Missione Cassini: L’ultimo sguardo a Saturno




Volge solo a Saturno l’ultimo sguardo della Sonda Cassini, Missione compiuta. Fondamentali le rilevazioni della Sonda in tutti i suoi 13 anni di acquisizioni e sei mesi di esplorazione audace e scoperta scientifica, terminate alle 16:55 del 15 settembre, la sonda ha concluso la sua missione come un proiettile di fuoco per 45 secondi a causa dell’intenso attrito dell’atmosfera Saturniana.

Soddisfatto Earl Maize, responsabile del programma Cassini.

Da dove viene il nome Cassini-Huygens?

La nave spaziale è nominata da due famosi scienziati. L’orbiter di Saturno prende il nome da Jean-Domenique Cassini, che ha scoperto i satelliti Saturni Lapetus nel 1671, Rhea nel 1672 e entrambi Tethys e Dione nel 1684. Nel 1675 scoprì quello che oggi è noto come la ‘Divisione Cassini’ separando gli anelli di Saturno in due parti. La sonda Titan è stata nominata Huygens in onore dello scienziato olandese Christiaan Huygens, che ha scoperto Titan nel 1655.

Le ultimi immagini di Cassini:

Dall’aprile del 2017, la nave spaziale Cassini di NASA stava scrivendo il capitolo finale e emozionante della sua straordinaria storia di esplorazione di 20 anni: la sua Finale.

Ogni settimana, Cassini ha attraversato per 1.200 chilometri di larghezza (tra i 2.000 km di larghezza)  Saturno ei suoi anelli. Nessun altro veicolo spaziale ha mai esplorato questa regione unica.

Un finale chiuso della luna Titan il 22 aprile ha usato la gravità della luna per rimodellare la traiettoria di Cassini in modo che la nave spaziale salta sugli anelli ghiacciati del pianeta per passare tra gli anelli e Saturno. Durante i 22 passaggi di questo tipo, per circa cinque mesi, l’altitudine della nave spaziale sopra le nuvole di Saturno variava da circa 1.600-4.000 chilometri ed è grazie a passaggi occasionali da Titan che hanno spostato la distanza di avvicinamento più vicina. A volte, Cassini era vicina al bordo interno degli anelli; in altre occasioni, ai bordi esterni dell’atmosfera. Durante le sue ultime cinque orbite, la sua orbita è passata attraverso l’atmosfera più alta di Saturno, prima di immergersi direttamente nel pianeta.

La nave spaziale farà mappe dettagliate della gravità e dei campi magnetici di Saturno, rivelando come il pianeta è organizzato internamente e forse aiutando a risolvere il mistero sconcertante di quanto velocemente ruota il Saturno.
    
Le immersioni finali miglioreranno notevolmente la nostra conoscenza di quanto materiale sia negli anelli, avvicinandosi maggiormente alla comprension
e delle loro origini.
    
I rivelatori di particelle di Cassini mostreranno le particelle ghiacciate
dell’anello che vengono infilate nell’atmosfera dal campo magnetico di Saturno.
    
Le sue telecamere hanno ripreso immagini incredibili e ultra-chiare degli anelli e delle nuvole di Saturno.
 

CARATTERISTICHE

Le bande gialle e oro viste nell’atmosfera di Saturno sono il risultato di venti super-veloci nell’atmosfera superiore, che possono raggiungere fino a 1.100 mph (1.800 km / h) intorno all’equatore, combinati con il calore che si innalza all’interiore del pianeta.

Saturno è un gigante di gas costituito principalmente da idrogeno e elio. abbastanza grande per contenere più di 760 pianeti, ed è più massiccio di qualsiasi altro pianeta, ad eccezione di Giove, circa 95 volte la massa terrestre. Tuttavia, Saturno ha la densità più bassa di tutti i pianeti ed è l’unico meno densa dell’acqua – se c’era una vasca da bagno abbastanza grande da tenere, Saturno galleggia.

Una recente curiosità può essere l’esagono gigante che circonda il suo polo nord, con ognuno dei suoi lati di circa 7.500 miglia (circa 12.500 km), abbastanza grande da montare dentro quasi quattro terre. Le immagini termiche mostrano che raggiunge circa 60 miglia (100 km) nell’atmosfera del pianeta. Rimane incerto quello che lo provoca, anche se uno studio ha suggerito che i getti superficiali nell’atmosfera possono essere responsabili della sua formazione.

Altre tempeste titaniche appaiono nell’atmosfera di Saturno una volta ogni anno di Saturno (circa 30 anni della Terra), interrompendo la temperatura ei venti del cielo del pianeta. Sei stupefacenti sono state osservate sul pianeta dal 1876, ma nel 2011, la nave spaziale NASA Cassini è diventata il primo orbitore ad osservarlo.


