Il Deep State esiste e Trump apre le danze ai processi

Spread the love

Le rivelazioni di un governo oscuro dietro le quinte del “vero governo” sono state divulgate per molti, molti anni. Un gruppo di individui, senza legami con nessun paese e nessuna religione, ha influenzato tranquillamente tutto nel nostro mondo dall’economia, dalla politica politica, dall’assistenza sanitaria, dall’offerta alimentare e altro ancora. Letteralmente, influenzano e controllano tutto. Questo è ciò che molti chiamano Deep State o Cabala. Una volta era una cospirazione, ma dopo anni in cui si è dimostrato più e più volte vero e gli informatori confermano questa realtà

L’America con Trump si avvia a compiere la più altisonante giustizia per lo scandalo politico più famoso di questi ultimi decenni. Il Dipartimento di Giustizia statunitense (DOJ , guidato dal Procuratore Generale degli Stati Uniti, il principale funzionario delle forze dell’ordine della nazione e il principale consigliere legale del Presidente. Un altro alto funzionario del DOJ è il Solicitor General, che rappresenta il governo federale nei casi ascoltati davanti alla Corte Suprema degli Stati Uniti) si appresta a convocare ben 16 e ne usciranno presto molti altri per lo scandalo del premio nobel (??? ha creato più guerre e morti Obama che altri…) Obama.

“Obamagate” presuppone l’esistenza di uno “Stato profondo”, una cabala che ha corrotto / ricattato un gran numero di persone in posizioni potenti e influenti in tutti i rami del governo dell’esercito, dell’intelligence e del mainstream. Inoltre, a differenza dei precedenti presidenti tra cui Barack Obama che facevano parte o erano disposti ad andare d’accordo con lo Deep State, Donald Trump è visto come supportato da un asse militare / di intelligence che si opponeva al Deep State che cercava di impiegare Trump per aiutarli a “prosciugare la palude” (cioè rimuovere i “giocatori” dei Deep State dal potere e, ove possibile, perseguirli per i loro crimini). Se questo è vero, e sembra che lo sia, spiegherebbe davvero la motivazione incessante di denigrare Donald Trump agli occhi del pubblico ad ogni turno, e alla fine provare ogni trucco nel per rimuoverlo dal potere.

La convinzione dell’esistenza di uno “Deep State” basata sulle prove disponibili non partecipa alle teorie della cospirazione “di estrema destra”, proprio come i media tradizionali vorrebbero che si caratterizzasse. In effetti, lo Deep State viene visto per molto tempo avere il controllo delle persone potenti su entrambi i lati della navata politica. Era certamente in controllo durante l’amministrazione George W. Bush, e suo padre George HW Bush era conosciuto come membro di alto rango. John F. Kennedy, probabilmente l’ultimo presidente veramente contrario al Deep State, ed ha riconosciuto la sua presenza molto più chiaramente di quanto molti credano:

Siamo contrastati in tutto il mondo da una cospirazione monolitica e spietata che si basa principalmente su mezzi segreti per espandere la sua sfera di influenza – sull’infiltrazione anziché sull’invasione, sulla sovversione anziché sulle elezioni, sull’intimidazione invece che sulla libera scelta, sulla guerriglia di notte invece che sulla guerriglia di notte anziché eserciti di giorno. È un sistema che ha inglobato vaste risorse umane e materiali nella costruzione di una macchina molto unita e altamente efficiente che combina operazioni militari, diplomatiche, di intelligence, economiche, scientifiche e politiche. I suoi preparativi sono nascosti, non pubblicati. I suoi errori sono sepolti, non messi in evidenza. I suoi dissidenti sono messi a tacere, non elogiati. Nessuna spesa viene messa in discussione, nessuna voce viene stampata, nessun segreto viene rivelato.

J.F. Kennedy

Oggi, il Deep State sta facendo la maggior parte dei suoi danni attraverso il partito democratico perché Donald Trump non si è allineato con loro o con i loro servi all’interno del partito repubblicano. Molti di questi collusi sono già stati rimossi dal potere. 

Che cos’è Obamagate?

 ‘Obamagate’ si concentra sulle affermazioni secondo cui i funzionari nell’allora presidente Barack Obama seguirono un certo numero di funzionari Trump fin dalla nomina di Trump per impedirgli di vincere le elezioni del 2016, e poi attraverso la sua presidenza iniziale per rimuoverlo dall’ufficio. La narrazione sostiene che Obama, insieme all’allora vicepresidente Joe Biden, all’ex direttore dell’FBI James Comey, all’ex direttore dell’intelligence nazionale James Clapper e agli agenti di vari servizi di intelligence sia negli Stati Uniti che all’estero e in particolare in Italia, hanno consapevolmente piantato una teoria falsa secondo cui Trump stava colludendo con la Russia per vincere le elezioni del 2016. Questa teoria, supportata praticamente da nessuna “prova”, tranne l’ormai respinto “Steele Dossier”, è stata usata come base per convincere i mandati della FISA a spiare membri selezionati della cerchia interna di Donald Trump che potevano essere legati in qualche modo alla Russia, in per sviluppare ulteriormente la narrazione della collusione russa.

Ove possibile, coloro che sono stati spiati sono stati perseguiti per amplificare il sospetto di illeciti di Trump, nonostante il fatto che nessuna delle azioni giudiziarie che hanno avuto luogo fosse in realtà correlata alla teoria secondo cui vi era una collusione russa nelle elezioni del 2016. Tra quelli spiati attraverso discutibili mandati FISA c’erano il consigliere per la politica estera Carter Page, il consigliere per la politica estera George Papadopoulos, il presidente della campagna Paul Manafort, che era stato perseguito dal Consiglio speciale Mueller per un certo numero di crimini non correlati e il consigliere per la sicurezza nazionale Michael Flynn, che fu accusato anche di aver mentito all’FBI dal Mueller Counsel.

Mentre ciascuno di questi quattro, e molti altri, hanno la loro storia dettagliata per dire che sostengono che sono stati presi di mira in modo errato dall’amministrazione Obama, avremmo bisogno di un articolo completo per ogni persona per esaminare correttamente la loro complessa storia. Quindi ai fini di questo articolo ci concentreremo sulla persona che è attualmente nelle notizie, il generale Michael Flynn, e ci immergeremo nei fatti che circondano le sue esperienze e vedremo cosa possiamo estrapolare da quello.

Il caso di studio: il generale Michael Flynn

FATTO: Barack Obama ha avuto problemi con il respingimento del generale Michael Flynn sui tentativi di Obama di rimuovere il presidente siriano.

Sotto il presidente Obama, Flynn è diventato direttore della Defense Intelligence Agency nel luglio 2012. Si sono scontrati sulla politica estera in Medio Oriente e in particolare in Siria. Flynn ha annunciato il suo ritiro dalle forze armate il 30 aprile 2014, circa un anno prima di quanto programmato per lasciare la sua posizione. Come notato in Wikipedia:

Come notato in Wikipedia:

[Flynn] credeva di essere costretto al ritiro per aver messo in dubbio la narrazione pubblica dell’amministrazione Obama secondo cui Al Qaeda era vicino alla sconfitta. Il giornalista Seymour Hersh ha scritto che “Flynn ha confermato che la sua agenzia aveva inviato un flusso costante di avvisi classificati … sulle terribili conseguenze del rovesciamento del [presidente siriano] Assad”.

