Trump: blocco delle proprietà delle persone associate al Tribunale penale internazionale

Spread the love

Trump ha emesso un’ordinanza che sequestra tutte le proprietà a chi è coinvolto in crimini agli Stati Uniti ed ai suoi cittadini, a chi, senza il consenso degli Stati Uniti avrà arrestato, interrogato, giudicato o trattenuto un cittadino americano, aiutato anche indirettamente, sponsorizzato, fornito supporto tecnologico o finanziario contro gli Stati Uniti e fornito qualsiasi supporto nelle attività dei punti (a) (i) (A9 o (a) (i) (B) della seguente ordinanza.  Inoltre, verrà impedito ai criminali ed ai loro familiari di entrare negli USA

Gli accusati non potranno fare ricorso all’Aja, la CEDU ha conflitti di interessi enormi con un noto magnate bulgaro che con questa ordinanza verrà giudicato direttamente negli USA senza passare nei tribunali Europei presidiati dai giudici di SUA PROPRIETA’

Di seguito l’ordinanza di Trump:

Dall’autorità conferita a me in qualità di Presidente dalla Costituzione e dalle leggi degli Stati Uniti d’America, compreso l’International Emergency Economic Powers Act (50 USC 1701 e seguenti) (IEEPA), il National Emergencies Act (50 USC 1601 e seguenti .) (NEA), sezione 212 (f) dell’Immigration and Nationality Act del 1952 (8 USC 1182 (f)), e sezione 301 del titolo 3, Codice degli Stati Uniti,

Io, DONALD J. TRUMP, presidente degli Stati Uniti d’America, trovo che la situazione relativa al Tribunale penale internazionale (ICC) e le sue affermazioni illegittime di giurisdizione sul personale degli Stati Uniti e su alcuni dei suoi alleati, incluso l’ICC L’indagine del pubblico ministero su azioni presumibilmente commesse da militari, intelligence e altro personale degli Stati Uniti in o relativi all’Afghanistan, minaccia di sottoporre molestie, abusi e possibili arresti al governo attuale e precedente e agli ufficiali alleati. Queste azioni da parte della CPI, a loro volta, minacciano di violare la sovranità degli Stati Uniti e ostacolano le critiche attività di sicurezza nazionale e di politica estera del governo degli Stati Uniti e dei funzionari alleati,e quindi minacciare la sicurezza nazionale e la politica estera degli Stati Uniti. Gli Stati Uniti non fanno parte dello Statuto di Roma, non hanno mai accettato la giurisdizione della CPI sul proprio personale e hanno costantemente respinto le asserzioni della giurisdizione della CPI sul personale degli Stati Uniti. Inoltre, nel 2002, il Congresso degli Stati Uniti ha emanato l’American Service-Members ‘Protection Act (22 USC 7421 e seguenti) che ha respinto le affermazioni di giurisdizione non consensuali della ICC. Gli Stati Uniti rimangono impegnati nella responsabilità e nella coltivazione pacifica dell’ordine internazionale, ma la CPI e le parti dello Statuto di Roma devono rispettare le decisioni degli Stati Uniti e di altri paesi di non sottoporre il proprio personale alla giurisdizione della CPI, coerentemente con i rispettivi prerogative sovrane.Gli Stati Uniti cercano di imporre conseguenze tangibili e significative ai responsabili delle trasgressioni della CPI, che possono comprendere la sospensione dell’ingresso negli Stati Uniti di funzionari, impiegati e agenti della CPI, nonché dei loro familiari stretti. L’ingresso di tali alieni negli Stati Uniti sarebbe dannoso per gli interessi degli Stati Uniti e negare loro l’ingresso dimostrerà ulteriormente la decisione degli Stati Uniti di opporsi al superamento della CPI cercando di esercitare la giurisdizione sul personale degli Stati Uniti e il nostro alleati, nonché personale di paesi che non sono parti dello statuto di Roma o che non hanno altrimenti acconsentito alla giurisdizione della CPI.che può includere la sospensione dell’ingresso negli Stati Uniti di funzionari, impiegati e agenti della CPI, nonché dei loro familiari stretti. L’ingresso di tali alieni negli Stati Uniti sarebbe dannoso per gli interessi degli Stati Uniti e negare loro l’ingresso dimostrerà ulteriormente la decisione degli Stati Uniti di opporsi al superamento della CPI cercando di esercitare la giurisdizione sul personale degli Stati Uniti e il nostro alleati, nonché personale di paesi che non sono parti dello statuto di Roma o che non hanno altrimenti acconsentito alla giurisdizione della CPI.che può includere la sospensione dell’ingresso negli Stati Uniti di funzionari, impiegati e agenti della CPI, nonché dei loro familiari stretti. L’ingresso di tali alieni negli Stati Uniti sarebbe dannoso per gli interessi degli Stati Uniti e negare loro l’ingresso dimostrerà ulteriormente la decisione degli Stati Uniti di opporsi al superamento della CPI cercando di esercitare la giurisdizione sul personale degli Stati Uniti e il nostro alleati, nonché personale di paesi che non sono parti dello statuto di Roma o che non hanno altrimenti acconsentito alla giurisdizione della CPI.L’ingresso di tali alieni negli Stati Uniti sarebbe dannoso per gli interessi degli Stati Uniti e negare loro l’ingresso dimostrerà ulteriormente la decisione degli Stati Uniti di opporsi al superamento della CPI cercando di esercitare la giurisdizione sul personale degli Stati Uniti e il nostro alleati, nonché personale di paesi che non sono parti dello statuto di Roma o che non hanno altrimenti acconsentito alla giurisdizione della CPI.L’ingresso di tali alieni negli Stati Uniti sarebbe dannoso per gli interessi degli Stati Uniti e negare loro l’ingresso dimostrerà ulteriormente la decisione degli Stati Uniti di opporsi al superamento della CPI cercando di esercitare la giurisdizione sul personale degli Stati Uniti e il nostro alleati, nonché personale di paesi che non sono parti dello statuto di Roma o che non hanno altrimenti acconsentito alla giurisdizione della CPI.

