Algoritmi. Chi ti controlla?

Spread the love

Sotto Barack Obama, i più grandi social network sono sbocciati e hanno conquistato il mercato globale, sotto Donald Trump erano considerati monopolisti che distruggevano tutto. Facebook, WhatsApp e YouTube influenzano le menti delle persone in tutto il mondo, ma non tutti i paesi riescono a chiamarli a rispondere.

In che modo i social network si sono rivelati in grado di mettere a tacere anche il Presidente degli Stati Uniti e cosa bisogna fare per proteggere miliardi di persone dalla loro influenza? 

Nel febbraio 2008, il membro dei Black Eyed Peas will.i.am, insieme all’attrice Scarlett Johansson, il membro delle Pussycat Dolls Nicole Scherzinger e una dozzina di altre celebrità hanno pubblicato il video di Yes We Can su YouTube. La canzone consisteva interamente delle frasi del candidato alla presidenza degli Stati Uniti Barack Obama. Attori famosi, musicisti e atleti con un sorriso ripetevano frasi ispirate sul futuro dell’America.

Il video ha avuto l’effetto di una bomba esplosiva: in sei mesi ha raccolto 20 milioni di visualizzazioni, cifre cosmiche per quel tempo

Inizia così l’era della politica di Internet. Obama e i suoi sostenitori si sono resi conto che la generazione più giovane guarda meno la TV, ma è costantemente su Internet. Anche allora, su Facebook, si potrebbe discutere di un argomento di interesse e trovare amici in tutto il mondo, e su YouTube si potrebbero guardare migliaia di video.

Se non fosse stato per Internet, Barack Obama non sarebbe diventato presidente. Non sarebbe nemmeno il candidato democratico

Obama si è rivolto a ciascuno dei suoi elettori e ha anche risparmiato molto in campagna elettorale. Secondo gli esperti, il tempo totale di visualizzazione dei video elettorali a sostegno di Obama su YouTube è stato di 14,5 milioni di ore. Un effetto simile dagli spot televisivi sarebbe costato 47 milioni di dollari.

Nel 2012, Obama aveva aperto account Facebook, Twitter e MySpace per attirare un pubblico giovane tradizionalmente considerato disinteressato alla politica. Ha parlato con gli utenti di Reddit, ha rilasciato interviste ai blogger di YouTube e ha scattato foto sul suo telefono da un selfie stick – in una parola, ha fatto di tutto per apparire davanti alla nuova generazione come una persona vivente e non come un politico da poltrona.

Nel 2012, il principale rivale di Obama nelle elezioni era il repubblicano Mitt Romney. Ma il suo rapporto con Internet era molto diverso. Le dichiarazioni infruttuose si sono rapidamente trasformate in meme, i falsi si sono moltiplicati, ma il suo quartier generale non sapeva come affrontarlo. A differenza di Obama, che ha capito che i social network non vanno combattuti, vanno usati correttamente.

Facebook valeva $ 15 miliardi nel 2007 e $ 225 miliardi nel 2015. La capitalizzazione di Google entro il 2015 è cresciuta fino a $ 478 miliardi. Nello stesso anno, i risultati del 25% delle elezioni mondiali sono stati determinati da Google: gli elettori hanno creduto a ciò che hanno trovato e hanno letto dei candidati in cerca. Nel 2017, le autorità di 30 paesi su 65 hanno utilizzato i social media per manipolare l’opinione pubblica. In 18 di questi, la disinformazione è diventata la garanzia della vittoria: commenti acquistati, bot, notizie false e propaganda aperta sono arrivati ​​al luogo della comunicazione diretta con gli elettori.

L’elenco dei paesi le cui elezioni sono state considerate ingiuste dagli attivisti per i diritti umani includeva gli Stati Uniti. Tutto a causa delle elezioni presidenziali del 2016, quando il repubblicano Donald Trump è salito al potere. E se Obama e la sua campagna Yes We Can hanno simboleggiato tutto il meglio di Internet, allora sotto Trump il lato oscuro della rete è stato completamente rivelato.