Nel 2015, i ricercatori hanno suggerito che vi sia un divario tra queste tempeste a causa della presenza di vapore acqueo nell’atmosfera di Saturno. L’umidità smette di aumentare l’aria calda a breve, ma a lungo termine, l’atmosfera superiore di Saturno diventa densa, affonda e crea una grande tempesta.

Come altri pianeti giganti, Saturno ha anche le luci del nord e del sud, causate da particelle del sole.Saturno gira più velocemente di qualsiasi altro pianeta tranne Jupiter, completando una rotazione approssimativamente ogni 10 e mezzo ore. Questa veloce rotazione causa Saturno a rigonfiarsi al suo Equatore e appiattirsi ai suoi poli – il pianeta è più di 8.000 miglia (13.000 chilometri) al suo equatore che tra i poli.

Ecco altri parametri secondo la Nasa:

Composizione atmosferica (in volume): 96,3 per cento di idrogeno molecolare, 3,25 per cento di elio, minori quantità di metano, ammoniaca, deuteridi di idrogeno, etano, aerosol di ghiaccio di ammoniaca, aerosol di ghiaccio di acqua, aerosol di idrosolfuro di ammoniaca

Campo magnetico: Saturno ha un campo magnetico di circa 578 volte più potente della Terra.

Composizione chimica: Saturno sembra avere un nucleo interno caldo solido di ferro e materiale roccioso circondato da un nucleo esterno probabilmente composto da ammoniaca, metano e acqua. Successivamente è uno strato di idrogeno metallico altamente compresso, liquido metallico, seguito da una regione di idrogeno viscoso e di elio. Questo idrogeno e l’elio diventano gassosi vicino alla superficie del pianeta e si fondono con la sua atmosfera.

Struttura interna: Saturno sembra avere un nucleo tra circa 10 e 20 volte più massiccio della Terra.

Orbit e rotazione

Distanza media del sole: 885.904.700 miglia (1.426.725.400 km). Per confronto: 9.53707 volte quella della Terra.

Perihelion (approccio più vicino al sole): 838.519.000 miglia (1.349.467.000 km). Per confronto: 9.177 volte quella della Terra.

Aphelion (la distanza più lontana dal sole): 934.530.000 miglia (1.503.983.000 km). Per confronto: 9.886 volte quella della Terra.
Le lune di Saturno

Saturno ha almeno 62 lune. Dal momento che il pianeta è stato chiamato dopo Cronus, signore dei Titani nella mitologia greca, la maggior parte delle lune di Saturno sono nominate dagli altri titani, i loro discendenti, oltre che dai giganti dai miti Gallici, Inuit e Norse.

La più grande luna di Saturno, Titan, è leggermente più grande di Mercurio ed è la seconda più grande luna del sistema solare dietro la luna di Giove, Ganymede. (La luna terrestre è la quinta più grande.) Il Titano è velato sotto un’atmosfera molto densa e ricca di azoto che potrebbe essere come quella che la Terra era molto tempo fa, prima della vita. Mentre l’atmosfera terrestre si estende a soli 60 km circa nello spazio, Titan raggiunge quasi 10 volte. L’atmosfera contiene numerosi idrocarburi, sostanze chimiche che costituiscono principalmente combustibili fossili sulla Terra. La pioggia di metano cade dal cielo e si muove attraverso la crosta ghiacciata della luna. Uno studio ha rilevato propilene, una sostanza chimica utilizzata per produrre plastica, nell’atmosfera del pianeta. Le osservazioni rilasciate nel 2016 mostrano che il Titan ha sorprendentemente profondi canyon inondati di idrocarburi liquidi.

Queste lune possono possedere funzionalità bizzarre. Pan e Atlas sono a forma di piattini volanti; Iapetus ha un lato luminoso come la neve e un lato scuro come il carbone. Enceladus mostra la prova di “vulcanismo del ghiaccio”, e un oceano nascosto che espelle l’acqua e altri prodotti chimici provenienti dai 101 geyser scoperti al polo meridionale della luna. Un certo numero di questi satelliti, come Prometheus e Pandora, sono le lane pastorali, che interagiscono con l’anello per mantenere gli anelli nelle loro orbite.

Anche se gli scienziati hanno identificato molte lune, il sistema caotico ha altre piccole lune costantemente create e distrutte.

Risorse su Cassini:

https://saturn.jpl.nasa.gov/grandfinale

 

Precedente Le Frequenze "Magiche" Successivo Trump all'ONU: Annienterò le dittature