Decido pertanto che qualsiasi tentativo da parte della CPI di indagare, arrestare, detenere o perseguire qualsiasi personale degli Stati Uniti senza il consenso degli Stati Uniti o del personale di paesi che sono alleati degli Stati Uniti e che non sono parti dello Statuto di Roma o non ha altrimenti acconsentito alla giurisdizione della CPI, costituisce una minaccia insolita e straordinaria per la sicurezza nazionale e la politica estera degli Stati Uniti e dichiaro un’emergenza nazionale per far fronte a tale minaccia. Con la presente determino e ordino:

Sezione 1. (a) Tutte le proprietà e gli interessi su proprietà che si trovano negli Stati Uniti, che in seguito vengono negli Stati Uniti o che sono o in seguito in possesso o controllo di qualsiasi persona degli Stati Uniti, delle seguenti persone sono bloccati e non può essere trasferito, pagato, esportato, ritirato o altrimenti negoziato:
(i) qualsiasi persona straniera stabilita dal Segretario di Stato, in consultazione con il Segretario del Tesoro e il Procuratore Generale:
(A) di aver assunto direttamente in qualsiasi sforzo da parte della CPI di indagare, arrestare, detenere o perseguire qualsiasi personale degli Stati Uniti senza il consenso degli Stati Uniti;
(B) di aver intrapreso direttamente qualsiasi sforzo da parte della CPI per indagare, arrestare, detenere o perseguire qualsiasi personale di un paese che sia alleato degli Stati Uniti senza il consenso del governo di quel paese;
(C) avere materialmente assistito, sponsorizzato o fornito supporto finanziario, materiale o tecnologico per, o beni o servizi a/o in supporto di qualsiasi attività descritta nella sottosezione (a) (i) (A) o (a) ( i) (B) di questa sezione o qualsiasi persona i cui beni e interessi nella proprietà siano bloccati ai sensi del presente ordine; o
(D) di essere posseduti o controllati da, o di aver agito o preteso di agire per o per conto di, direttamente o indirettamente, qualsiasi persona le cui proprietà e interessi nella proprietà sono bloccati ai sensi del presente ordine.
(b) I divieti nella sottosezione (a) della presente sezione si applicano tranne nella misura prevista da statuti o regolamenti, ordini, direttive o licenze che possono essere emessi in base a questo ordine, e nonostante qualsiasi contratto stipulato o qualsiasi licenza o permesso concesso prima della data di questo ordine.

Sez. 2. Con la presente determino che la donazione dei tipi di articoli specificati nella sezione 203 (b) (2) dell’IEEPA (50 USC 1702 (b) (2)) da, ao o a beneficio di qualsiasi persona la cui la proprietà e gli interessi nella proprietà sono bloccati ai sensi della sezione 1 (a) di questo ordine comprometterebbe gravemente la mia capacità di affrontare l’emergenza nazionale dichiarata in questo ordine, e con la presente proibisco tali donazioni come previsto dalla sezione 1 (a) di questo ordine .