La principale rivale di Trump era Hillary Clinton, una candidata democratica che era sostenuta con fervore da molti giovani progressisti americani. E nel quartier generale di Trump, hanno trovato il punto debole di un rivale: Facebook è stato inondato dalle nozioni più selvagge sulla salute di Clinton. I post erano accompagnati da immagini photoshoppate del suo viso bluastro e delle borse nere sotto gli occhi. Per persuasione, i titoli sono stati scritti in maiuscolo e il più possibile clickbait: “Questo è ciò che sta realmente accadendo” o “LA VERITÀ È SCOPERTA. I media non vogliono ammettere che…”.

Per Facebook, qualsiasi interazione con un post significava una cosa: il post è popolare, il che significa che deve essere inserito ulteriormente nei feed degli utenti.  Allo stesso tempo, è diventato chiaro che alla gente non importa affatto delle prove di questa o quella teoria della cospirazione, e il falso non può nemmeno fermare la sua confutazione. Questo è successo con una fotografia di diversi autobus su cui persone presumibilmente pagate sono state portate a manifestare contro Trump. Nella notte la foto ha raccolto 16mila condivisioni su Twitter e oltre 350mila su Facebook. Tuttavia, non sono stati i manifestanti fittizi ad arrivare sugli autobus, ma i partecipanti a una conferenza per programmatori.

L’autore della foto ha cancellato il tweet e lo ha definito un falso. Ma questo non ha aiutato: anche lo stesso Trump ha creduto nella sua veridicità

I sostenitori di Trump hanno usato un altro semplice trucco: hanno lanciato annunci mirati che indicavano la data delle elezioni sbagliata. Oppure hanno anche cercato di convincere gli elettori che non c’era bisogno di andare alle urne. Puoi invece inviare un messaggio a un numero breve con il cognome del candidato, e il voto verrà conteggiato automaticamente. Tutte queste pubblicazioni sono state mostrate ai sostenitori di Hillary Clinton.

Uno di questi numeri ha ricevuto messaggi da cinquemila persone: tutti credevano che gli SMS sarebbero stati sufficienti. L’autore dello scherzo, Douglas McKee, è stato arrestato all’inizio del 2021 e accusato di cospirazione contro Clinton.

L’analisi successiva ha mostrato che tra tutte le pubblicazioni dei candidati presidenziali c’era solo l’1% di falsi

Ma tali notizie erano estremamente popolari tra gli algoritmi dei social media. La disinformazione ha affascinato molto di più i lettori: le 20 vere notizie più seguite alla vigilia delle elezioni hanno raccolto 7,4 milioni di like, repost e commenti su Facebook. 20 falsi più popolari – 8,7 milioni.

Nel 2018, il mondo intero ha appreso dell’esistenza della società britannica Cambridge Analytica. Ha raccolto dati da milioni di utenti di Facebook utilizzando un semplice test psicologico chiamato This is your Digital Life. Il test sembrava un normale quiz. Le risposte degli utenti hanno permesso loro di creare un ritratto digitale accurato di loro e quindi puntare a persone diverse esattamente l’annuncio che avrebbe fatto l’impressione più potente su di loro. I servizi della società sono stati utilizzati principalmente per scopi politici.

Nonostante Cambridge Analytica esista dal 2013, le domande sono apparse solo dopo la vittoria di Trump alle elezioni. Non avendo molta conoscenza delle tecnologie di manipolazione, il capo di Facebook, Mark Zuckerberg, è stato personalmente accusato del trionfo repubblicano.

Personalmente, Trump crede di aver vinto non grazie a Facebook, ma piuttosto nonostante. Era sicuro che il social network di Zuckerberg nascondesse deliberatamente le pubblicazioni dei suoi sostenitori dai feed degli utenti. E, al contrario, ha promosso in tutti i modi i democratici.