Secondo Flynn, questi rapporti “hanno avuto un enorme respingimento da parte dell’amministrazione Obama”, che secondo lui “non voleva sentire la verità”. Secondo l’ex funzionario della DIA W. Patrick Lang: “Flynn ha subito l’ira della Casa Bianca insistendo nel dire la verità sulla Siria … lo hanno respinto. Non starebbe zitto. “

Ci sono molte informazioni a sostegno dell’idea che l’amministrazione Obama e la sua CIA stessero facilitando l’ascesa (se non addirittura la costruzione, la fornitura e l’addestramento) di Al Qaeda, dell’ISIS e di altri gruppi terroristici in Medio Oriente. Ciò coincise con un obiettivo primario per il Deep State in Medio Oriente, la rimozione del presidente siriano Bashar al Assad. Hannopropagato attacchi chimici a false flag attraverso il loro braccio mediatico mainstream, incolpando erroneamente il presidente siriano di “gassare il suo stesso popolo” per influenzare l’opinione pubblica contro di lui.

La strategia era (ed è) quella di costituire gruppi di opposizione locali con denaro, formazione e forniture per combattere la guerra per procura, con promesse di ricompense indicibili se gli obiettivi saranno raggiunti. Questo sembra essere il motivo per cui l’ISIS e altri gruppi terroristici del Medio Oriente hanno preso piede durante l’amministrazione Obama. Se il generale Michael Flynn stesse fischiando questa potente operazione e non fosse disposto a stare zitto nonostante la pressione esercitata, sarebbe sicuramente visto come un pericoloso ostacolo ai loro piani e verrebbe etichettato come un “nemico del profondo” .

FATTO: Barack Obama ha avvertito il presidente eletto Trump di Flynn

Ancora nelle scosse di assestamento di Trump che ha vinto le elezioni del 2016, Obama deve aver ritenuto abbastanza importante sottolineare nel loro primo incontro post-elettorale quanta cattiva idea sarebbe avere Michael Flynn nella sua squadra di sicurezza nazionale, come in questo articolo del New York Times

Il presidente Barack Obama ha messo in guardia Donald J. Trump dall’assumere Michael T. Flynn per far parte della sua squadra di sicurezza nazionale quando Obama ha incontrato il suo successore nell’Ufficio ovale due giorni dopo le elezioni di novembre, hanno detto lunedì due ex funzionari dell’amministrazione Obama. Obama, che aveva licenziato il signor Flynn come capo dell’Agenzia di intelligence per la difesa, disse al signor Trump che avrebbe avuto profonde preoccupazioni sul fatto che il signor Flynn diventasse un grande aiutante della sicurezza nazionale, hanno detto i funzionari dell’amministrazione, che sono stati informati sul Conversazione ovale in ufficio.

Certamente, Obama che andava a dire fesserie a Trump e lo stava ridacchiando per dissuaderlo dall’assumere Flynn sarebbe stata una delle molte strategie che il Deep State avrebbe preso in considerazione se avessero voluto ritardare la scoperta dei loro crimini, fino al momento in cui avrebbero potuto trovare un modo per rimuovere Trump dal potere. E la rimozione di Trump dal potere non è sempre stata il punto focale dell’asse del Partito Democratico / dei media mainstream? Che si tratti di scavare potenziali scandali dal passato, di aver comprato e pagato celebrità per augurarlo graficamente morto, organizzato campagne accusandolo di razzismo, misoginia e xenofobia, spingendo la narrazione della Russia Collusion fino al Mar delle Sibere orientali e riempiendo il ciclo di notizie di insostanziali articoli di impeachment,siamo stati inondati da un’esigenza percepita nel mainstream di farlo uscire dall’ufficio in qualunque modo possibile. 

Oltre a odiare Trump per essere un pomposo buffone di reality-TV, ci deve essere una ragione seria per tutta la confusione che abbiamo visto. Se in realtà fosse stato un tale buffone e incapace di gestire i rigori di essere presidente e comandante in capo delle più grandi forze armate del mondo, come i media mainstream continuano a suggerire, l’opposizione probabilmente si sarebbe tirata indietro e avrebbe lasciato i frutti delle sue azioni parlano da soli. Ma piuttosto che farlo, i media mainstream stanno lavorando duramente per caratterizzare ciascuna delle azioni di Trump in cattiva luce prima che le persone abbiano persino la possibilità di valutare l’impatto reale di ciò che sta facendo. Questo odora di panico e paura evocati dalle minacce all’autoconservazione più di ogni altra cosa.

L’installazione di individui nati in questa “famiglia” criminale, chiamiamola così, è totalmente dedicata alla causa del dominio mondiale attraverso il loro marchio di globalismo. Ma queste installazioni sono solo la base delle operazioni di Deep State. La maggior parte degli individui le cui azioni supportano l’agenda del Deep State non vedono il quadro generale o il loro ruolo in esso. Sono quelli la cui influenza è stata acquistata o controllata dal ricatto,o sono semplicemente stati convinti dai loro superiori che stanno facendo la cosa giusta.

Una società come la CNN, ad esempio, potrebbe avere membri della “famiglia” in posizioni chiave (ad esempio Ted Turner, Jeff Zucker e alcuni altri al vertice del management) che stanno attualmente promuovendo un’agenda anti-Trump, e molti altri membri dell’azienda sono scelto in base all’incirca all’allineamento con un’agenda liberale (dopo tutto, gli uccelli di una piuma restano uniti). L’uso di vari metodi palesi e segreti consente all’intera organizzazione di presentare un po ‘un fronte unificato al passo con l’agenda del Deep State. Per alcuni, la minaccia di perdere il lavoro è sufficiente per mantenerli in linea, anche se privatamente potrebbero non credere pienamente in quello che stanno facendo.Altri che mostrano un certo talento e un forte desiderio di potere e influenza possono essere portati più in profondità nel cerchio interno basato sul denaro o essere “intrappolati nel miele” in posizioni compromettenti attraverso le quali possono essere controllati.

Se fossero i giornali americani a votare, Obama sarebbe già presidente: computando gli «endorsement», gli appoggi ufficiali dei quotidiani Usa, il ticket democratico Obama-Joe Biden ha raccolto finora a tre giorni dalle elezioni l’accordo di 240 giornali contro i 114 che si sono dichiarati in favore dei repubblicani John McCain-Sarah Palin.
Barack Obama ha ottenuto l’appoggio ufficiale di grandi quotidiani come il Los Angeles Times, il New York Times, il Washington Post: ma di maggior rilievo per spostare l’opinione pubblica è la miriade di piccoli quotidiani locali dell’America profonda.
Il conto viene dal sito www.editorandpublisher.com, secondo cui la circolazione dei quotidiani che hanno scelto Obama raggiunge in tutto circa 21 milioni di copie contro i 7 milioni di copie dei giornali pro McCain (e questo non calcola i settimanali e i giornali universitari).