Sez. 3. I divieti di cui alla sezione 1 (a) del presente ordine comprendono:
(a) la fornitura di qualsiasi contributo o fornitura di fondi, beni o servizi da, a, o per il beneficio di qualsiasi persona la cui proprietà e gli interessi nella proprietà sono bloccato ai sensi della sezione 1 (a) del presente ordine; e
(b) la ricezione di qualsiasi contributo o fornitura di fondi, beni o servizi da tale persona.

Sez. 4. L’ingresso senza restrizioni di immigrati e non immigranti negli Stati Uniti negli stranieri determinato a soddisfare uno o più dei criteri di cui alla sezione 1 (a) del presente ordine, nonché i familiari immediati di tali alieni o gli stranieri determinati dal Segretario di Lo stato che deve essere assunto dall’ICC o che agisce in qualità di agente della CCI sarebbe dannoso per gli interessi degli Stati Uniti e l’ingresso di tali persone negli Stati Uniti, in quanto immigrati o non immigranti, è sospeso, salvo laddove il Il Segretario di Stato stabilisce che l’ingresso della persona negli Stati Uniti non sarebbe contrario agli interessi degli Stati Uniti, anche quando il Segretario determina, in base a una raccomandazione del Procuratore Generale, che l’ingresso della persona sarebbe ulteriormente importante Obiettivi delle forze dell’ordine degli Stati.Nell’esercizio di tale responsabilità, il Segretario di Stato consulta il Segretario della Sicurezza nazionale in merito a questioni di ammissibilità o inammissibilità nell’ambito dell’autorità del Segretario della Sicurezza nazionale. Tali persone saranno trattate come persone coperte dalla sezione 1 della Proclamazione 8693 del 24 luglio 2011 (sospensione dell’ingresso di stranieri soggetta a divieti di viaggio del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite e sanzioni internazionali di emergenza delle potenze economiche). Il Segretario di Stato avrà la responsabilità di attuare questa sezione in conformità alle condizioni e procedure stabilite dal Segretario o da esso stabilite ai sensi della Proclamazione 8693.il Segretario di Stato consulta il Segretario della Sicurezza nazionale in merito a questioni relative all’ammissibilità o all’irricevibilità nell’ambito dell’autorità del Segretario della Sicurezza nazionale. Tali persone saranno trattate come persone coperte dalla sezione 1 della Proclamazione 8693 del 24 luglio 2011 (sospensione dell’ingresso di stranieri soggetta a divieti di viaggio del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite e sanzioni internazionali di emergenza delle potenze economiche). Il Segretario di Stato avrà la responsabilità di attuare questa sezione in conformità alle condizioni e procedure stabilite dal Segretario o da esso stabilite ai sensi della Proclamazione 8693.il Segretario di Stato consulta il Segretario della Sicurezza nazionale in merito a questioni relative all’ammissibilità o all’irricevibilità nell’ambito dell’autorità del Segretario della Sicurezza nazionale. Tali persone saranno trattate come persone coperte dalla sezione 1 della Proclamazione 8693 del 24 luglio 2011 (sospensione dell’ingresso di stranieri soggetta a divieti di viaggio del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite e sanzioni internazionali di emergenza delle potenze economiche). Il Segretario di Stato avrà la responsabilità di attuare questa sezione secondo le condizioni e le procedure stabilite dal Segretario o da esso stabilite ai sensi della Proclamazione 8693.2011 (Sospensione dell’ingresso di stranieri soggetta a divieti di viaggio del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite e sanzioni internazionali sulla legge sui poteri economici di emergenza). Il Segretario di Stato avrà la responsabilità di attuare questa sezione in conformità alle condizioni e procedure stabilite dal Segretario o da esso stabilite ai sensi della Proclamazione 8693.2011 (Sospensione dell’ingresso di stranieri soggetta a divieti di viaggio del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite e sanzioni internazionali sulla legge sui poteri economici di emergenza). Il Segretario di Stato avrà la responsabilità di attuare questa sezione in conformità alle condizioni e procedure stabilite dal Segretario o da esso stabilite ai sensi della Proclamazione 8693.

Sez. 5. (a) È vietata qualsiasi transazione che elude o evita, ha lo scopo di eludere o evitare, provoca una violazione o tenta di violare uno dei divieti stabiliti in questo ordine.
(b) È vietata qualsiasi cospirazione formata per violare uno dei divieti stabiliti in questo ordine.

