I poveri hanno perso quasi la metà della propria ricchezza negli ultimi cinque anni

Spread the love

Il rapporto Oxfam Davos 2016, che i mass media hanno ignorato in modo sorprendente, mostra che 62 persone – 388 nel 2010 – ora possiedono più ricchezza del 50% della popolazione mondiale. Più sorprendentemente, riporta dalle sue fonti pubbliche incontestate che questa quota di ricchezza di metà della popolazione mondiale è crollata di oltre il 40% negli ultimi cinque anni.

Eppure le grandi bugie persistono anche qui che “sono stati compiuti progressi nell’affrontare la povertà nel mondo” e “la povertà estrema è stata dimezzata dal 1990”.

Incredibilmente, l’affermazione incessantemente ripetuta della forma che “i poveri vengono sollevati dalla povertà in numero sempre maggiore” continua intatta nonostante la dura prova che, di fatto, la metà più povera dell’umanità ha perso quasi la metà della propria ricchezza negli ultimi cinque anni.

Questa grande bugia è significativa nelle sue implicazioni

Perché non solo un’affermazione pervasiva sul successo della globalizzazione è innegabilmente falsificata mentre nessuno se ne accorge. Di conseguenza, la teoria di base del mercato e il dogma crollano. Quello che viene quotidianamente rivendicato come un vantaggio infallibile del mercato globale si rivela l’opposto della realtà. Che cosa significa per “la teoria trickle-down”, quando, in realtà, il lungo filo va fino a centinaia di miliardi di dollari per i ricchi dal già poveri e gli indigenti?

L’evidenza dimostra, in breve, che le principali affermazioni morali ed economiche che giustificano il mercato globale sono bugie molto grandi che diventano sempre più grandi.

Mentre le bugie sempre più grandi continuano a giustificare il sistema globale che mangia i poveri vivi come “miglioramento della povertà”, sempre più le stesse politiche di accumulazione per espropriazione giustificano ancora più spogliazione della maggioranza come più “austerità”, più “tagli al benessere”, e più “flessibilità del lavoro” – in una parola, più fame e depredamento delle vite e delle condizioni di vita delle persone come “più libertà e prosperità per tutti”.

Poiché la Banca mondiale, il FMI e figure simili affermano di mostrare l’elevazione dei poveri dalla povertà in tutto il mondo, media come il Guardian e il New York Times riportano le affermazioni con titoli per mostrare che tutto va bene e aiuta i poveri e la maggior parte in quanto sono di fatto drasticamente ridotti nella loro vita reale, nel lavoro e nella sicurezza della vita. Così le grandissime bugie vengono istituite come fatti dati che economisti e scienziati sociali propagano senza battere ciglio.

In effetti, questi presunti grandi guadagni per i poveri dalla povertà e dalla povertà assoluta allo stesso modo si basano su guadagni di reddito inferiori a una tazza di caffè al giorno, un’osservazione che è così ben nascosta alla vista che i lettori potrebbero ora vederla per il prima volta. Così la schiavitù ipnotica delle grandi bugie viene mantenuta, mentre nessun altro sistema di supporto vitale lo è.  In questo modo, scopriamo che le falsità mascherate sono andate così in profondità nell’assunzione di esperti e pubblici che il mondo della vita reale non può più essere coinvolto. Queste grandi bugie funzionano quindi sullo sfondo delle grandi bugie senza sosta che precedono infiniti conflitti e guerre straniere per “difendere il mondo libero”

Nessuno sembra osservare che i guadagni di reddito ‘sollevando i poveri dalla povertà’ si riferiscono tipicamente agli emigranti dalle campagne verso città inquinate, condizioni di vita insicure e disumanizzate per coloro che precedentemente avevano almeno una dimora familiare, aria e acqua pulite e orizzonti viventi. In breve, la misura standard di $ 1,50 +/- per elevare la povertà e la povertà estrema è disumanamente assurda, ma usata trionfalmente come prova che anche il sistema sta servendo il minimo.

