Mark Zuckerberg testimonia all’antitrust suggerendo che Apple, Amazon, Google e TikTok minacciano più di Facebook

Mark Zuckerberg ha dato il via alla sua testimonianza durante l’audienza antitrust della grande tecnologia, suggerendo che Apple, Amazon, Google e TikTok cercano essere minacce più grandi di Facebook. Il deputato Cicilline, ha affermato che un’indagine di un anno condotta dai legislatori ha rivelato modelli di abusi da parte delle piattaforme online.

“Le piattaforme dominanti hanno esercitato il loro potere in modo distruttivo e dannoso per espandersi”, ha affermato.

Quali sono le preoccupazioni per i giganti della tecnologia?Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump è un critico di lunga data di Amazon e ha minacciato la propria azione su Twitter, scrivendo:

“Se il Congresso non porterà equità alla Big Tech, cosa che avrebbero dovuto fare anni fa, lo farò io stesso con ordini esecutivi. Non c’è dubbio che ciò che stanno facendo le grandi aziende tecnologiche sia pessimo”, ha detto.

Elon Musk ha chiesto la “rottura” del gigante tecnologico Amazon, a seguito di una disputa su un e-book sul coronavirus. L’imprenditore è venuto a difesa di un autore dopo che la divisione editoriale di Amazon Kindle ha respinto il suo libro sulla pandemia di coronavirus. Musk ha taggato l’amministratore delegato di Amazon Jeff Bezos in un tweet, dicendo che la decisione è stata “folle”, aggiungendo: “È ora di rompere Amazon”. Amazon ha dichiarato che il libro è stato rimosso per  errore e verrà ripristinato. All’udienza di mercoledì, i legislatori hanno accusato Google di aver rubato contenuti creati da aziende più piccole, come Yelp, al fine di mantenere gli utenti sulle proprie pagine web. Anche il trattamento di Amazon da parte dei venditori sul suo sito, l’acquisizione da parte di Facebook di concorrenti come Instagram e l’App Store di Apple hanno attirato l’attenzione. le società hanno abusato del loro potere svantaggiando i concorrenti o acquistandoli interamente. I repubblicani hanno accusato i testimoni di insufficiente patriottismo e di essere troppo a proprio agio con i cinesi.

Il capo della Apple Tim Cook ha affermato che il clima degli affari è “così competitivo che lo descriverei come una lotta di strada per la quota di mercato nel settore degli smartphone”.

Bezos, nella sua prima apparizione prima del Congresso, ha negato che i molteplici ruoli di Amazon fossero un conflitto di interessi, ma ha ammesso che la società stava rivedendo la gestione dei dati di vendita dei venditori sul sito. La società è stata accusata di utilizzare tali informazioni per lanciare la propria versione di prodotti venduti a caldo. Bezos ha affermato che le regole di Amazon vietano al personale di esaminare i dati di vendita di singole società, ma ha ammesso che i dipendenti potrebbero aver violato la politica.

Solo Zuckerberg è disposto ad accusare la Cina di furto di tecnologia
Ai quattro capi viene posta una domanda sì o no dal repubblicano Greg Steube: credi che il governo cinese stia rubando la tecnologia alle società statunitensi?

Tim Cook. “Non conosco casi specifici in cui siamo stati rubati dal governo. Non conosco nessun caso per il nostro in cui si è verificato.”

Sunder Pichai: “Non ho una conoscenza diretta di qualsiasi informazione rubata da Google in questo senso.”

Mark Zuckerberg: “Penso che sia ben documentato che il governo cinese ruba tecnologia dalle società statunitensi”.

Jeff Bezos: “Non l’ho visto personalmente, ma ne ho sentito molte notizie”.

fonte: https://www.bbc.com/news/live/world-us-canada-53582909

 

Precedente Magistrato Giorgianni: sequestri, omicidi, repressioni, dittatura, cosa c'è dietro il coronavirus? Successivo Si vocifera di un Maxi Condono: Sta arrivando Gesara?