Questa struttura di potere è stata lentamente e attentamente costruita nel tempo all’interno di tutte le istituzioni influenti sarebbe un eufemismo; e si è prestata attenzione per garantire che quelli di livello inferiore non abbiano accesso a informazioni più elevate e più incriminanti. Sebbene gli alti vertici della piramide dello Stato profondo abbiano un livello estremamente alto di conoscenza occulta su come controllare e governare, non hanno un “blocco” su tutto e tutti nel mondo. Il loro obiettivo è sempre stato il dominio totale, ma non l’hanno mai raggiunto del tutto, e inoltre tale obiettivo sta svanendo rapidamente.  Perché l’agenda del Deep State fondamentalmente basata sull’inganno devono lavorare costantemente per sopprimere la verità, che ha la fastidiosa abitudine di brillare attraverso costruzioni illusorie.

È con questa comprensione che dobbiamo esaminare le prove che vengono declassificate nel caso Michael Flynn, in cui assistiamo al coinvolgimento di una serie di giocatori, tra cui il regista dell’FBI James Comey, il vicedirettore Andrew McCabe, gli agenti Peter Strzok, Bill Priestap, Lisa Page e altri importanti attori del Dipartimento di Giustizia, le altre agenzie di intelligence e lo stesso Barack Obama. Questi giocatori non si riuniscono regolarmente in una riunione “Deep State” per discutere un’agenda “Deep State”. Piuttosto, questi giocatori svolgono il proprio lavoro, per la maggior parte legalmente, fino al momento in cui sono necessari per fare qualcosa. Le istruzioni del loro superiore, per la maggior parte, sembrano almeno legittime.Gli ordini dati ai subordinati sono inseriti in una narrazione consolidata che suggerisce la legalità o almeno la “necessità per il bene superiore” di seguire gli ordini.

Dato che lo Stato profondo sa che le loro azioni dovrebbero generalmente avere una narrativa a sostegno credibile e un predicato probabilmente “legale”, puoi capire come scoprire la criminalità sia in qualche modo un processo minuzioso e dettagliato. Una prova può essere ambivalente, motivo per cui è importante mettere insieme tutti i piccoli segni di inadeguatezza al fine di stabilire un modello di inganno intenzionale. Secondo me, le indiscrezioni commesse nel caso di Michael Flynn mi indicano che c’era un bel po ‘di disperazione per far deragliare il ruolo di Michael Flynn nell’amministrazione Trump, e molte persone hanno avuto una mano nel tentativo di farlo accadere. L’FBI ha aperto una sonda di controspionaggio di Flynn nell’agosto 2016, presumibilmente sulla base del fatto che potrebbe essere un agente russo clandestino. Questo è quello che hanno detto, ma non hanno mai citato alcuna prova che possa materialmente sostenere i loro presunti sospetti. Flynn è un generale dell’esercito a tre stelle in pensione e decorato comandante di combattimento, che aveva già scritto  un libro  che identificava la Russia come un avversario globale impegnato degli Stati Uniti. Il puro sospetto, il prodotto della propria mente, non è un predicato sufficiente per aprire un’indagine su qualsiasi cittadino americano, per non parlare di un generale dell’esercito che ha servito il paese per oltre 30 anni.

Ora ricorda che Flynn è stato scaricato senza tante cerimonie da Barack Obama due anni prima come direttore della Defense Intelligence Agency. Mi sembra più ragionevole che stessero indagando su Flynn su questo pretesto per tenerlo d’occhio, cercando di trovare qualcosa su di lui che avrebbero potuto usare su di lui in caso di necessità. Sono state trovate così poche prove incriminanti che potrebbero essere utilizzate contro Flynn che l’allora direttore dell’FBI,  James Comey , ha autorizzato la chiusura dell’indagine soprannominata “Crossfire Razor” nel dicembre 2016 e le scartoffie per farlo sono state completate il 4 gennaio 2017.  I documenti del tribunale rilasciati il ​​30 aprile 2020 hanno rivelato che l’agente dell’FBI Peter Strzok ha inviato il seguente messaggio di testo all’agente investigativo lo stesso giorno, il 4 gennaio 2017:

“Ehi, se non hai chiuso RAZOR, non farlo ancora. Per favore, tienilo aperto per ora. “

I documenti dell’FBI interno hanno dettagliato uno schema che mostra molteplici sforzi per scoprire attività criminali da parte di Flynn.

Funzionari dell’FBI hanno contattato un’altra agenzia, probabilmente la CIA, per condurre una ricerca analoga dei suoi documenti per possibili legami tra Flynn e la Russia. Proprio come l’FBI, quell’agenzia ha trovato “nessuna informazione dispregiativa” su Flynn.

L’FBI ha anche usato almeno una fonte umana riservata per monitorare Flynn durante l’inchiesta. Ma i contatti offerti dall’informatore non sono riusciti a rivelare attività criminali, afferma il promemoria.

Sulla base della mancanza di prove, l’FBI ha chiuso l’inchiesta ma ha notato che avrebbe preso in considerazione la possibilità di riaprirla se fossero state scoperte nuove informazioni.

Eppure, il sig. Strzok, il supervisore del caso, ha spinto a tenerlo aperto, secondo il promemoria. In un altro testo a una persona sconosciuta, ha osservato che la  leadership dell’FBI era coinvolta e che hanno ancora “bisogno di decidere cosa fare con lui [rispetto a] il [Redatto]”.

Questo da solo dovrebbe dimostrare che c’era un ulteriore motivo piuttosto urgente di trovare qualcosa di incriminante su Flynn, anche se dovevano inventarlo.

Quando Strzok ha tenuto aperto Crossfire Razor il 4 gennaio 2017, Flynn era un funzionario della transizione di Trump che era stato designato a diventare consigliere per la sicurezza nazionale del presidente. Strzok sapeva anche che Flynn aveva avuto comunicazioni a dicembre con l’ambasciatore russo Sergey Kislyak, che è stato citato come motivo per sospettare di Flynn. Tuttavia il governo stava già monitorando Kislyak, quindi sapevano cosa era stato detto in quelle conversazioni e le registrazioni dimostravano che Flynn non aveva fatto nulla di inappropriato. Non c’erano motivi per riaprire o continuare le indagini di controspionaggio o per avviare un’indagine criminale.

Quest’altra nozione secondo cui il DOJ stava cercando di accusare Flynn di aver violato il  Logan Act , un divieto moribondo e incostituzionale contro la diplomazia indipendente, sembra piuttosto assurdo. Nei 150 anni di storia del DOJ, il Logan Act non è mai stato accusato. Nessuno è mai stato condannato per averlo violato; non c’è stato caso dal 1852.

Fatto: James Comey ha deliberatamente rotto i protocolli per intervistare Flynn

Quindi sappiamo che all’inizio di gennaio 2016 Comey aveva già considerato chiusa la questione Flynn. Cosa sarebbe potuto succedere tra il 4 gennaio, il giorno in cui Strzok ha fatto pressioni per tenere aperto il caso Flynn e il 24 gennaio, quando James Comey ha deciso di bypassare tutti i protocolli appropriati e inviare agenti dell’FBI alla Casa Bianca per intervistare Michael Flynn? E non tutti gli agenti dell’FBI, comunque. L’intervistatore principale non era altro che Peter Strzok.