Di conseguenza, il social network ha affrontato contemporaneamente diversi problemi globali. Il caso di studio di Cambridge Analytica ha mostrato che il social network modera debolmente gli annunci pubblicitari e puoi promuovere qualsiasi cosa al suo interno. I post degli utenti non sono stati affatto sottoposti a pre-moderazione e sono stati controllati dalle persone solo quando si è verificata una massiccia lamentela sul post. In entrambi i casi è stato chiaro: Facebook è negligente sui contenuti del sito, e nessuno controlla gli algoritmi automatici.

Zuckerberg ha dovuto scusarsi personalmente per lo scandalo Cambridge Analytica, ma non ha mai ammesso la colpa diretta su Facebook. E i vertici di Facebook hanno chiarito che gli utenti stessi hanno accettato di raccogliere dati quando è stato lanciato il quiz.
Ed è stato davvero così, ma con un avvertimento: il social network non ha impedito a questo quiz di funzionare sul sito e di raccogliere informazioni su persone reali.

Facebook doveva rispondere con urgenza allo scandalo, doveva lanciare un controllo automatico per le fake news. Ma gli algoritmi hanno funzionato male: hanno chiamato una foto falsa di un soldato sovietico con lo stendardo della Vittoria sul Reichstag e una foto di una cipolla canadese è stata bandita per essere troppo sexy.

Nel 2020 Trump ha nuovamente nominato la sua candidatura alla presidenza degli Stati Uniti, e questa volta i siti erano molto più preparati: tutta la pubblicità politica era già stata bandita e i post di Trump erano stati automaticamente contrassegnati come fake. Nel gennaio 2021 Trump perse la corsa presidenziale contro Joe Biden , ma non voleva arrendersi così facilmente. In tutti i social network ha sbandierato che le elezioni si sono svolte con violazioni e che i voti vanno contati. I suoi commenti sono stati considerati un campanello d’allarme e hanno bloccato i suoi profili YouTube, Instagram e Facebook. Twitter ha cancellato definitivamente il suo account.

Di conseguenza, il 2021 è iniziato con il fatto che le più grandi società informatiche del mondo hanno messo a tacere l’attuale presidente degli Stati Uniti. Inoltre, hanno promesso di non restituire mai a Trump il diritto di voto, anche se fosse di nuovo alla guida del Paese. I social network non sono stati puniti per questo.

L’attacco simultaneo a Trump da parte di tutti i social network è facile da spiegare. Quattro anni della sua presidenza sono stati difficili per i colossi dell’informatica. Sotto il repubblicano, è stata avviata un’indagine su larga scala contro Facebook e Google, ha firmato un decreto sulla regolamentazione statale dei social network e ha obbligato i siti a essere responsabili dei contenuti pubblicati.

Le indagini sono iniziate nel 2019. Il sottocomitato antimonopolio del Congresso degli Stati Uniti ha trascorso 16 mesi a studiare le attività di Amazon , Apple , Facebook e Google e ha concluso che le aziende hanno effettivamente il potere di monopolio in settori chiave di attività.

Nell’estate del 2020, i capi dei quattro colossi informatici hanno parlato in udienza. Zuckerberg ha espresso la sua disponibilità a collaborare, ma ha chiarito che non si considera un monopolista.

Di conseguenza, i giganti dell’informatica sono stati accusati di aver violato la legge sulla concorrenza. Sotto Trump, Amazon, Apple, Facebook e Google sono diventati improvvisamente nemici dell’innovazione, degli utenti e della democrazia. Per la prima volta nella loro storia, erano sotto la minaccia della regolamentazione. Alcune aziende si sono persino offerte di dividersi.

Alla fine del 2020, la Federal Trade Commission (FTC) degli Stati Uniti ha intentato una causa contro Facebook e ha chiesto la vendita di alcune delle sue controllate. La causa ha affermato che gli acquisti del servizio di messaggistica WhatsApp e Instagram hanno portato al fatto che Facebook si è sbarazzato dei concorrenti e ha reso la vita difficile ad altre aziende. La FTC ha anche proposto di richiedere a Facebook di concordare tutte le principali offerte del valore di $ 10 milioni o più. Ha deciso di dividere e Alphabet, un’enorme holding che possiede Google e YouTube.

