Domicilio Digitale: obbligatorio comunicarlo al Registro Imprese e agli Ordini entro il 1 ottobre

Sanzioni salatissime per chi non comunica il domicilio digitale della propria impresa al Registro delle Imprese e al proprio Ordine, secondo l’ art. 37 del DL 76/2020 (Decreto Semplificazioni), avviato con il DL 185/2008 e il DL 179/2012, sanzione raddoppiata per le imprese individuali, inoltre, per i professionisti c’è la sospensione dell’Albo dove sono iscritti.

Secondo l’ art. 16 comma 7 del DL 185/2008 i professionisti iscritti agli albi sono obbligati a comunicare agli ordini di appartenenza il proprio indirizzo di posta elettronica certificata (PEC).

L’obbligatorietà coinvolge anche le imprese vecchie e di nuova costituzione (ex art. 16 commi 6 e 6 bis del DL 185/2008) e quelle individuali, art. 5 commi 1 e 2 del DL 179/2012.

In caso di non comunicazione la sanzione va dalle 103 euro ai 1032 euro, come previsto dall’art. 2603 c. c.

Le sanzioni sono applicate anche ai domicili inattivi.

Precedente COSA DICE LA BIBBIA SUL PROSSIMO TERZO TEMPIO A GERUSALEMME E LA FINE DEL MONDO Successivo Musk e l'ex cofondatore di Facebook McNamee in un'intervista: "Siamo preoccupati per il ruolo di Facebook è un pericolo per la democrazia"