Se sei come me, guarda questo e pensi che sia stato Peter Strzok a chiedere a James Comey di inviarlo per intervistare il generale Flynn. Oppure, per fare un ulteriore passo avanti, un’autorità superiore ha  detto a  James Comey che Strzok stava intervistando il generale Flynn, e inoltre ha convinto Comey a concordare di bypassare i canali normali, evitando di dire a Flynn che era oggetto di un’indagine, e far sentire Flynn che non aveva bisogno del suo avvocato presente.

Comey è abbastanza bravo a creare con calma e freddezza una narrazione che tiene insieme abbastanza bene. Eppure, nessuna quantità di freddezza o spavalderia può aiutare a rispondere alla domanda: perché davvero dovrebbe rischiare la sua reputazione e violare consapevolmente il protocollo che indubbiamente porterebbe il giusto disprezzo dell’amministrazione entrante? Date le circostanze, non vi era alcuna apparente urgenza di intervistare Flynn, specialmente da quando lo stesso Comey aveva precedentemente considerato chiusa la questione, e da allora non erano emerse prove nuove e convincenti.

L’unica cosa che ha senso è che a Comey è stato detto di fare questo post-fretta da un’autorità superiore, e il ruolo di Comey sarebbe stato di spegnere tutti gli incendi necessari per essere spento di conseguenza. In queste condizioni, l’interessante scivolata freudiana che Comey fa nell’intervista sull’invio degli agenti alla Casa Bianca nel modo in cui lo ha fatto diventa molto eloquente:

“Qualcosa che , probabilmente, non avrei fatto o ottenuto via in un’indagine più organizzata , (pausa) un’amministrazione più organizzata.”

In effetti, il modo in cui le cose vengono fatte qui suggerisce che l’indagine è stata disorganizzata e, francamente, disperata. Sembra quasi che Peter Strzok abbia preso le cose nelle proprie mani e abbia costretto questa intervista prima di ritenere che fosse troppo tardi. Ma come poteva Strzok, subordinato di Comey, avere il potere di farlo? Questo è dove diventa interessante. Ci sono prove convincenti  qui che Peter Strzok ha segretamente lavorato per la CIA e potrebbe continuare ad essere impiegato fino ad oggi:

Peter Strzok ha lavorato 24 anni per la CIA. Il suo incarico era capo del loro gruppo di controspionaggio. L’FBI non ha mai avuto una simile unità. Una posizione congiunta della CIA / FBI fu creata dal Congresso nel 1996. Strzok era “un alto funzionario dell’FBI” essendo il capo del controspionaggio della CIA.

Coloro che hanno studiato il Deep State generalmente concordano sul fatto che, a differenza delle altre istituzioni che ha cercato di influenzare, lo Stato profondo è essenzialmente gestito dalla CIA. Questo dà la sequenza di eventi qui ha una linea logica.  Ora, se Peter Strzok riceve i suoi ordini di marcia dalla CIA, è probabile che l’allora direttore della CIA John Brennan ordinò a Strzok di ottenere qualcosa su Flynn, con grande urgenza. Brennan avrebbe saputo benissimo cosa avrebbe scoperto Michael Flynn e le informazioni a cui avrebbe avuto accesso se fosse diventato consigliere per la sicurezza nazionale. Ci approfondiremo più avanti in seguito. La recente pubblicazione del 29 aprile 2020 di una nota manoscritta probabilmente scritta dall’ex   capo del controspionaggio dell’FBI Bill Priestap fa molto per rivelare perché Strzok ha tenuto aperto il caso. Ha Priestap che chiede se l’obiettivo di intervistare  Flynn  fosse “verità / ammissione o fargli mentire, in modo da poterlo perseguire o farlo licenziare?”

  • I fatti nell’indagine di Michael Flynn, se abbiamo la volontà e la perseveranza di investigare e processarli completamente, servono come un caso di studio importante su “Obamagate” e su crimini potenzialmente gravi commessi dall’amministrazione Obama.

  • Stiamo raggiungendo una massa critica di persone che indagano sulla verità, in modo tale che la verità non avrà altra scelta che essere rivelata, portando al grande risveglio di tutta l’umanità?

Questa è la seconda parte di un articolo pubblicato di recente intitolato ” Perché” Obamagate “potrebbe diventare il più grande scandalo politico nella storia “. Consiglio vivamente di leggere prima questo articolo se non lo hai già fatto poiché fornisce un contesto essenziale per la seguente discussione.Mentre esaminiamo le prove, è importante comprendere la compartimentazione dei Deep State e la natura della sua influenza nelle varie istituzioni che ha cercato di controllare, tra cui i rami legislativo, esecutivo e giudiziario del governo, dell’esercito, delle agenzie di intelligence e altri, con particolare attenzione ai media mainstream e più recentemente ai social media. L’installazione di individui nati in questa “famiglia” criminale, chiamiamola così, è totalmente dedicata alla causa del dominio mondiale attraverso il loro marchio di globalismo. Ma queste installazioni sono solo la base delle operazioni di Deep State. La maggior parte degli individui le cui azioni supportano l’agenda del Deep State non vedono il quadro generale o il loro ruolo in esso. Sono quelli la cui influenza è stata acquistata o controllata dal ricatto,o sono semplicemente stati convinti dai loro superiori che stanno facendo la cosa giusta.

 

Una società come la CNN, ad esempio, potrebbe avere membri della “famiglia” in posizioni chiave (ad esempio Ted Turner, Jeff Zucker e alcuni altri al vertice del management) che stanno attualmente promuovendo un’agenda anti-Trump, e molti altri membri dell’azienda sono scelto in base all’incirca all’allineamento con un’agenda liberale (dopo tutto, gli uccelli di una piuma restano uniti). L’uso di vari metodi palesi e segreti consente all’intera organizzazione di presentare un po ‘un fronte unificato al passo con l’agenda del Deep State. Per alcuni, la minaccia di perdere il lavoro è sufficiente per mantenerli in linea, anche se privatamente potrebbero non credere pienamente in quello che stanno facendo.Altri che mostrano un certo talento e un forte desiderio di potere e influenza possono essere portati più in profondità nel cerchio interno basato sul denaro o essere “intrappolati nel miele” in posizioni compromettenti attraverso le quali possono essere controllati.

Il mio articolo ” La parzialità politica della CNN esposta dal metraggio nascosto della telecamera di Whistleblower“e il filmato nascosto dell’ex dipendente della CNN Cary Poarch è un obiettivo importante su come il pregiudizio anti-Trump è stato realizzato e mantenuto in tutta l’organizzazione. Vediamo che privatamente tra i dipendenti, anche se pochi erano fan di Trump, che ci sono un sacco di respingimenti e incredulità nell’insistenza di Jeff Zucker sul fatto che l’impeachment di Trump sia stato l’unico evento degno di nota nel corso di diversi mesi, e dovrebbe essere al centro e al centro ogni giorno per giornalisti ed emittenti. Ma nel complesso, a causa della struttura gerarchica che è così essenziale per il controllo, le persone hanno poca scelta se non quella di seguire l’ordine del giorno, non rendendosi conto che in realtà sono i sostenitori di un piano molto più ampio e completo di quanto possano mai immaginare .