Tuttavia, sia l’acquisto di Instagram da parte di Facebook nel 2012 che l’acquisto di WhatsApp nel 2014 sono stati approvati dal regolatore statunitense quando Obama era presidente. Ora a capo degli Stati Uniti c’è di nuovo un democratico, Joe Biden, e il procedimento è ancora pendente. Ma gli esperti sono fiduciosi che l’indagine non porterà a veri cambiamenti. Inoltre, la separazione delle aziende non aiuterà a rompere il loro monopolio: Google e Facebook acquistano concorrenti quasi ogni settimana e possono venderne un paio o due per motivi di formalità.

Le più grandi società informatiche del mondo si sono rifiutate di considerarsi monopolisti dannosi per la democrazia. Nei loro discorsi, sia il CEO di Facebook Mark Zuckerberg che il CEO di Google Sundar Pichai hanno ripetutamente ribadito che la democrazia e la libertà di parola sono per loro sacre e incrollabili.

In effetti, questi valori sono importanti per le aziende solo quando ne beneficiano. Laddove la libertà di parola non è particolarmente apprezzata e il mercato è ampio e attraente, le aziende sono pronte a ignorare i principi. Questo, ad esempio, è successo con la Cina.

Alla fine degli anni ’90, le autorità cinesi si sono rese conto che un Internet gratuito è pericoloso per il sistema statale. Il 2003 ha visto il lancio del Golden Shield, o China’s Great Firewall, un sistema progettato per filtrare e censurare tutti i contenuti inappropriati. Nato formalmente per combattere l’estremismo, il terrorismo e l’indebolimento della stabilità sociale, in realtà si è rapidamente esteso alla repressione di ogni dissenso.

Google ha lasciato la Cina nel 2010 senza accordarsi con le autorità locali su come operare. Facebook ha cercato per anni senza successo di aprire un ufficio in Cina. Nessuna delle due società ha rinunciato a cercare di entrare in un paese con un miliardo di utenti paganti, ma per penetrare nel mercato cinese è necessario seguire rigorosamente le sue regole. Compreso impegnarsi nella censura più severa e dimenticare la libertà di parola.

Nel 2018 si è saputo che Google stava lavorando al progetto Dragonfly, un motore di ricerca speciale per la Cina. Ha eliminato i riferimenti agli articoli di Wikipedia sui diritti umani, la democrazia, la religione. I suoi utenti non saprebbero mai che i risultati di ricerca vengono censurati. Ciascuna delle loro richieste doveva essere associata al numero di telefono dell’utente.
Presto, le voci sullo sviluppo di Dragonfly sono trapelate alla stampa.

Google ha dovuto giustificare il fatto che si tratta di un progetto sperimentale e che non verrà lanciato a breve. E il capo della società, Sundar Pichai, ha spiegato che la censura in lui non è così forte rispetto ai motori di ricerca cinesi. Ma gli stessi dipendenti di Google hanno iniziato a protestare contro lo sviluppo , che non capivano davvero come si possa contemporaneamente presidiare la democrazia e sostenere regimi autoritari. Nel luglio 2019, Google ha annunciato pubblicamente la chiusura di Dragonfly.

Facebook è andato dall’altra parte. I social media sono molto più difficili da censurare di un motore di ricerca. Se il condizionale Google deve solo ripulire i risultati della ricerca, allora i social network dovranno censurare i post degli utenti in tempo reale e trasferire prontamente i dati alle autorità cinesi.

