Come la Chiesa cattolica decide cos’è un “miracolo”

Spread the love

Albino Luciano, meglio conosciuto al mondo come Papa Giovanni Paolo I, regnò come papa solo 34 giorni prima della sua morte nel settembre 1978. Ma presto entrerà a far parte dei ranghi dei papi del XX secolo che la Chiesa cattolica ha canonizzato .

Letteralmente significa che sono stati inseriti nel “canone”, o elenco, di persone formalmente dichiarate in paradiso ea cui è stato concesso il titolo di “Beati” o “Santi”.  Il processo richiede un esame rigoroso della vita e della santità di un candidato e prevede diverse tappe che possono durare anni o addirittura secoli.

Dopo la morte di qualcuno con una reputazione di eccezionale santità, un vescovo può aprire un’indagine sulla loro vita. In questa fase, alla persona può essere concesso il titolo di “Serva di Dio”. Sono necessari ulteriori dettagli e ricerche per essere riconosciuti come “Venerabili”, la fase successiva della canonizzazione.

Il passo successivo è la beatificazione, quando qualcuno viene dichiarato “Beato”. Questo di solito richiede che il Vaticano confermi che la persona ha compiuto un “miracolo” intercedendo presso Dio. Sono necessari due miracoli prima che un “Beato” possa essere dichiarato santo.

La parola è ampiamente usata in modi non religiosi. Il Catechismo della Chiesa Cattolica, lo definisce “un segno o prodigio come una guarigione, o un controllo della natura, che può essere attribuito solo al potere divino”.

Nel processo di canonizzazione, un miracolo si riferisce quasi sempre alla remissione spontanea e duratura di una condizione medica grave e pericolosa per la vita. La guarigione deve essere avvenuta in modi che la conoscenza scientifica meglio informata non può rendere conto e seguire le preghiere alla persona santa.

La beatificazione di Papa Giovanni Paolo I ha avuto il via libera dall’improvvisa guarigione di una bambina di 11 anni a Buenos Aires che soffriva di una grave infiammazione acuta del cervello, grave epilessia e shock settico. Si era avvicinata a quella che i medici consideravano una morte quasi certa nel 2011, quando sua madre, il personale infermieristico e un sacerdote hanno iniziato a pregare disperatamente l’ex papa.

La fede cattolica nei miracoli è di vecchia data e radicata in ciò che la chiesa crede sulla vita e l’opera di Gesù di Nazareth. I Vangeli ritraggono Gesù come un insegnante, ma anche come un taumaturgo che trasfrmò l’acqua in vino, camminava sull’acqua e sfamava una grande folla con il minimo cibo.

I miracoli di Gesù suggeriscono fortemente che è Figlio di Dio. Indicano quello che Gesù chiamò “il regno di Dio”, in cui i cristiani sperano di ricongiungersi con Dio in un mondo riportato alla sua perfezione originale.

I teologi che lavorano per la Congregazione valutano tutti gli aspetti della vita di un candidato alla canonizzazione. Questi includono il “Promotore della fede” (a volte chiamato “l’avvocato del diavolo”), il cui ruolo è stato cambiato nel 1983 dalla ricerca di argomenti contro la canonizzazione alla supervisione del processo.

Separatamente, viene nominato un consiglio medico di esperti scientifici indipendenti per indagare su un presunto miracolo. Cominciano cercando spiegazioni puramente naturali mentre esaminano la storia medica.

Nuove regole
Il processo di canonizzazione ha subito continue revisioni nel corso della storia.

Nel 2016, papa Francesco ha avviato riforme nel modo in cui la chiesa valuta i miracoli che hanno lo scopo di rendere il processo più rigoroso e trasparente.

I gruppi cattolici che chiedono di aprire un caso di canonizzazione per una determinata persona finanziano le indagini. I costi includono gli onorari pagati agli esperti medici per il loro tempo, le spese amministrative e di ricerca. Ma i casi erano spesso opachi e costosi, raggiungendo anche le centinaia di migliaia di dollari ha scritto il giornalista italiano Gianluigi Nuzzi in un libro del 2015.

Tra le riforme di Francesco del 2016 c’era una nuova regola che prevedeva che tutti i pagamenti fossero effettuati tramite bonifico bancario tracciabile, in modo che i gruppi possano monitorare meglio la spesa del Vaticano.

Un’altra delle riforme di Papa Francesco è che per portare avanti un caso di canonizzazione i due terzi della commissione medica sono tenuti ad affermare che l’evento miracoloso non può essere spiegato da cause naturali. In precedenza, era necessaria solo la maggioranza semplice.

Il punto generale di queste riforme è quello di proteggere l’integrità del processo di canonizzazione ed evitare errori o scandali che screditerebbero la chiesa o ingannerebbero i credenti.

Poiché i cattolici credono che i “Beati” e i santi siano in cielo e intercedano presso Dio a favore delle persone che cercano il loro aiuto, la questione dei miracoli è una questione di fiducia che le preghiere possono e saranno ascoltate.

Questo articolo è stato pubblicato da The Conversation con una licenza Creative Commons. Potete trovare l’ articolo originale qui.

Precedente La cintura di Kuiper Successivo COSA PUOI FARE NEL METAVERSO?