Fanta, la bibita dei nazisti

Spread the love

Si dice che le storie di alcuni articoli di consumo popolari abbiano almeno legami tenui con alcuni elementi sgradevoli. La Fanta è stata inventata dall’azienda di Atlanta della CocaCola per il  Terzo Reich, perché altre bevande analcoliche (compresa la Coca-Cola) non erano più disponibili in Germania – i nazisti desideravano qualcosa da bere e quindi hanno dovuto inventarsi qualcosa per continuare a vendere ai cari clienti nazisti a cui fino ad allora la Coca faceva da sponsor accanto alla svastica. La Fanta quindi, è stata formulata dalla Coca-Cola per i nazisti, perché il clima politico di quei giorni rendeva simile al suicidio aziendale il tentativo di fornire al nemico degli alleati lo stesso drink che gli alleati stavano bevendo.
In quei giorni devastati dalla guerra, Fanta e Coca-Cola erano in realtà la stessa bevanda, ma erano etichettati e distribuiti con nomi diversi in modo da impedire agli Alleati di sapere che i nazisti stavano assillando lo stesso prodotto.Quando Hitler invase l’Austria, la Coca-Cola, la bevanda inventata nel 1886 dal dott. John Stith Pemberton e commercializzata in una farmacia di Atlanta al costo di cinque centesimi al bicchiere, era presente in Germania da quasi un decennio.
Prima dello scoppio della seconda guerra mondiale, l’unico successo non qualificato della Coca-Cola sulla scena internazionale furono le operazioni di imbottigliamento nella Germania nazista. I record di vendita venivano stabiliti anno dopo anno in quella sede, e nel 1939 la Coca-Cola aveva 43 impianti di imbottigliamento e oltre 600 distributori locali in Germania. Si diffuse nel periodo di massima ascesa del Terzo Reich, divenendo un simbolo dell’orgoglio nazionale, bevuta sia dai ceti popolari sia dai più alti funzionari del partito nazista. Keith che si occupava del commerciale in Germania,  organizzò una festa per il decimo anniversario della Coca-Cola “tedesca”, e in quell’occasione ordinò un fragoroso “sieg-heil”, il saluto nazista, in onore del cinquantesimo compleanno di Hitler, ma nemmeno l’invasione di Hitler in Europa nel 1939 interruppe i rapporti con la compagnia di Atlanta. La sede centrale di Atlanta cessò i contatti con Keith, fermando l’esportazione dell’aroma “7X” solo con Pearl Harbour.  Keith a quel punto era nei guai. Non poteva più produrre la bevanda e sapeva che in qualsiasi momento il governo nazista poteva impadronirsi della sua amata compagnia così si invento coi i chimici della Coca, la Fanta.

La nuova bibita che chiamarono Fanta, era una bevanda di colore chiaro che assomigliava alla birra allo zenzero;  “La Fanta è stata ricavata dagli avanzi degli avanzi”, afferma Mark Pendergrast, autore del libro For God, Country and Coca-Cola, che ha rivelato questo retroscena  infatti, venivano usate fibre di mela avanzate, poltiglia di sidro e siero di latte, un sottoprodotto del formaggio. . Questa nuova soda è stata spesso prodotta dai resti di altre industrie alimentari. (Ricorda, la Germania aveva un po ‘di problemi di importazione in quel momento.) Il siero di latte (un sottoprodotto del formaggio) e la fibra di mela delle presse per sidro trovarono la loro strada nella bevanda. Per quanto riguarda i frutti utilizzati nella formulazione, tutto dipendeva da ciò che era disponibile al momento. Nelle sue prime incarnazioni, la bevanda fu addolcita con saccarina, ma nel 1941 ai suoi inventori fu permesso di usare lo zucchero di barbabietola al 3,5%. La Fanta, a causa del pesante razionamento dello zucchero, era usata perfino come dolcificante per le minestre e altri piatti. “Non credo che a nessuno fosse importato che la Fanta avesse le radici nella Germania nazista”, dice Pendergrast, “ritengo che pensassero che nessuno lo avrebbe scoperto”.

Fonte: SNOPES.COM

Precedente Scoperta la grotta subacquea piu' grande del mondo Successivo LA VIA FLAMINIA E LE ORIGINI - I COLONNA