Nel 2015, Mark Zuckerberg ha parlato con gli studenti dell’Università Tsinghua di Pechino. Ha parlato per 20 minuti della creazione di Facebook e della sua missione. E lo ha fatto in cinese. Diversi anni prima, aveva incontrato due volte il presidente cinese Xi Jinping quando aveva visitato gli Stati Uniti. Durante la visita del ministro del Dipartimento centrale della propaganda cinese al campus di Facebook, Zuckerberg avrebbe lasciato accidentalmente sulla sua scrivania il libro del capo della Repubblica popolare cinese “Xi Jinping: Leading China”.

Lo stesso Zuckerberg ha attribuito lo studio della lingua cinese al desiderio di comunicare liberamente con la nonna di sua moglie, ma questo non spiega affatto il suo desiderio di comunicare con i funzionari cinesi e pubblicare le foto del suo jogging in Piazza Tiananmen. La stessa piazza dove nel 1989 furono uccisi fino a mille partecipanti alla protesta pacifica, di cui in Cina è vietato ricordare.

In Cina, nel corso degli anni di isolamento di fatto da Internet globale, sono comparsi analoghi di tutti i servizi esistenti. Il paese è riuscito a coltivare i propri giganti IT: Baidu , Tencent e Alibaba . Nel tempo, il pendolo ha persino oscillato nella direzione opposta: l’applicazione cinese TikTok ha conquistato il mercato occidentale in un paio d’anni. Ma il mondo è andato nella sua versione speciale: non c’è censura cinese in esso, ma ci sono algoritmi incredibilmente accurati e la raccolta di una quantità gigantesca di dati caratteristica del mercato cinese.

Quando WhatsApp ha superato per la prima volta le app social più pagate per iOS nel 2011 e ha raggiunto i 10 milioni di download su Android, WeChat è stato lanciato in Cina. Ora, a differenza di WhatsApp, non è solo un messenger, ma una super applicazione che ha letteralmente tutto, dalla possibilità di fare acquisti e pagare le bollette ai giochi integrati. Puoi pagare con WeChat ovunque, non solo nei grandi supermercati, ma anche nei venditori ambulanti. Oggi in Cina, WeChat possiede quasi il 40% del mercato dei pagamenti, mentre la rivale Alipay detiene poco più del 50%.

Viene invece implementato un sistema di social rating sulla base di WeChat. Per azioni per il bene della società, ogni cinese riceve punti e per cattiva condotta, il sistema prende questi punti. In Cina, diverse aziende stanno lavorando su algoritmi segreti per calcolare l’affidabilità dei cittadini. Si possono ritirare punti per ritardato pagamento di un mutuo e per mozziconi di sigaretta gettati sul marciapiede.

È impossibile tracciare manualmente ogni cinese, quindi le autorità stanno incoraggiando lo sviluppo di tali algoritmi. Nel 2016, Tencent, il proprietario di WeChat, ha aperto un laboratorio speciale per studiare l’intelligenza artificiale. Il suo motto è Make AI Everywhere. Impiega 50 ricercatori e più di 200 ingegneri provenienti da Cina e Stati Uniti. Sviluppano tecnologie di apprendimento automatico, riconoscimento vocale e analisi audio, nonché elaborazione del linguaggio e visione artificiale. Tutto per tenere traccia delle persone nel modo più accurato possibile e sopprimere il dissenso in qualsiasi angolo di Internet.

La ricerca mostra che WeChat controlla assolutamente tutti i testi e le immagini che i suoi utenti si scambiano. Quando uno di loro invia un messaggio all’altro, questo va al server remoto di Tencent. Prima di essere inviato dal server al destinatario, viene controllato per le parole chiave nella lista nera.

Fino a qualche anno fa WeChat avvisava l’ utente che il suo messaggio era stato censurato. Poi hanno abbandonato questa idea e sono passati a un modo molto più semplice per monitorare la corrispondenza: i messaggi proibiti non venivano più recapitati ai destinatari.

A causa di questo sistema, è quasi impossibile capire quali parole non dovrebbero essere usate. Di conseguenza, questo dà origine all’autocensura e a una sorta di linguaggio esopico: invece di parole ovviamente inaffidabili, gli utenti usano quelle abbastanza ordinarie, dando loro un significato completamente diverso. Questo viene utilizzato attivamente dai rifugiati tibetani che vivono in India: per loro WeChat rimane l’unico modo per tenersi in contatto con i membri della famiglia rimasti in Tibet.

