Zodiac, il brutale assassino degli anni ’60

Spread the love

Negli Stati Uniti, hanno annunciato di aver identificato un serial killer nascosto sotto lo pseudonimo di Zodiac. Questo criminale divenne così popolare che ogni anno la polizia statunitense riceveva centinaia di messaggi da persone che credevano di sapere esattamente chi era veramente. 

Fiori e sangue in California firmati Zodiac

La fine degli anni ’60 fu un periodo caldo negli Stati Uniti. Gli ultimi accordi dell’era hippie tuonarono, i giovani si ribellarono al “potere degli adulti”, lo spirito di libertà, saturo di sesso, droga e rock n’roll, era nell’aria.

Alla fine degli anni ’60, in California, due dei più famosi serial killer americani hanno commesso i loro crimini, uno era Charles Manson che fu rapidamente smascherato, trascorse il resto della sua vita in prigione, Zodiac non catturato si trasformò in un personaggio di culto. 

Zodiac, a differenza della maggior parte dei serial killer, non si accontentava di leggere i rapporti sui suoi “exploit” sulla stampa, ma comunicava attivamente con i media e la polizia, si burlava delle indagini e cercava in tutti i modi di mantenere l’interesse per la sua persona per almeno almeno quattro anni.

“I poliziotti non mi prenderanno mai perché sono troppo intelligente per loro”

Il 20 dicembre 1968, qualcuno sparò a una coppia di studenti innamorati David Faraday e Betty Lou Jensen nella loro auto sulle rive del lago Herman. Il delitto è stato commesso dopo le dieci di sera, la polizia non è riuscita a trovare testimoni e prove e il caso è stato archiviato.

Verso la mezzanotte del 4 luglio 1969, gli amanti in macchina furono nuovamente attaccati. Questa volta, l’autore ha sparato a Michael Maggio e Darlene Ferrin

Dopo 40 minuti, la Questura di Vallejo ha ricevuto una chiamata. La persona che chiamò confessò il crimine dichiarando che era proprio lui ad aver ucciso quei ragazzi l’anno passato, accennando chiaramente a Faraday e Jensen.

In seguito, la chiamata è stata rintracciata scoprendo che proveniva da un telefono pubblico a poche centinaia di metri dalla casa di Ferrin ea un paio di isolati dal dipartimento di polizia. Tuttavia, questa volta una delle vittime è riuscita a sopravvivere. Michael Maggio è stato salvato nonostante le gravi ferite al torace e al viso.

Zodiac parla

Il 31 luglio 1969, tre giornali californiani – il Vallejo Times-Herald, il San Francisco Chronicle e il San Francisco Examiner – ricevettero tre lettere che rivendicavano la responsabilità di due attacchi alle coppie il 20 dicembre 1968 e il 4 luglio 1969. Ciascuna delle lettere conteneva un pezzo di testo cifrato.

Il 7 agosto 1969, al San Francisco Examiner arrivò una nuova lettera anonima. Da quel momento iniziò la storia dell’assassino di Zodiac. Nella maggior parte dei casi, la gente o la stampa inventano nomi inquietanti per i serial killer, ma lo stesso Zodiac si mise questo nome nel messaggio.

La lettera era in risposta alle richieste del capo della polizia affinché l’autore di precedenti lettere anonime fornisse prove del coinvolgimento negli omicidi. Zodiac ha fornito dettagli che non divulgati e che potevano essere conosciuti solo dalla polizia. Il giorno dopo, l’insegnante di scuola Donald Garden e sua moglie della città di Salinas sono riusciti a decifrare il messaggio inviato il 31 luglio dallo Zodiac.

“Mi piace uccidere perché è divertente. È ancora più divertente che uccidere animali selvatici perché gli umani sono gli animali più pericolosi di tutti. Questa è l’esperienza più esaltante, è anche più bella delle capriole con una ragazza”

La sera del 29 settembre 1969, Zodiac attaccò i turisti del Lago Berryessa Brian Hartnell e Cecilia Ann Shepard. Questa volta, l’assassino mise in scena un vero spettacolo. Apparve davanti alle sue vittime con un cappuccio nero, indossava qualcosa come un grembiule con un segno a forma di cerchio barrato da una croce.

