Beirut: un mese dopo l’esplosione nella capitale del Libano un incendio al porto di Beirut semina il panico

Spread the love

Un enorme incendio è scoppiato al porto di Beirut , provocando il panico tra i residenti traumatizzati dall’esplosione del mese scorso che ha ucciso almeno 190 persone e ferendone migliaia. Una colonna di fumo nero si è levata dal porto verso mezzogiorno di giovedì.

L’esercito libanese ha detto che l’incendio è avvenuto in un magazzino dove petrolio e pneumatici sono collocati nella zona duty free del porto, aggiungendo che gli elicotteri dell’esercito stanno prendendo parte agli sforzi per spegnere l’incendio. Le truppe hanno chiuso la strada principale che passa vicino al porto, dirottando il traffico verso altre zone. Non è stato subito chiaro cosa avesse causato l’incendio nella zona, che è stata decimata da un’esplosione il 4 agosto quando sono esplose quasi 3.000 tonnellate di nitrato di ammonio, innescando un’esplosione che ha fatto saltare finestre, porte e muri a chilometri di distanza. La vista di un altro enorme incendio un mese dopo ha diffuso il panico tra i residenti, con molti che hanno spalancato le finestre e si sono chiamati a vicenda per avvertirli del nuovo incendio. Le emittenti televisive locali hanno detto che le società che hanno uffici vicino al porto hanno chiesto ai propri dipendenti di lasciare l’area. La National News Agency statale ha detto che l’incendio è avvenuto in un magazzino dove sono conservati i pneumatici.

Il portavoce della polizia, il colonnello Joseph Msalam, ha detto di non avere informazioni su quanto sta accadendo al porto, aggiungendo che la struttura è attualmente sotto il controllo dell’esercito. Alla domanda sui rapporti secondo cui l’incendio è stato causato dalla combustione di pneumatici e olio, ha detto: “Non lo so. Potrebbero essere dei contenitori. Non so davvero cosa ci sia”.

È stato il secondo incendio al porto di questa settimana. Martedì è scoppiato un piccolo incendio che è stato rapidamente spento. L’esplosione del mese scorso ha ucciso più di 190 persone, ferito circa 6.500 e danneggiato migliaia di edifici nella capitale libanese.

Precedente Scuola nel caos: Mancano i banchi, aperture posticipate Successivo 19 Spettacolari Foto del Passato