Dire che questa struttura di potere è stata lentamente e attentamente costruita nel tempo all’interno di tutte le istituzioni influenti sarebbe un eufemismo; e si è prestata attenzione per garantire che quelli di livello inferiore non abbiano accesso a informazioni più elevate e più incriminanti. Sebbene gli alti vertici della piramide dello Stato profondo abbiano un livello estremamente alto di conoscenza occulta su come controllare e governare, non hanno un “blocco” su tutto e tutti nel mondo. Il loro obiettivo è sempre stato il dominio totale, ma non l’hanno mai raggiunto del tutto, e inoltre tale obiettivo sta svanendo rapidamente. Perché l’agenda del Deep State fondamentalmente basata sull’inganno devono lavorare costantemente per sopprimere la verità, che ha la fastidiosa abitudine di brillare attraverso costruzioni illusorie.

 

Il caso Michael Flynn

È con questa comprensione che dobbiamo esaminare le prove che vengono declassificate nel caso Michael Flynn, in cui assistiamo al coinvolgimento di una serie di giocatori, tra cui il regista dell’FBI James Comey, il vicedirettore Andrew McCabe, gli agenti Peter Strzok, Bill Priestap, Lisa Page e altri importanti attori del Dipartimento di Giustizia, le altre agenzie di intelligence e lo stesso Barack Obama. Questi giocatori non si riuniscono regolarmente in una riunione “Deep State” per discutere un’agenda “Deep State”. Piuttosto, questi giocatori svolgono il proprio lavoro, per la maggior parte legalmente, fino al momento in cui sono necessari per fare qualcosa. Le istruzioni del loro superiore, per la maggior parte, sembrano almeno legittime.Gli ordini dati ai subordinati sono inseriti in una narrazione consolidata che suggerisce la legalità o almeno la “necessità per il bene superiore” di seguire gli ordini.

Dato che lo Stato profondo sa che le loro azioni dovrebbero generalmente avere una narrativa a sostegno credibile e un predicato probabilmente “legale”, puoi capire come scoprire la criminalità sia in qualche modo un processo minuzioso e dettagliato. Una prova può essere ambivalente, motivo per cui è importante mettere insieme tutti i piccoli segni di inadeguatezza al fine di stabilire un modello di inganno intenzionale. Secondo me, le indiscrezioni commesse nel caso di Michael Flynn mi indicano che c’era un bel po ‘di disperazione per far deragliare il ruolo di Michael Flynn nell’amministrazione Trump, e molte persone hanno avuto una mano nel tentativo di farlo accadere.

Fatto: un chiaro predicato per indagare su Flynn non è mai stato stabilito

L’FBI ha aperto una sonda di controspionaggio di Flynn nell’agosto 2016, presumibilmente sulla base del fatto che potrebbe essere un agente russo clandestino. Questo è quello che hanno detto, ma non hanno mai citato alcuna prova che possa materialmente sostenere i loro presunti sospetti. Flynn è un generale dell’esercito a tre stelle in pensione e decorato comandante di combattimento, che aveva già scritto  un libro  che identificava la Russia come un avversario globale impegnato degli Stati Uniti. Il puro sospetto, il prodotto della propria mente, non è un predicato sufficiente per aprire un’indagine su qualsiasi cittadino americano, per non parlare di un generale dell’esercito che ha servito il paese per oltre 30 anni.

Ora ricorda che Flynn è stato scaricato senza tante cerimonie da Barack Obama due anni prima come direttore della Defense Intelligence Agency. Mi sembra più ragionevole che stessero indagando su Flynn su questo pretesto per tenerlo d’occhio, cercando di trovare qualcosa su di lui che avrebbero potuto usare su di lui in caso di necessità. Sono state trovate così poche prove incriminanti che potrebbero essere utilizzate contro Flynn che l’allora direttore dell’FBI,  James Comey , ha autorizzato la chiusura dell’indagine soprannominata “Crossfire Razor” nel dicembre 2016 e le scartoffie per farlo sono state completate il 4 gennaio 2017.

Fatto: l’agente dell’FBI Peter Strzok ha annullato e tenuto aperta la Flynn Investigation

I documenti del tribunale rilasciati il ​​30 aprile 2020 hanno rivelato che l’agente dell’FBI Peter Strzok ha inviato il seguente messaggio di testo all’agente investigativo lo stesso giorno, il 4 gennaio 2017:

“Ehi, se non hai chiuso RAZOR, non farlo ancora. Per favore, tienilo aperto per ora. “

I documenti dell’FBI interno hanno dettagliato uno schema che mostra molteplici sforzi per scoprire attività criminali da parte di Flynn, come sottolineato in questo articolo del Washington Times :

Funzionari dell’FBI hanno contattato un’altra agenzia, probabilmente la CIA, per condurre una ricerca analoga dei suoi documenti per possibili legami tra Flynn e la Russia. Proprio come l’FBI, quell’agenzia ha trovato “nessuna informazione dispregiativa” su Flynn.

L’FBI ha anche usato almeno una fonte umana riservata per monitorare Flynn durante l’inchiesta. Ma i contatti offerti dall’informatore non sono riusciti a rivelare attività criminali, afferma il promemoria.

Sulla base della mancanza di prove, l’FBI ha chiuso l’inchiesta ma ha notato che avrebbe preso in considerazione la possibilità di riaprirla se fossero state scoperte nuove informazioni.

Eppure, il sig. Strzok, il supervisore del caso, ha spinto a tenerlo aperto, secondo il promemoria. In un altro testo a una persona sconosciuta, ha osservato che la  leadership dell’FBI era coinvolta e che hanno ancora “bisogno di decidere cosa fare con lui [rispetto a] il [Redatto]”.

Secondo me, questo da solo dovrebbe dimostrare che c’era un ulteriore motivo piuttosto urgente di trovare qualcosa di incriminante su Flynn, anche se dovevano inventarlo.

Quando Strzok ha tenuto aperto Crossfire Razor il 4 gennaio 2017, Flynn era un funzionario della transizione di Trump che era stato designato a diventare consigliere per la sicurezza nazionale del presidente. Strzok sapeva anche che Flynn aveva avuto comunicazioni a dicembre con l’ambasciatore russo Sergey Kislyak, che è stato citato come motivo per sospettare di Flynn. Tuttavia il governo stava già monitorando Kislyak, quindi sapevano cosa era stato detto in quelle conversazioni e le registrazioni dimostravano che Flynn non aveva fatto nulla di inappropriato. Non c’erano motivi per riaprire o continuare le indagini di controspionaggio o per avviare un’indagine criminale.

Quest’altra nozione secondo cui il DOJ stava cercando di accusare Flynn di aver violato il  Logan Act , un divieto moribondo e incostituzionale contro la diplomazia indipendente, sembra piuttosto assurdo. Nei 150 anni di storia del DOJ, il Logan Act non è mai stato accusato. Nessuno è mai stato condannato per averlo violato; non c’è stato caso dal 1852.

Fatto: James Comey ha deliberatamente rotto i protocolli per intervistare Flynn

Quindi sappiamo che all’inizio di gennaio 2016 Comey aveva già considerato chiusa la questione Flynn. Cosa sarebbe potuto succedere tra il 4 gennaio, il giorno in cui Strzok ha fatto pressioni per tenere aperto il caso Flynn e il 24 gennaio, quando James Comey ha deciso di bypassare tutti i protocolli appropriati e inviare agenti dell’FBI alla Casa Bianca per intervistare Michael Flynn? E non tutti gli agenti dell’FBI, comunque. L’intervistatore principale non era altro che Peter Strzok.