La controrivoluzione contro l’evoluzione sociale che gli ingegneri approfondiscono la recessione

Durante l’invisibile redistribuzione della ricchezza dai poveri ai ricchi (ora sepolta in molti discorsi di “disuguaglianza”), vengono applicate sempre più “riforme di mercato” come “concorrenza rafforzata”, “deregolamentazione liberalizzata”, “costi del welfare ridotti” e “programmi di austerità per correggere gli eccessi”. I “diritti eccessivi” del sistema sono tutti proiettati sulle vittime in modo che i diritti veramente folli dei più ricchi a moltiplicare le loro fortune senza alcuna funzione, valore o coordinamento della vita impegnata ma ancora più richiesta di denaro per loro in qualche modo non vengono notati. Questo è ancora un altro livello di grandi bugie normalizzate che formano il sistema di pensiero dominante.

Infatti, sotto la pervasiva propaganda che condiziona i cittadini a credere nel gioco del denaro privato che divora il mondo, la metà più povera dell’umanità è stata privata di un trilione di dollari di ricchezza mentre le 62 persone più ricche hanno guadagnato quasi il doppio per se stesse dalle operazioni di questo disordine globale. Tuttavia, il rapporto di Davos sottolinea ulteriormente che altri 760 miliardi di dollari americani vanno ogni anno agli investitori non produttori a causa dell’immensa evasione fiscale transnazionale impunemente in tutto il mondo. Ancora una volta, la libertà senza confini del capitale monetario della “globalizzazione” arricchisce enormemente i più ricchi, mentre contemporaneamente raddoppia la privazione dei poveri come “riduzione della povertà”.

Qui il sistema è programmato in effetti per spogliare i finanziamenti di tutti i settori pubblici e le istituzioni che si sono evoluti per servire l’interesse della vita comune. Anche i servizi pubblici e le infrastrutture sono perennemente spinti verso il fallimento non solo da infiniti defunding, tagli, privatizzazioni e controllo da parte delle lobby aziendali delle politiche e dei sussidi pubblici, ma dalla sempre crescente evasione fiscale pubblica vicina a un trilione di dollari all’anno di cui i governi e il commercio trattati non hanno ancora fatto nulla per correggere.

Così i governi che potrebbero investire nel sostenere i sistemi di supporto vitale sociale ed ecologico dell’umanità dal crescente deterioramento e collasso sono ora sistematicamente in bancarotta o schiavizzati del debito insieme alla maggior parte dei cittadini. Di conseguenza, senza che i governi sappiano perché, l’economia mondiale scivola in una recessione sempre più profonda a causa del crollo della domanda economica a livello pubblico e di maggioranza.

Mangiare il mondo vivo come competizione globale

La nuova legge dell’evoluzione umana è che sono tenuti a competere per più denaro e merci per se stessi come “necessari per sopravvivere”, con il sistema senza confini deregolamentato e strutturato per impoverire sempre più la grande maggioranza mentre si moltiplica la ricchezza dei ricchi. I fatti sono ormai da tempo. La globalizzazione aziendale non è solo fuori controllo.

Sta mangiando vivo il mondo a tutti i livelli verso il crollo cumulativo dell’organizzazione della vita organica, sociale ed ecologica. Concorrenza globale significa, infatti, che i mezzi di vita e la sicurezza della maggioranza continuano a cadere mentre l’ambiente viene saccheggiato e inquinato su scale sempre più grandi di depredazione. Eppure solo “più crescita” di questo sistema è immaginata come soluzione. Il sistema è clinicamente folle,

Mentre il terreno di vita comune è oscurato a priori dal sistema di valori dominante, coloro che sono privati ​​e lasciati indietro scompaiono in grandi bugie multilivello che proclamano il contrario. Per questo i fatti non vengono riportati. Questo è il motivo per cui le azioni rivendicate per fermare il mondo che sanguinano i paraocchi fuori dal disturbo del sistema che le causa. Ecco perché anche i progressisti assumono le falsità economiche come se fossero vere. Come un sistema antitumorale a livello macro, questo sistema di sequenza di denaro privato che si moltiplica esponenzialmente ha un solo punto di riferimento: crescere ciecamente mentre maschera il disturbo divoratore di vita come “miglioramento del benessere delle persone”.










 

 

Precedente Zodiac, il brutale assassino degli anni '60 Successivo Talebani: vietati i programmi TV femminili