Quindi, per esempio, invece di chiedere informazioni sulla situazione politica, chiedono ai parenti il ​​tempo, il Dalai Lama si chiama zio e i funzionari cinesi si chiamano vicini. Ma anche questo non salva tutti: dal 2014 al 2019 le autorità cinesi, secondo i dati ufficiali, hanno arrestatoalmeno 29 attivisti tibetani per i post su WeChat. In realtà ce ne sono molti di più. Nel 2020, le autorità cinesi hanno arrestato un uomo solo per aver inviato un libro del Dalai Lama tramite WeChat.

Dove l’algoritmo ha fallito, la “polizia di Internet” aiuta. Esiste dal 2014. Migliaia di volontari cercano nel web le violazioni e segnalano gli utenti che cercano di minare la stabilità sociale. Sia le corporazioni che i cittadini intraprendenti lavorano per lo stesso scopo: compiacere le autorità cinesi e quindi giustificare la loro esistenza.

Nei paesi più liberi, i giganti americani dell’informatica sono molto più liberi. Qualsiasi social network degli Stati Uniti si concentra principalmente sul proprio mercato interno e sulle proprie regole di moderazione dei contenuti. E questo nonostante il fatto che in realtà siano diventati un fenomeno globale molto tempo fa.

Nel 2020, Facebook ha guadagnato oltre 29 miliardi di dollari. Il 98 percento dei profitti proveniva dalla pubblicità. Inoltre, il social network ha ricevuto più della metà di questo importo non negli Stati Uniti, ma in altri paesi. Il maggior numero di utenti di Facebook – 251 milioni di persone – vive in India. Gli Stati Uniti, con 240 milioni di conti registrati, sono al secondo posto, mentre il Brasile, con 139 milioni, è al terzo. Indonesia e Messico completano la top five. Tra i primi dieci paesi per numero di utenti Facebook ci sono anche Filippine, Vietnam, Thailandia, Regno Unito e Turchia. La Russia, con 13,1 milioni di utenti, è al 36° posto in questa classifica.

Facebook è riluttante a parlare di quanto guadagna al di fuori degli Stati Uniti. Dopotutto, se altri paesi scoprono i dati esatti, la società dovrà aprire uffici di rappresentanza ufficiali e pagare le tasse sui loro guadagni. Ad esempio, nel Regno Unito nel 2014, Facebook ha pagato tasse per un importo di £ 4.327 e nel 2016, dopo aver aperto una concessionaria, £ 5,1 milioni. Facebook opera in circa 200 paesi in tutto il mondo, ma l’azienda ha uffici solo in 30 di essi. Alphabet, che possiede Google e YouTube, ha 32 di questi uffici.

Di conseguenza, i paesi in cui Facebook o YouTube sono quasi gli unici social network non hanno la capacità di limitare in qualche modo l’influenza dei colossi americani. I governi di molti paesi stanno cercando di multarli, ma molto spesso le perdite monetarie derivanti da questo sono così trascurabili che è più facile per il gigante IT pagare e continuare a infrangere la legge.

Ad esempio, l’utile netto della casa madre di Google – Alphabet – nella sola seconda metà del 2020 è stato di 6,9 miliardi di dollari. Allo stesso tempo, Roskomnadzor ha multato la società di soli tre milioni di rubli per non aver rimosso le informazioni vietate. Anche la multa record di 4,34 miliardi di euro, che la Commissione Europea ha nominato Google nel 2018 per violazione delle leggi antitrust, non ha influito in alcun modo sulla capitalizzazione della società.

