terroristiche, come sosteniamo l’esercito di Assad .

Abbiamo concordato – sento che questo è una parte molto importante dei nostri accordi con il signor Presidente oggi – che, proprio come con alcuni altri Paesi della regione, ci si scambiano informazioni su cui territori sono occupati da gruppi di opposizione in buona salute, piuttosto che i terroristi, e Will evitare attacchi aerei lì. Ci sarà anche scambiamo informazioni quando noi – Francia e Russia – siamo assolutamente certi che determinati territori sono occupati da organizzazioni terroristiche e noi coordinare i nostri sforzi in quelle aree.

Domanda: Ho una domanda per il Presidente della Russia. Signor Presidente, stiamo attualmente parlando di una coalizione ampia base e in questo senso, ho una domanda riguardo particolare posto della Turchia in questa storia. Oggi, ad esempio, l’esercito russo ha riferito che hanno intensificato attacchi sul quadrante siriana dove è stato abbattuto l’aereo russo.

Allo stesso tempo, i media turchi sono praticamente accusano la Russia di bombardare un convoglio umanitario. In questo contesto, avete discusso Turchia durante le trattative con Francois Hollande? E cosa si può dire circa il ruolo della Turchia in tutta questa storia e nelle nostre relazioni con esso?

Vladimir Putin: Come sapete, la Turchia è un membro dell’Organizzazione del Trattato del Nord Atlantico; La Francia è anche un membro della NATO, in modo da capire la posizione della Francia in questa situazione. Ma Signor Presidente espresso le sue condoglianze dopo la morte di nostri militari, e siamo grati a lui per questo.

E ‘impossibile combattere con successo il terrorismo in Siria senza operazioni a terra, ed esistono oggi in grado di combattere a terra parte dell’esercito governo siriano non ha altre forze. Esercito del presidente Assad e lui stesso sono i nostri naturali alleati nella lotta contro il terrorismo.

Per quanto riguarda il territorio lei ha citato, dove i nostri militari sono morti, infatti, le forze armate siriane usati lanciarazzi multipli che abbiamo fornito di recente per l’esercito siriano, in azioni coordinate con i nostri Air Force, e intensificati scioperi in questa zona a destra dopo che abbiamo ricevuto informazioni credibili che uno dei nostri militari è stato ucciso e siamo stati in grado di salvare il secondo. Come potrebbe essere altrimenti? Questo è come dovrebbe essere.

A questo proposito, voglio commentare su quello che stiamo sentendo parlare alcune tribù vicine alla Turchia, i Turkmeni e così via. Prima di tutto, una domanda sorge spontanea: che cosa sono i rappresentanti delle organizzazioni terroristiche turchi, che si mostrano sulla macchina fotografica e si pubblicano tutto su Internet, facendo in questi territori?

In secondo luogo, quali sono cittadini della Federazione russa, che stiamo cercando a causa dei loro crimini e che sono chiaramente classificate come terroristi internazionali, facendo in quel territorio? I nostri militari stavano lavorando in questo quadrante per evitare il possibile ritorno di queste persone per il territorio della Russia a commettere crimini; stavano adempiendo ai loro doveri verso la patria, la Russia, direttamente. Direttamente! Domanda: che cosa sono queste persone che fanno lì? E riteniamo che sia assolutamente giustificato di intensificare gli sforzi della nostra aviazione lì e sostenere l’intensificazione degli sforzi delle forze siriane.

Come per sgranare un convoglio umanitario, per quanto ne so, l’organizzazione umanitaria che le autorità turche si riferiscono a ha già dichiarato che i suoi convogli e rappresentanti non sono stati in quella zona in quel momento. Ci può essere stato un qualche tipo di convoglio lì, ma certamente non era tranquillo. Se ci fosse una sorta di convoglio, allora suppongo, in conformità del diritto internazionale, è stato necessario determinare quale tipo di convoglio era, dove era diretto e quello che stava facendo. E se nulla di tutto questo è stato fatto, allora abbiamo il sospetto che questo convoglio non trasportava un carico puramente umanitario. Questo serve come un’altra prova di favoreggiamento terroristi internazionali.