Zodiac colpiì più volte le vittime con un coltello, per poi disegnare lo stesso segno sulla loro auto con un pennarello

Alle 19:40, Zodiac chiamò l’ufficio dello sceriffo della contea di Napa denunciando il crimine. I poliziotti riuscirono a prelevare nuove impronte digitali dal telefono, non apparse negli schedari. Il terzo attacco riuscì solo a metà per Zodiac – Hartnell sopravvisse. Tuttavia, quando l’ambulanza arrivò, Shepard era ancora cosciente e riuscì a descrivere il suo assassino.

L’11 ottobre a San Francisco, un passeggero non identificato sparò e uccise il tassista Paul Stein

L’assassino rubò le chiavi della macchina, il portafoglio della vittima e strappò un pezzo della camicia insanguinata del defunto. Tre adolescenti diventarono testimoni del delitto. Riuscirono a chiamare la polizia anche prima che l’autore del reato lasciasse l’auto.

A un paio di isolati dalla scena del delitto, gli agenti incontrarono un uomo bianco che corrispondeva alla descrizione originale fornita dai testimoni, ma gli agenti di pattuglia gli chiesero solo se avesse visto un criminale armato. Presumibilmente il testimone mostrò loro la direzione in cui l’assassino scomparve.

Questo fu l’ultimo omicidio che gli investigatori collegano ufficialmente alle attività di Zodiac

Il 14 ottobre, The Chronicle ricevette una lettera dall’assassino, in cui affermava di aver ucciso il tassista e dichiarando di aver attaccato un messaggio su di un pezzo di camicia preso dalla scena del crimine.

Nella lettera, Zodiac scrisse che intendeva attaccare uno scuolabus

Presumibilmente intendeva sparare alla ruota dell’auto e poi sparare ai bambini. Tuttavia, non successe nulla del genere.

Più tardi, la persona che presentatasi come Zodiac disse che avrebbe chiamato lo show televisivo mattutino di Oakland se ci fossero stati gli avvocati Francis Lee Bailey o Melvin Bellay lì. Quest’ultimo venne allo spettacolo e la chiamata ebbe luogo, ma, come si scoprì in seguito, lo spettatore presentatosi come Zodiac era un paziente in una clinica psichiatrica.

L’8 novembre, The Chronicle ricevette un’altra lettera decifrata solo nel 2020

In esso, Zodiac affermò di non aver chiamato lo studio dello show televisivo. Il giorno dopo, in una nuova lettera, il maniaco descrisse il suo incontro con la polizia dopo l’omicidio di un tassista.

Lettera dello zodiaco decifrata nel 2020

Chi sei, Zodiac?
Nel 1970, Zodiac scrisse molte altre lettere, una delle quali prometteva di far saltare in aria uno scuolabus. Nel 1974, si occupò di molti altri crimini e affermò di aver ucciso 37 persone. Dopo questo, le lettere dell’inafferrabile maniaco si fermarono.

Arthur Lee Allen rimase per molti anni il principale e unico sospettato ufficiale nei crimini di Zodiac.

Fu arrestato più volte per aver molestato adolescenti e nel 1969 fu coinvolto nel caso Zodiac, poiché viveva a pochi minuti a piedi dal luogo dell’omicidio di David Faraday e Betty Lou Jensen.

Nel 1972, la roulotte di Allen fu perquisita dagli investigatori, ma non fu trovato nulla che lo collegasse agli omicidi di Zodiac. Nel 1974 fu arrestato con l’accusa di una serie di omicidi di sette ragazze. Successivamente, gli omicidi si fermarono e Allen fu mandato in un ospedale psichiatrico, dove trascorse tre anni.

Nel 1991, con l’avvento dei test del DNA, Allen fu ripreso

Gli inquirenti trovarono un nascondiglio di armi e un orologio di Zodiac. Arthur fu rilasciato dopo le analisi negative del DNA dell’oggetto, anche se i dubbi sulla sua innocenza erano enormi a causa delle prove indiziarie.

Lo stesso Allen affermò di essere innocente e rilasciò interviste ai media, sostenendo di essere stato vittima di giochi politici. Tuttavia, il sopravvissuto Michael Maggio, che a quel tempo aveva 41 anni, identificò con sicurezza Allen dalla fotografia come la persona che attaccò.

Nell’agosto 1992 Arthur morì di infarto

Nel 2002 dopo un esame del DNA, si scoprì che tutti  campioni di Allen non coincidevano con quelli delle scene del crimine. Il caso Zodiac rimase uno dei principali misteri della polizia del XX secolo e la polizia non parla davvero dei dettagli dell’indagine. 