Un altro strumento spesso utilizzato da diversi paesi è lo sviluppo di leggi che in qualche modo definiscono il quadro giuridico per i social network. In Germania, ad esempio, dal 2017 è in vigore una legge secondo la quale il social network è obbligato a rimuovere l’incitamento all’odio entro 24 ore. Le aziende rischiano multe fino a 50 milioni di euro per violazione. Nel 2020, la legge è stata ampliata: le piattaforme erano tenute a segnalare alcuni tipi di contenuti pericolosi all’Ufficio federale di polizia criminale tedesco.

Nell’aprile 2021, un’unità speciale per i mercati digitali ha iniziato a lavorare nel Regno Unito , un regolatore progettato per supervisionare le principali piattaforme tecnologiche come Google, Apple, Facebook e Amazon.

Nell’ottobre 2020, la Turchia ha inasprito le regole per il funzionamento dei grandi social network nel paese: le autorità li hanno obbligati ad aprire un ufficio di rappresentanza ufficiale. Per il rifiuto di un social network, erano previsti tre tipi di punizione contemporaneamente: una multa, il divieto di acquistare annunci pubblicitari da essi e un rallentamento del traffico del 90% (ovvero, di fatto, il blocco). Nel novembre 2020, Facebook, YouTube, Twitter, Instagram e TikTok sono stati multati di 1,2 milioni di dollari a titolo di avvertimento . Dopo aver ricevuto un segnale completamente comprensibile, YouTube ha prima accettato le condizioni delle autorità turche e poco dopo – Facebook e Instagram.

Le autorità turche possono essere comprese, perché nei cinque servizi più popolari, i giganti IT americani occupano tutti i posti contemporaneamente. La situazione è la stessa in Germania e Gran Bretagna. In Russia, tutto è leggermente diverso: VKontakte e Odnoklassniki sono in competizione con successo con WhatsApp e Instagram.

Google, che ha conquistato il 92 percento del mercato della ricerca globale, perde contro Yandex in Russia , occupando solo il 39 percento del mercato

La Russia ha richiesto ai social media globali di rispettare le leggi locali dal 2017. Ma poiché nel Paese non esistono uffici ufficiali di Google, Facebook o Twitter, su di essi non ci sono vere leve di pressione. Il rallentamento è stato l’unico meccanismo che ha costretto Twitter a rispondere alla richiesta di rimozione dei contenuti vietati. Nel marzo 2021, il lavoro del social network americano è stato limitato per la prima volta in Russia. Di conseguenza, un mese dopo, il social network ha rimosso più della metà di tutti i post illegali. Rallentare era una misura estrema, poi c’era solo il blocco. Ma in Russia hanno già provato ad applicarlo: il blocco biennale di Telegram ha dimostrato che gli utenti aggirano abbastanza facilmente le restrizioni.

Questo è in gran parte il motivo per cui Putin ha firmato una legge a luglio che obbliga le società IT straniere ad aprire uffici in Russia. Il mancato rispetto dei requisiti non è solo un blocco potenzialmente aggirabile. Possono essere privati ​​dell’opportunità di vendere annunci, essere rimossi dai risultati di ricerca e non possono raccogliere dati sul territorio del paese. In breve, colpiscono il loro portafoglio così forte che finalmente prestano attenzione agli utenti dalla Russia.

I governi di molti paesi del mondo stanno passando all’offensiva contro i giganti dell’informatica. Alla fine è diventato chiaro per loro: Facebook e Google non hanno alcuno scopo o desiderio di prendersi cura dei propri utenti. Gli algoritmi che stanno alla base dei social network non possono né proteggere miliardi di utenti, né salvarli dal degrado mentale e psicologico. A differenza dei social network, gli stati stanno cominciando a capire che l’umanità non ha bisogno di controllo, ma di protezione. Ma per fornirlo, i giganti IT devono capire chi controlla i loro algoritmi. E anche: smetti di vedere negli utenti solo una fonte inesauribile di reddito e inizia a vederli come persone.

Precedente Vaiolo trovato all'American Center for Vaccine Research Successivo Video - Cinese scomparso per 16 anni ha ritrovato i suoi genitori