Domanda (ritradotto): Buonasera, sto affrontando entrambi i presidenti. Putin, perché ci hai distribuito sistemi lanciarazzi multipli S-400? Signor Hollande, è la distribuzione delle S-400S in linea con lo spirito degli sforzi della coalizione internazionale?

Vladimir Putin: S-400 non è un sistema lanciarazzi multiplo, ma un sistema di missili anti-aereo. Non abbiamo avuto questi sistemi in Siria perché il nostro trasporto aereo sta lavorando ad altezze dove la mano criminale dei terroristi non può arrivare. Essi non hanno la corrispondente tecnologia militare capace di abbattere aerei ad un’altezza di più di tre o quattro mila metri. Non aveva mai pensato a noi che potremmo essere colpiti da un paese che abbiamo considerato nostro alleato.

Comunicati stampa e risposte alle domande dei giornalisti seguenti incontro con il Presidente della Repubblica francese Francois Hollande.

Comunicati stampa e risposte alle domande dei giornalisti seguenti incontro con il Presidente della Repubblica francese Francois Hollande.

Dopo tutto, i nostri aerei, volando ad una altezza di cinque o sei mila metri, erano assolutamente non protetti; essi non sono stati protetti contro eventuali attacchi da parte di aerei da combattimento. Se avessimo pensato anche questo potrebbe essere possibile, allora prima di tutto, avremmo sistemi da tempo stabiliti lì per proteggere i nostri aerei contro possibili attacchi.

Inoltre, ci sono altre forme di tecnologia e di protezione militare, per esempio, accompagnatori da combattimento, o almeno tecnico mezzo di difesa contro gli attacchi missilistici, tra cui guardie termici. Gli esperti sanno come questo può essere fatto.

Ripeto, non abbiamo fatto nulla di tutto questo perché abbiamo creduto la Turchia di essere uno stato amico e semplicemente non ci aspettavamo un attacco da quel paese. Proprio per questo motivo consideriamo quanto è successo per essere un colpo insidioso.

Ora abbiamo visto che questo è possibile; abbiamo perso gente lì. Siamo obbligati a garantire la sicurezza dei nostri aerei. Così abbiamo implementato un moderno sistema S-400 lì. Si opera a lunga distanza ed è uno dei sistemi più efficaci al mondo nel suo genere.

Ma non ci limitiamo a questo. Se necessario, si integrano l’attività dei nostri aerei da caccia e altri mezzi, tra cui la guerra elettronica. In realtà ci sono molti tipi, e ora ci sarà la loro applicazione.

Ciò non impedisce in alcun modo contraddice quello che stiamo facendo con la coalizione guidata dagli Stati Uniti. Ci stiamo scambiando informazioni con esso, ma siamo molto preoccupati per la natura degli scambi e dei risultati del nostro lavoro comune.

Credevamo Turchia ad essere uno stato amico e non ci aspettavamo un attacco da quel paese. Proprio per questo motivo consideriamo quanto è successo per essere un colpo insidioso.

Basta guardare: abbiamo avvertito i nostri partner statunitensi in anticipo dove i nostri piloti saranno in funzione, quando, ea quali livelli di volo. La parte americana, a cui fa capo la coalizione che comprende la Turchia, conosceva il luogo e l’ora dei voli. Ed è proprio dove e quando sono stati colpiti.

Quindi vi chiedo: perché abbiamo a disposizione queste informazioni agli americani? O essi non possono controllare ciò che i loro alleati stanno facendo, o che stanno distribuendo le informazioni a destra ea sinistra, senza capire le conseguenze. Naturalmente, avremo bisogno di avere dei seri consultazioni con i nostri partner in materia. Ma il sistema di difesa aerea non è in alcun modo diretto contro i nostri partner, con i quali stiamo combattendo i terroristi in Siria.

Francois Hollande (ritradotto): Se posso, vorrei commentare l’incidente che ha avuto luogo il Martedì, come a seguito della quale un bombardiere russo è stato abbattuto dalla Turchia. Questo è un fatto molto grave, e mi dispiace che sia successo. L’ho detto al Presidente Erdogan e al presidente russo.

È assolutamente evidente che è necessario per evitare qualsiasi rischio e l’eventuale ripetizione di questo genere di cose in questo momento e luogo. E ‘fondamentale che ci asteniamo dal escalation della situazione. L’unico obiettivo che dobbiamo tutti insieme per noi è la lotta contro ISIS e l’eliminazione dei terroristi. Noi non abbiamo altri obiettivi.