Sez. 6. Nessuna disposizione del presente ordine proibisce le transazioni per lo svolgimento delle attività ufficiali del governo federale da parte di dipendenti, beneficiari o appaltatori.

Sez. 7. Ai fini del presente ordine:
a) il termine “persona” indica una persona fisica o giuridica;
(b) il termine “entità” indica un governo o una strumentalità di tale governo, associazione, associazione, trust, joint venture, società, gruppo, sottogruppo o altra organizzazione, compresa un’organizzazione internazionale;
(c) il termine “persona degli Stati Uniti” indica qualsiasi cittadino degli Stati Uniti, straniero residente permanente, entità organizzata secondo le leggi degli Stati Uniti o qualsiasi giurisdizione all’interno degli Stati Uniti (comprese le filiali estere) o qualsiasi persona negli Stati Uniti;
(d) il termine “personale degli Stati Uniti” indica qualsiasi membro attuale o precedente delle forze armate degli Stati Uniti, qualsiasi funzionario attuale o precedentemente eletto o nominato del governo degli Stati Uniti e qualsiasi altra persona attualmente o precedentemente impiegata o lavorante a nome del governo degli Stati Uniti;
(e) il termine “personale di un paese che è un alleato degli Stati Uniti” indica qualsiasi personale militare attuale o precedente, funzionario attuale o precedentemente eletto o nominato, o altra persona attualmente o precedentemente impiegata o che lavora per conto di un governo di un paese membro dell’Organizzazione del Trattato del Nord Atlantico (NATO) o di un “grande alleato non NATO”, come definito dalla sezione 2013 (7) dell’American Service-Members ‘Protection Act (22 USC 7432 (7)); e
(f) il termine “familiare immediato” indica coniugi e figli.

Sez. 8. Per le persone i cui beni e interessi in proprietà sono bloccati ai sensi del presente ordine e che potrebbero avere una presenza costituzionale negli Stati Uniti, ritengo che a causa della possibilità di trasferire istantaneamente fondi o altri beni, preavviso a tali persone di misure l’adozione ai sensi della sezione 1 del presente ordine renderebbe inefficaci tali misure. Decido pertanto che affinché tali misure siano efficaci per far fronte all’emergenza nazionale dichiarata in questo ordine, non è necessario che sia preventivamente notificato un elenco o una decisione effettuata in conformità alla sezione 1 del presente ordine.

Sez. 9. Il Segretario del Tesoro, in consultazione con il Segretario di Stato, è autorizzato ad intraprendere tali azioni, incluso l’adozione di norme e regolamenti, e di impiegare tutti i poteri che mi sono stati concessi da IEEPA per quanto necessario per dare esecuzione a questo ordine. Il Segretario del Tesoro può, conformemente alla legge applicabile, rielaborare una di queste funzioni all’interno del Dipartimento del Tesoro. Tutti i dipartimenti e le agenzie degli Stati Uniti adottano tutte le misure appropriate nell’ambito della loro autorità per attuare questo ordine.

Sez. 10. Il Segretario del Tesoro, in consultazione con il Segretario di Stato, è autorizzato a presentare al Congresso relazioni ricorrenti e finali sull’emergenza nazionale dichiarata in questo ordine, in conformità con la sezione 401 (c) della NEA (50 USC 1641 (c)) e sezione 204 (c) di IEEPA (50 USC 1703 (c)).

Sez. 11. (a) Nulla in questo ordine deve essere interpretato per pregiudicare o influenzare in altro modo:
(i) l’autorità concessa dalla legge a un dipartimento esecutivo o agenzia, o il suo capo; o
(ii) le funzioni del direttore dell’Ufficio di gestione e bilancio relative a proposte di bilancio, amministrative o legislative.
(b) Il presente ordine è attuato in conformità della legge applicabile e soggetto alla disponibilità di stanziamenti.
(c) Questo ordine non ha lo scopo di creare e non creare alcun diritto o beneficio, sostanziale o procedurale, applicabile per legge o in equità da qualsiasi parte contro gli Stati Uniti, i suoi dipartimenti, agenzie o entità, i suoi funzionari, dipendenti o agenti o qualsiasi altra persona.

DONALD J. TRUMP

THE WHITE HOUSE,
11 giugno 2020.

 

 

fonti:

https://www.whitehouse.gov/presidential-actions/executive-order-blocking-property-certain-persons-associated-international-criminal-court/

 

Precedente Sony e cinema sono legate alla CIA e al Monarch Mind Control Successivo Chi comanda la Corte di Giustizia Europea