Se sei come me, guarda questo e pensi che sia stato Peter Strzok a chiedere a James Comey di inviarlo per intervistare il generale Flynn. Oppure, per fare un ulteriore passo avanti, un’autorità superiore ha  detto a  James Comey che Strzok stava intervistando il generale Flynn, e inoltre ha convinto Comey a concordare di bypassare i canali normali, evitando di dire a Flynn che era oggetto di un’indagine, e far sentire Flynn che non aveva bisogno del suo avvocato presente.

Se guardiamo il seguente video di James Comey da un’intervista del dicembre 2018 che parla del modo in cui ha inviato gli agenti alla Casa Bianca, alcune cose al riguardo hanno più senso nelle circostanze qui suggerite.

Ora prima riconosciamo che Comey è abbastanza bravo a creare con calma e freddezza una narrazione che tiene insieme abbastanza bene. Eppure, nessuna quantità di freddezza o spavalderia può aiutare a rispondere alla domanda: perché davvero dovrebbe rischiare la sua reputazione e violare consapevolmente il protocollo che indubbiamente porterebbe il giusto disprezzo dell’amministrazione entrante? Date le circostanze, non vi era alcuna apparente urgenza di intervistare Flynn, specialmente da quando lo stesso Comey aveva precedentemente considerato chiusa la questione, e da allora non erano emerse prove nuove e convincenti.

L’unica cosa che ha senso è che a Comey è stato detto di fare questo post-fretta da un’autorità superiore, e il ruolo di Comey sarebbe stato di spegnere tutti gli incendi necessari per essere spento di conseguenza. In queste condizioni, l’interessante scivolata freudiana che Comey fa nell’intervista sull’invio degli agenti alla Casa Bianca nel modo in cui lo ha fatto diventa molto eloquente:

“Qualcosa che , probabilmente, non avrei fatto o ottenuto via in un’indagine più organizzata , (pausa) un’amministrazione più organizzata.”

In effetti, il modo in cui le cose vengono fatte qui suggerisce che l’indagine è stata disorganizzata e, francamente, disperata. Sembra quasi che Peter Strzok abbia preso le cose nelle proprie mani e abbia costretto questa intervista prima di ritenere che fosse troppo tardi.

Ma come poteva Strzok, subordinato di Comey, avere il potere di farlo?

Questo è dove diventa interessante. Ci sono prove convincenti  che Peter Strzok ha segretamente lavorato per la CIA e potrebbe continuare ad essere impiegato fino ad oggi:

Peter Strzok ha lavorato 24 anni per la CIA. Il suo incarico era capo del loro gruppo di controspionaggio. L’FBI non ha mai avuto una simile unità. Una posizione congiunta della CIA / FBI fu creata dal Congresso nel 1996. Strzok era “un alto funzionario dell’FBI” essendo il capo del controspionaggio della CIA.

Coloro che hanno studiato lo Stato profondo generalmente concordano sul fatto che, a differenza delle altre istituzioni che ha cercato di influenzare, lo Stato profondo è essenzialmente gestito dalla CIA. Questo dà la sequenza di eventi qui ha una linea logica. Ora, se Peter Strzok riceve i suoi ordini di marcia dalla CIA, è probabile che l’allora direttore della CIA John Brennan ordinò a Strzok di ottenere qualcosa su Flynn, con grande urgenza. Brennan avrebbe saputo benissimo cosa avrebbe scoperto Michael Flynn e le informazioni a cui avrebbe avuto accesso se fosse diventato consigliere per la sicurezza nazionale. Ci approfondiremo più avanti in seguito.

Fatto: l’FBI ha quindi cercato di intrappolare Flynn in una bugia

La recente pubblicazione del 29 aprile 2020 di una nota manoscritta probabilmente scritta dall’ex   capo del controspionaggio dell’FBI Bill Priestap fa molto per rivelare perché Strzok ha tenuto aperto il caso. Ha Priestap che chiede se l’obiettivo di intervistare  Flynn  fosse “verità / ammissione o fargli mentire, in modo da poterlo perseguire o farlo licenziare?”

Impedirlo, con pregiudizio, di diventare consigliere per la sicurezza nazionale e tenerlo legato all’infinito nel difendersi in tribunale, se non ottenere il tempo di prigione, sembra essere stato l’obiettivo mirato. Nel complesso, sono riusciti nella loro missione. Flynn ha ammesso di aver mentito all’FBI. Si è dimesso dalla sua posizione alla Casa Bianca il 17 febbraio.

Quindi è stato costretto a collaborare all’inchiesta Mueller, dove ha dovuto incontrare gli avvocati DOJ della squadra Mueller per un totale di 19 volte. 19 volte! Per cosa? Sembra un po ‘eccessivo, vero? Soprattutto se esaminiamo il contenuto effettivo delle “bugie”, secondo i documenti di addebito:

  • “Intorno al 29 dicembre 2016, FLYNN non ha chiesto all’ambasciatore del governo russo negli Stati Uniti … di astenersi dall’escalation della situazione in risposta alle sanzioni che gli Stati Uniti avevano imposto alla Russia lo stesso giorno; e FLYNN non ha ricordato l’ambasciatore russo che in seguito gli aveva detto che la Russia aveva scelto di moderare la sua risposta a tali sanzioni a seguito della sua richiesta. “
  • “Intorno al 22 dicembre 2016, FLYNN non ha chiesto all’ambasciatore russo di ritardare il voto o di sconfiggere una risoluzione del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite in sospeso; e che l’ambasciatore russo successivamente non ha mai descritto la risposta della Russia FLYNN alla sua richiesta. “

Che cosa hanno a che fare queste “bugie” con il sospetto che Flynn sia un agente della Russia? Che cosa hanno a che fare con la collusione russa nelle elezioni del 2016? Assolutamente niente. Perché l’indagine Mueller dovrebbe intervistare Flynn 19 volte?

Inoltre, un esame dell’intervista con Peter Strzok mostra che le dichiarazioni di Flynn erano ambigue. Ciò crea importanti domande sul fatto che le inesattezze nella sua descrizione delle discussioni su Kislyak siano stati onesti fallimenti del ricordo, non bugie. L’intervista è avvenuta circa un mese dopo le comunicazioni di Kislyak. Nel frattempo, Flynn ha avuto centinaia di conversazioni con controparti straniere. Sarebbe stata una sfida per chiunque ricordare le parole di una conversazione in quelle circostanze; e, nel loro caso, l’FBI ha rifiutato strategicamente di rinfrescare il ricordo di Flynn suonando registrazioni o mostrando una trascrizione. Strzok ha fatto di tutto per ingannare Flynn sullo scopo del colloquio, in cui sperava di inciampare. È normale che i rapporti dell’FBI “302” – usati per riassumere le interviste dei testimoni – inizino raccontando che gli agenti intervistatori hanno informato l’argomento della natura dell’intervista. Ma non lo hanno fatto con Flynn. Era scoraggiato dal consultare un consulente legale e dal riferire la richiesta dell’FBI di parlare con lui alla sua catena di comando della Casa Bianca. Non gli fu dato il consueto consiglio dei diritti – l’FBI, dopo che i funzionari avevano riconosciuto tra loro che lo dovevano a Flynn per avvisarlo che una falsa dichiarazione poteva essere motivo di persecuzione, gli aveva deliberatamente rifiutato questa ammonizione.