Pertanto, dobbiamo trarre le seguenti conclusioni. Dobbiamo migliorare il coordinamento tra i nostri paesi in modo che le forze armate presenti nella regione e l’aeromobile in grado di condurre attacchi aerei non interferiscono uno con l’altro in modo da evitare eventuali incontri con conseguenze deplorevoli e collisioni. Dobbiamo fare del nostro meglio per evitare che ciò accada di nuovo. E ‘per questo motivo che ho preso iniziative volte ad intensificare gli sforzi congiunti e la cooperazione. Ho fatto per lo scopo molto che ho appena detto.

Infine, ciò che ha il Presidente Putin e ho concordato? Questo è un punto molto importante: abbiamo convenuto sulla necessità di effettuare attacchi contro i terroristi solo, solo contro ISIS e gruppi jihadisti. E ‘fondamentale a questo proposito che i gruppi che sono anche la lotta contro i terroristi non sono oggetto di attacchi aerei. È in questo settore che intendiamo condividere informazioni tra loro, come è stato discusso durante la riunione.

Dobbiamo capire che può combattere e chi no, chi deve o non deve essere mirata. Di conseguenza, il nostro obiettivo attuale è quello di cercare di evitare eventuali incidenti di questo tipo tra i paesi che sono impegnati negli sforzi anti-terrorismo in Siria. In secondo luogo, dobbiamo individuare obiettivi che sarebbe chiaro a tutti.

Con il presidente della Francia Francois Hollande.

Con il presidente della Francia Francois Hollande.

Domanda: Lei ha parlato della necessità di stabilire un’ampia coalizione. E ‘questo il tipo di coalizione di lei ha parlato alla conferenza delle Nazioni Unite, o la concorrenza continuerà tra coalizioni? Se la concorrenza non continua, avremmo dovuto chiedersi quanto efficace tali coalizioni possono essere, soprattutto dopo l’incidente con il piano russo. Oppure immagina una nuova coalizione comune, e se è così, è possibile che una tale coalizione potrebbe potenzialmente agire in altri paesi, anche sotto la minaccia di ISIS, e non solo in Siria?

Tornando all’incidente con il piano russo, solo poche ore fa, il presidente turco ha detto in un’intervista che se l’Air Force turco aveva saputo che l’aereo era russo, non avrebbero agito come hanno fatto. Ha anche detto che le forze turche distruggono tutte le spedizioni di petrolio si impadroniscono di ISIS, e che se la Russia ha altre informazioni e può dimostrare il contrario, il presidente è pronto a dimettersi. Mi piacerebbe sentire i vostri commenti su queste dichiarazioni.

Vladimir Putin: Per quanto riguarda la coalizione, il presidente Hollande e ho discusso la questione oggi. Rispettiamo la coalizione degli Stati Uniti sta andando e siamo pronti a lavorare con questa coalizione. Noi pensiamo che sarebbe meglio stabilire un unico, coalizione comune. In questo modo sarebbe più semplice e facile, e, credo, più efficace per coordinare i nostri sforzi comuni in questa situazione. Ma se i nostri partner non sono pronti per questo … In realtà, questo era quello che ho parlato alle Nazioni Unite. Ma se i nostri partner non sono pronti per questo, bene, siamo pronti a lavorare in altri formati, in qualsiasi formato i nostri partner avrebbero trovato accettabile. Siamo pronti a collaborare con la coalizione guidata dagli Stati Uniti.

Siamo obbligati a garantire la sicurezza dei nostri aerei e hanno implementato un moderno sistema S-400 lì. Si opera a lunga distanza ed è uno dei sistemi più efficaci al mondo nel suo genere.

Ma, naturalmente, incidenti come la distruzione del nostro aereo e la morte dei nostri militari – il pilota e un marine che stava cercando di salvare i suoi fratelli in armi – sono assolutamente inaccettabili. La nostra posizione è che questo non deve accadere di nuovo. Se questo non è il caso, non abbiamo bisogno di tale cooperazione, con chiunque, qualsiasi coalizione o paese.

Ho discusso tutto questo in dettaglio con il Presidente della Francia. Abbiamo concordato di lavorare insieme su questo tempo a venire, in formato bilaterali, e con la coalizione guidata dagli Usa in generale.