Una delle prove principali, come in molti altri casi, è la somiglianza di “Gary Francis Post” con il ritratto dello Zodiaco, compilato dalle descrizioni dei testimoni. Questa volta, i ricercatori affermarono di aver trovato una fotografia nell’archivio di Post che lo mostrava con cicatrici sulla fronte, le stesse di Zodiac.

I detective di The Case Breakers collegarono Post all’omicidio avvenuto nella città di Riverside il 30 ottobre 1966

In seguito, una persona sconosciuta accoltellò la diciottenne Cherie Joe Bates. Il 29 novembre dello stesso anno, alla redazione del quotidiano locale Riverside Press-Enterprise pervenne una lettera anonima, il cui autore confessò l’omicidio e sostenne che “non era il primo né l’ultimo”.

Gary Francis Post all’epoca viveva a soli 15 minuti dal Riverside College, dove la ragazza fu uccisa

Nel 1966, la polizia trovò un orologio da polso schizzato di vernice vicino alla scena del crimine e Post lavorò come pittore per tutta la vita. Sulla scena dell’omicidio di Bates è stata trovata una traccia di uno stivale dell’esercito. Post era un veterano dell’Air Force e segni simili furono trovati vicino alle scene del crimine dello Zodiac. 

Correlato: L’assassinio JFK e il cover-up sugli UFO

I giornalisti contattarono una donna di nome Gwen, cresciuta nel quartiere della famiglia di Post negli anni ’70 e ’80. Lui e sua moglie a volte si prendevano cura della ragazza e, come lei affermò, era un marito crudele al quale era stato insegnato a sparare con una pistola.

L’ex pilota dell’aeronautica americana Hans Smith affermò di aver nascosto per 10 anni un informatore sfuggito alla “banda” guidata da Post.

La banda avrebbe operato nell’area californiana di High Sierra e ne ha fatto una “macchina per uccidere”

Una donna di nome Michelle, sposata con il figlio di Post, affermò che Gary Francis Post la perseguitava insieme alla sua “banda dei tre”. Michelle rifiutò di fornire il suo cognome, poiché era sicura che anche a tre anni dalla morte di Post, i suoi complici “gli sarebbero restati fedeli”.

Confronto tra il ritratto dello Zodiaco e la fotografia di Gary Francis Post
Confronto tra il ritratto dello Zodiaco e la fotografia di Gary Francis Post

La polizia fino a quel momento si rifiutò di commentare i nuovi dati, adducendo il fatto che il caso Zodiac non era ancora chiuso. Ad ogni modo, sembra che i rappresentanti della legge non abbiano mostrato molto interesse per la nuova inchiesta. Inoltre, Post era già sospettato, ma le forze dell’ordine negarono il suo coinvolgimento in questo caso.

Quanti Zodiac c’erano?

C’erano molti sospetti negli omicidi commessi dallo Zodiac. In varie occasioni, i suoi crimini furono attribuiti non solo ad Arthur Lee Allen, ma anche a Charles Manson e alla sua setta. Nel 2007, un certo Dennis Kaufman dichiarò che il suo patrigno era Zodiac. Disse all’FBI di aver trovato tra gli effetti personali di un parente “articoli sospetti”, presumibilmente indicando la colpevolezza di quest’ultimo. Nel 2010, gli investigatori negarono questa versione.

Nel 2009, un episodio di MysteryQuest di History Channel suggerì che Zodiac fosse Richard Gaikowski, direttore del giornale controculturale Good Times di San Francisco

Presumibilmente, il suo aspetto era molto simile alla descrizione dell’assassino e il centralinista della polizia, che aveva parlato con Zodiac dopo il secondo attacco, identificò la sua voce come quella di Zodiac.

Nel 2001, un certo Louis Joseph Myers confessò a un amico che era stato lui a commettere gli omicidi dello Zodiaco. L’uomo stava morendo di cirrosi epatica e decise di aprire la sua anima ad un amico. Nella sua biografia ci sono infatti alcune coincidenze con Zodiac.

Ci sono ancora molte storie simili e “confessioni”. Spesso si basano solo sulla somiglianza esterna degli indagati o sulla coincidenza di alcuni fatti della biografia

L’indagine su The Case Breakers, prima o poi, potrebbe interessare le autorità competenti, ma per ora possiamo solo dire che il caso Zodiac è ancora aperto, e non si sa se l’elusivo killer verrà mai ritrovato.

Precedente Video - Cinese scomparso per 16 anni ha ritrovato i suoi genitori Successivo I poveri hanno perso quasi la metà della propria ricchezza negli ultimi cinque anni