A proposito del rapporto “302”, scritto dall’agente che accompagna Peter Strzok: il “302” utilizzato nell’accusa di Michael Flynn non era l’originale, ma piuttosto è stato curato dallo stesso Peter Strzok. Messaggi di testo tra Strzok e la sua amante / complice avvocato dell’FBI Lisa Page del febbraio 2017 lo rivelano.

“Lisa, non l’hai visto prima delle mie modifiche che sono andate in quello che ti ho inviato. Stavo cercando di riscrivere completamente la cosa in modo da salvare la voce [redatta] e 2) tirarla fuori per te per la revisione generale e commentare in previsione della necessità presto … [Sto] cercando di non riscrivere completamente [it].”

Solo dopo che  Michael Flynn ha licenziato la sua squadra legale il  6 giugno 2019 e assunto l’  avvocato Sidney Powell una settimana dopo, è emerso che l’originale “302” non è mai stato messo a disposizione della difesa. Attraverso il lavoro di Powell, ci sono molti segnali che dimostrano che i precedenti avvocati di Flynn non hanno svolto correttamente il loro lavoro. Powell ha costantemente richiesto l’originale 302, solo per sentire finalmente dal DOJ che l’FBI ha “perso e distrutto” l’originale 302!

L’originale “302” chiarirebbe abbondantemente che Michael Flynn non ha effettivamente fatto nulla di male, e le modifiche apportate da Peter Strzok erano chiari tentativi di alimentare l’incriminazione di un uomo innocente? Tutte le strade indicano questo, cerchiamo di essere chiari. Un’organizzazione come l’FBI non può e non avrebbe mai “accidentalmente” perso e distrutto informazioni preziose. Ogni volta che sentiamo che un’organizzazione come l’FBI ha ‘perso’, ‘smarrito’ o ‘distrutto accidentalmente’ importanti prove autoincriminanti, non ci vuole un genio a vedere ‘insabbiamento’ scritto dappertutto. Il problema principale è che la maggior parte delle persone non ha il tempo o la pazienza di esaminare abbastanza in profondità le prove per trarre le ovvie conclusioni che forniscono.E i coverup continueranno a funzionare fino a quando non c’è un desiderio sufficiente da parte del pubblico in generale di indagare i fatti in dettaglio e mettere insieme le prove in modo da costruire la propria narrazione su ciò che sta accadendo dietro le quinte.

Le prove sono schiaccianti

Per coloro che mantengono la validità della narrativa tradizionale secondo cui l’amministrazione Obama non ha commesso alcun crimine prima, durante o dopo la transizione dell’amministrazione Trump alla Casa Bianca, vorrei porre questa semplice domanda: i media mainstream dicono mai ” non devi fidarti di noi, guardare tu stesso le prove e trarre le tue conclusioni ‘? La risposta è no. Loro non. In generale, cercano di assicurarti che LORO possono avere fiducia e non dovresti preoccuparti di fare tutto quel lavoro investigativo da solo. Dopotutto, le loro informazioni provengono da “fonti” affidabili e “funzionari” ben collegati. Potresti aver notato che sempre più non ti viene detto chi sono realmente queste persone.

Fino alla nascita di Internet e dei social media, questo è stato un gioco facile per loro. I media mainstream hanno da tempo dominio sulla percezione “normale” e hanno reso il pubblico a proprio agio con quella percezione, perché è la stessa percezione che hanno avuto dalla loro infanzia. Ciò ha sempre dato loro una sorta di tacita autorità da ridicolizzare come “teoria della cospirazione” (un termine della CIA progettato per dissuadere le persone dallo sguardo più profondo) tutti i tentativi di indagare su ciò che sta accadendo dietro le quinte. I media mainstream sono il più grande strumento che Deep State ha usato nella copertura di crimini di alto livello. Si noti che il coinvolgimento della CIA nei media tradizionali è ora ben documentato e incontestabile.

Con l’avvento di Internet, è molto più facile proliferare fatti e dettagli importanti. Questo ci sta aiutando a renderci conto che, nel complesso, i media mainstream non forniscono tutti i dettagli importanti nel loro caso. Rispetto a Michael Flynn, continuano a battere per il fatto che ha ammesso di aver mentito. E poi hanno ridicolizzato l’idea che stava ritirando il suo motivo di colpevolezza come se fosse una specie di stratagemma legale. Ma nota: non forniscono mai le vere ragioni per cui Flynn ha ritirato il suo motivo di colpevolezza. Non parlano dei gravi fallimenti della sua squadra di difesa legale originale, della trattenuta delle informazioni a discarico da parte dei procuratori del DOJ originali e dell’FBI, del grave superamento del giudice Emmet Sullivan che continua ancora oggi.Ognuno di questi aspetti del caso Michael Flynn è pieno di prove di malfattori degne del proprio approfondito articolo investigativo.

E questo è solo il caso di Michael Flynn. Lo stesso si può dire dei casi di Carter Page, George Papadopoulos e Paul Manafort. Tutti e tre sono stati sottoposti a controllo a seguito dei warrant FISA che si sono dimostrati ottenuti illegalmente e senza un predicato ragionevole.

E poi i warrant FISA illegali sono solo la punta dell’iceberg in termini di uso della Russia come il vero e proprio “Boogey Man” per ottenere la maggioranza del pubblico contro Donald Trump e la sua amministrazione, come mezzo per trovare un modo per farlo uscire dall’ufficio. Questo non significa affatto che la Russia sia davvero un alleato innocuo. Affatto. Ma questo è l’oggetto di una discussione ben diversa. Ciò che viene detto qui è che la proposizione che “Donald Trump stava colludendo con la Russia” era una premessa completamente inventata che lo Stato Profondo ha cercato di comprovare da prima delle elezioni del 2016. E ancora, la logica imporrebbe che l’unica ragione per cui avrebbero mai dedicato così tanto tempo, denaro e risorse umane a questo inganno è perché l’hanno visto come l’unico modo in cui sarebbero stati in grado di continuare a nascondere le loro serie attività criminali.

The Oval Office Meeting

Ad esempio, il 5 gennaio si è tenuto un incontro straordinario nell’Ufficio Ovale, appena un giorno dopo che Peter Strzok si è mosso per tenere aperta l’inchiesta di Flynn, probabilmente su ordine del direttore della CIA John Brennan, come abbiamo discusso in precedenza. La storia “ufficiale” che Comey ha raccontato al Comitato di Intelligence della Camera era che luiha avvisato il direttore della CIA John Brennan non appena ha saputo delle chiamate Flynn. Indipendentemente da ciò, ciò che si dice sia accaduto in questo incontro è che il presidente Obama è stato informato da Brennan e dal direttore dell’intelligence nazionale James Clapper su Michael Flynn. La storia è che erano preoccupati per le telefonate di Flynn, anche se ora sembra essere una cortina fumogena, dato che sappiamo che le agenzie di informazioni avevano sempre registrato le telefonate e non c’era nulla di incriminante al loro interno. Ciò che ha più senso è che Brennan e Clapper stavano cercando di impressionare Obama sull’urgenza di impedire a Michael Flynn di diventare consigliere per la sicurezza nazionale di Trump.