La questione è uno di delineare i territori che sono obiettivi per gli scioperi e quelli in cui è meglio astenersi dal lanciare scioperi, lo scambio di informazioni su queste e altre questioni, e coordinare l’azione nella zona di combattimento.

Per quanto riguarda la domanda di petrolio e l’affermazione che si è distrutto in territorio turco, in occasione del vertice del G20, che ha avuto luogo in Turchia, come accade, ad Antalya, ho mostrato una fotografia (che avevo già parlato pubblicamente su questo) inviate dai nostri piloti ad un’altezza di 5000 metri. Veicoli per il trasporto di olio fatto una lunga fila che scomparve oltre l’orizzonte. Sembra un oleodotto vivente. Si tratta di forniture di petrolio su scala industriale proveniente da parti della Siria ora nelle mani dei terroristi. Questo olio viene da queste regioni, non da altri posti. Vediamo dall’aria in cui questi veicoli sono voce. Stanno andando per la Turchia giorno e notte. Posso immaginare che forse gli alti dirigenti della Turchia non sono a conoscenza di questa situazione. E ‘difficile da credere, ma in teoria, è possibile.

Questo non significa che le autorità turche non dovrebbero tentare di porre fine a questo commercio illegale. Il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite ha approvato una risoluzione speciale che vieta l’acquisto diretto di olio dai terroristi, perché queste botti arrivano sono pieni non solo con l’olio, ma con il sangue dei nostri cittadini, e perché i terroristi utilizzano i soldi da questo commercio per comprare armi e munizioni e poi compiere attacchi sanguinosi come quelli contro il nostro aereo nel Sinai, e gli attentati a Parigi e in altre città e paesi.

Episodi come la distruzione del nostro aereo e la morte dei nostri militari sono assolutamente inaccettabili. La nostra posizione è che questo non deve accadere di nuovo.

Se le autorità turche stanno distruggendo questo olio, perché non vediamo fumo dei fuochi? Lasciatemi dire ancora una volta che questo è fornitura di petrolio su scala industriale. Si avrebbe bisogno di costruire intere strutture speciali per distruggere questo olio. Nulla del genere sta avvenendo. Se il gruppo dirigente della Turchia non è a conoscenza della situazione, far loro aprire gli occhi per ora.

Sarei disposto a credere che alcune offerte di corruzione e ombreggiate potrebbero essere coinvolti. Lasciateli risolvere proprio quello che sta succedendo lì. Ma non c’è assolutamente alcun dubbio che l’olio si sta dirigendo verso la Turchia. Vediamo questo dall’aria. Vediamo che i veicoli caricati stanno dirigendo lì in un flusso costante e ritorno vuoto. Questi veicoli sono caricati in Siria, a sua volta controllata dai terroristi il ​​territorio, e vanno in Turchia e tornare alla Siria vuoto. Lo vediamo tutti i giorni.

Per quanto riguarda la questione se o meno il presidente turco dovrebbe dimettersi, questo è assolutamente non ci riguarda, ma è affare del popolo turco. Non abbiamo mai immischiato negli affari altrui e non lo faremo adesso. E ‘un grande peccato però perdere il livello senza precedenti di relazioni bilaterali che abbiamo sviluppato con la Turchia in questi ultimi anni. Abbiamo davvero fatto raggiungere un livello molto elevato di rapporti e abbiamo guardato la Turchia non solo come il nostro prossimo, ma anche come un paese amico e praticamente un alleato. E ‘molto triste vedere questo così sbadatamente e brutalmente distrutto.

Con il presidente della Francia Francois Hollande.

Con il presidente della Francia Francois Hollande.

Francois Hollande (ritradotto): Se mi permettete, Putin, vorrei rispondere alla domanda che è stata rivolta a voi, ma dal punto di vista francese.

C’è una coalizione. E ‘stato in giro per diversi mesi. La Francia è un membro di essa. Campo principale della coalizione di attività è stato l’Iraq. Insieme con il governo iracheno, abbiamo cercato di fornire un supporto essenziale per tutti coloro che combattono ISIS e il terrorismo, che, purtroppo, è il sanguinamento il paese a secco – cioè, l’Iraq.

Poi la portata geografica delle operazioni della coalizione ampliato per includere il territorio della Siria. France opera anche in Siria in linea con la politica della coalizione e la decisione che ho fatto nel mese di settembre. In un primo momento, abbiamo condotto voli di ricognizione e ora ci siamo spostati su per attacchi aerei. Questo è stato fatto con il diritto di auto-difesa. E noi abbiamo questo diritto, perché sappiamo per certo che i terroristi che hanno agito a Parigi e nel sobborgo parigino di Saint-Denis sono stati addestrati in Siria e, purtroppo, sono stati addestrati molto bene per realizzare questi attacchi terroristici atroci.

Ora vogliamo un coordinamento. Questo è fondamentale. Abbiamo assolutamente bisogno. In primo luogo, al fine di evitare questo tipo di incidenti, e in secondo luogo, per lottare più efficacemente ISIS, il terrorismo. Questo coordinamento deve essere una forma di collaborazione – la condivisione di informazioni e lo scambio di informazioni in materia di aree di concentrazione di terrorismo. Tutto questo ci permetterà di agire efficacemente. La risoluzione del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite chiede che questo tipo di azione, e accolgo con favore dei paesi europei che hanno assunto la responsabilità di questo come parte del loro impegno.

Per quanto riguarda ulteriori interventi da parte nostra, è necessario attaccare ISIS, i suoi centri di formazione, i centri dove questo esercito terrorista è stato addestrato, ma soprattutto, attaccare le sue fonti di finanziamento, le fonti di sostentamento – in primo luogo il suo petrolio.

Se c’è qualche altro modo di migliorare la cooperazione è difficile pensare a uno senza coinvolgere efficacemente i camion che trasportano petrolio che va a coloro che hanno appropria del diritto di acquistare, fornendo così ISIS con quantità incalcolabile di denaro. Noi non vogliamo smettere e continueremo ad attaccare questi convogli e impianti di trasformazione di petrolio e raffinerie – olio che, senza dubbio, serve come la principale fonte di proventi finanziari per ISIS.

Infine, non posso fare a meno di ribadire che dobbiamo sostenere i gruppi che possono invertire la situazione sul terreno e recuperare questo territorio. E ‘molto importante per la Francia, così come per gli altri membri della coalizione, per sostenere tali gruppi nella lotta ISIS. Essi hanno lo stesso obiettivo – per combattere ISIS e distruggere questo gruppo terroristico.

Vladimir Putin: Per quanto riguarda l’idea che l’aviazione turca non ha riconosciuto il nostro aereo, questo non è semplicemente possibile. È fuori questione. I nostri aerei hanno marchi di identificazione che sono facilmente visibili. Erano ovviamente i nostri aerei e non chiunque altro.

Al vertice del G20 a Antalya ho mostrato una fotografia scattata dai nostri piloti. Veicoli per il trasporto di olio fatto una lunga fila che scomparve oltre l’orizzonte. Si tratta di forniture di petrolio su scala industriale proveniente da parti della Siria ora nelle mani dei terroristi. Questi veicoli si stanno dirigendo per la Turchia giorno e notte.

Inoltre, vorrei dire ancora una volta che, in conformità con i nostri accordi con gli americani, abbiamo sempre dato informazioni preliminari su dove i nostri aerei opereranno, sulle formazioni, luoghi e orari. La nostra posizione è che questa è una coalizione di lavoro, e la Turchia, come membro di questa coalizione, avrebbe dovuto sapere che aerei russi stavano operando in questa posizione in quel momento. Chi altro avrebbe aerei hanno potuto essere? Che cosa avrebbero fatto se avessero scoperto che si trattava di un aereo americano? Avrebbero sparato contro un aereo americano? Questo è tutto un carico di sciocchezze, solo un tentativo di scuse. E ‘un peccato che invece di fare un esame approfondito della situazione e l’adozione di misure per assicurarsi che queste cose non si ripetano più, si sente da loro queste spiegazioni poco chiare e le dichiarazioni secondo cui non vi è nulla di cui scusarsi anche. Beh, questo non è la nostra scelta, ma la scelta della Turchia.

fonte: http://en.kremlin.ru/
Precedente Trascrizione Discorso di Putin al Valdai Club Successivo Malattia legata allo stress di infazia