Alla fine dell’incontro, il presidente ha chiesto al direttore dell’FBI James Comey e al vice procuratore generale Sally Yates di rimanere indietro. Ad essi si sono aggiunti il ​​vicepresidente Joe Biden e il consigliere per la sicurezza nazionale Susan Rice. Yates ha raccontato durante un’intervista del 2017 con il team del consulente speciale Robert Mueller che Obama ha iniziato dicendo “aveva appreso delle informazioni su Flynn” e le sue conversazioni con Kislyak in merito alle sanzioni contro la Russia.

Ciò è stato molto sorprendente per Yates, che come funzionario n. 2 del Dipartimento di Giustizia ha supervisionato l’FBI ma non gli era stato detto. Ovviamente era su una base di “necessità di sapere” su questa questione da parte di un’autorità superiore. Si può solo speculare su ciò che è stato detto esattamente durante questo incontro, ma qui è dove James Comey potrebbe aver detto che le indagini su Flynn dovevano rimanere aperte e Comey ha dovuto raddoppiare gli sforzi della sua agenzia per trovare qualcosa su Flynn.

Sicuramente se si stesse discutendo di questo tipo di manovre, dovrebbero essere tutti d’accordo su una storia di “copertura” per spiegare di cosa si trattava questa riunione, convocata in quanto solo 15 giorni prima che il presidente eletto Donald Trump entrasse in carica. Solo il fatto che l’amministrazione uscente sia focalizzata su questo argomento piuttosto che tendersi alla transizione in un modo che trarrebbe maggiori benefici per il popolo americano, solleverebbe le sopracciglia. Sembra quasi il risultato della paranoia che Susan Rice invierà una email a se stessa solo poche ore dopo l’inaugurazione di Donald Trump che ripercorre la storia che è stata fatta per il consumo pubblico, se in realtà fossero mai uscite notizie su questo incontro.

fonti: www.collective-evolution.com

Rice insiste in una email a se stessa che le cose vengono fatte “dal libro”. Ripete quella frase 3 volte in questa breve email. Come si suol dire nel Macbeth di Shakespeare, “pensa che la signora protesti troppo”.

Se ci riferiamo alla miniera d’oro di informazioni nascoste che continua a dare, ai messaggi di testo tra Peter Strzok e la sua complice / amante Lisa Page, scopriamo che la storia ufficiale di cui Barack Obama non sta chiedendo, iniziando o istruendo qualsiasi cosa dal punto di vista delle forze dell’ordine “è, ovviamente, messa in grave dubbio. In uno scambio di testi del 2 settembre 2016, Page scrive che stava preparando dei punti di discussione perché “Potus vuole sapere tutto ciò che stiamo facendo”. Per chi non lo sapesse, “POTUS” è l’acronimo di “Presidente degli Stati Uniti”.

Quello che potrebbero cercare di nascondere

Ancora una volta, mi piacerebbe immergermi più profondamente nella natura dei crimini che si spera vengano svelati mentre “Obamagate” si svolge attraverso le attuali audizioni del comitato giudiziario del Senato e il lavoro investigativo svolto dal procuratore John Durham e altri, ma purtroppo sono passato il mio limite di tempo e il limite di lunghezza per un articolo. Come ho detto prima, questa è la natura della ricerca della verità dietro un muro di inganno ben costruito. È un processo lento e difficile, e ci sono pochi soldi disponibili per pagare i giornalisti il ​​cui unico obiettivo è quello di trovare la verità, mentre vi è una quantità praticamente illimitata di denaro per coloro che sono disposti a partecipare all’abile soppressione e offuscamento della verità.

Vorrei solo dire per ora che l’obiettivo finale dello Stato profondo è la creazione di un’autorità globale, in cui quelli in cima alla piramide dello Stato profondo continuano semplicemente a nominarsi come sovrani del pianeta, molto allineati con il dottrina del “diritto divino dei re”. Ciò che è diverso ai giorni nostri è che l’informazione, e non la forza bruta, è la vera misura del potere. Al fine di ottenere il controllo totale sul mondo, è stato necessario costruire lentamente una griglia di sorveglianza completa e armata in tutto il mondo. La griglia di sorveglianza in Cina,costruito sul retro della tecnologia americana che è stata strategicamente divulgata in Cina dagli attori americani di Deep State (si pensi al presunto “hack” cinese del server privato di Hillary Clinton che conteneva informazioni classificate come esempio) sembra essere il modello che il Deep State era cercando di proliferare in tutto il mondo, sia tecnologicamentee politicamente.

Ora, fare questo negli Stati Uniti sarebbe probabilmente la più grande sfida, ma attraverso l’amministrazione Obama sono stati fatti molti progressi nella costruzione dell’infrastruttura di sorveglianza interna e nella sua effettiva attuazione. In un articolo che ho scritto intitolato ” La ragione nascosta, l’indagine” Russia Collusion “è mai iniziata ” , fornisco le prove che un sistema di sorveglianza segretamente chiamato “Hammer”, progettato dal genio del design del software Dennis Montgomery per la sorveglianza straniera, è stato armato e si rivoltò contro il popolo americano. Quello che segue è dall’articolo, che definirei assolutamente da leggere se si vuole arrivare al cuore di “Obamagate”:

Montgomery alla fine scoprì che il suo sistema di sorveglianza veniva usato contro il popolo americano. E così il 19 agosto 2015, Montgomery ha trasformato l’informatore e ha avvisato l’ufficio del direttore dell’FBI James Comey nel 2015 che il direttore della CIA del presidente Obama John Brennan e il direttore dell’intelligence nazionale di Obama James Clapper avevano trasformato il sistema di super-sorveglianza che Montgomery ha progettato per la sorveglianza straniera in un sistema di sorveglianza domestica. Montgomery afferma che Obama, Brennan e Clapper hanno usato “The Hammer” in modo diabolicamente invadente per spiare il popolo americano e raccogliere enormi quantità di dati di sorveglianza per “leva” e “ricatto”.

Non dovrebbe sorprendere che James Comey si sia seduto sulla voluminosa testimonianza degli informatori che ha ricevuto da Montgomery e fino ad oggi questa informazione non è stata ufficialmente riconosciuta. Come indicato nell’articolo, l’informazione è emersa solo attraverso il lavoro di coraggiosi giornalisti investigativi che il mio articolo ottiene gran parte delle sue informazioni dalla cui unica motivazione è rivelare la verità.

Vorrei ribadire ciò che hanno detto quei giornalisti e ciò che hanno detto tutti quelli il cui unico obiettivo è scoprire la verità: non devi fidarti di me. In effetti non dovresti. Per favore, fai le tue ricerche. Segui i fatti in cui ti portano. Sii inarrestabile cercatore della verità. Una volta che una massa critica di persone lo fa, tutto questo inganno non avrà più un posto dove nascondersi.

 

 

 

 

 

 

 

Precedente Come è stato scoperto il "forno" a microonde Successivo BLACK LIVES MATTER DICHIARANO GUERRA ALLA POLIZIA, INIZIA L'ADDESTRAMENTO DI "UFFICIALI DI PACE" ARMATI DI MILIZIA