Beirut: 4000 feriti, oltre 100 vittime, cratere nel porto dopo l’esplosione. Slow Motion TERRIFICANTE

https://yoursworld.altervista.org/le-piramidi-di-giza-e-burj-khalifa-di-dubai-si-illuminano-per-le-vittime-di-beirut/La violenta esplosione al porto di Beirut ha lasciato un enorme cratere, salgono a 135 e oltre 100 dispersi, 5000 feriti, compreso il primo ministro libanese. Mentre l’ONU denuncia armi nucleari miniaturizzate in Corea del Nord, un rapporto delle Nazioni Unite informa su sei test nucleari condotti dal regime di Kim Jong-un l’ultimo dei quali a settembre 2017. test che sarebbero serviti anche alla miniaturizzazione degli ordigni. Secondo i media, il nitrato è esploso a Beirut da una nave di proprietà di un uomo d’affari di Khabarovsk, sebbene esperti esposivisti di tutto il mondo e della CIA riferiscono che non è la tipica esplosione di nitrato di ammonio.

A drone picture shows the scene of an explosion that hit the seaport of Beirut, Lebanon, Wednesday, Aug. 5, 2020. A massive explosion rocked Beirut on Tuesday, flattening much of the city’s port, damaging buildings across the capital and sending a giant mushroom cloud into the sky. (AP Photo/Hussein Malla)

“Beirut non è una grande città di dimensioni, ma è piena di gente”, ha detto Najjar. “È il luogo in cui tutti vanno a cercare lavoro o a studiare. Ho sentito che ci sono stati danni fino a 15 miglia (24 chilometri) di distanza. Ciò significa che i due terzi di tutte le persone nel paese sono state colpite “. Ottawa è a circa 900 chilometri da Beirut, ma l’onda d’urto causata dalle massicce esplosioni di martedì è stata avvertita qui come un pugno allo stomaco. Padre Nektarios Najjar aveva programmato la messa di martedì sera nella cattedrale ortodossa antiochia di Sant’Elia per gli operatori sanitari e le persone colpite dalla pandemia di COVID. Invece, ha detto le sue preghiere alle migliaia di feriti e al numero sconosciuto di morti delle devastanti esplosioni nel porto di Beirut.

Il sospetto immediato dei libanesi è stato che Israele avesse organizzato un attacco aereo contro una spedizione di armi destinata agli Hezbollah sostenuti dall’Iran che veniva immagazzinata nel porto di Beirut o trasferita da essa. Le tensioni sono aumentate tra Hezbollah e Israele dal 20 luglio quando un militante Hezbollah è stato ucciso in Siria in un attacco aereo israeliano. Hezbollah aveva promesso di vendicarsi per la sua morte e le forze armate israeliane erano state in allerta lungo il confine settentrionale di Israele.

Il 27 luglio, l’esercito israeliano ha aperto il fuoco lungo la parte anteriore delle Shebaa Farms, una montagna occupata da Israele lungo il confine sud-orientale del Libano, rivendicata da Beirut ma le Nazioni Unite affermano che è territorio siriano. I primi rapporti hanno riferito che Hezbollah aveva organizzato un attacco contro le forze israeliane nelle Shebaa Farms, che l’organizzazione ha successivamente negato. Israele ha detto di aver individuato una squadra di Hezbollah di quattro persone che si infiltrava nelle Shebaa Farms, presumibilmente con l’intento di organizzare un attacco.

Gli israeliani hanno monitorato i loro movimenti fino a quando, secondo quanto riferito, non hanno raggiunto una cinquantina di metri da un avamposto israeliano. I soldati israeliani hanno aperto il fuoco contro la squadra ma avevano ricevuto ordini senza precedenti di perdere i loro assalitori al fine di prevenire un’escalation. L’ordine ha sottolineato l’idea che né Israele né Hezbollah sono interessati a intraprendere una guerra in questa fase.

Quindi, data questa posizione da capogiro dell’esercito israeliano – che tradizionalmente ha un ordine sparatutto per chiunque attraversi il confine dal Libano – era davvero possibile che gli israeliani avessero organizzato un attacco aereo contro un bersaglio nel porto di Beirut che appare di aver causato la più grande esplosione non nucleare del mondo dall’ultima del 1983 – ironicamente anche a Beirut – quando i militanti hanno distrutto la caserma dei marine degli Stati Uniti accanto all’aeroporto di Beirut?

Le linee telefoniche ronzavano di notizie di persone che sentivano jet e droni israeliani su Beirut poco prima dell’esplosione. Ma i residenti di Beirut – e del Libano nel suo insieme – ascoltano quotidianamente il suono dei jet e dei droni israeliani. Il mio ufficio con balcone vetrato funge da trappola del suono naturale per l’attività aerea, spegnendo i rumori della strada e rendendo chiaramente udibili i rumori dei getti e dei gemiti dei droni.

Gli ospedali di Beirut sono stati travolti dai feriti, molti dei quali per le schegge di vetro. Il bilancio delle vittime che si è verificato a più di 100 finora, almeno 4.000 persone sono rimaste ferite. Gli ospedali non sono nemmeno in grado di accogliere la quantità folle di feriti. È orribile.

A complicare la sofferenza del Libano c’è la pandemia COVID in corso e un’economia in collasso che ha spinto molti libanesi al di sotto della soglia di povertà e ha congelato il sistema bancario del paese.

Esplosioni anche in Cina e Corea del Nord

Devastanti esplosioni a Beirut: morto il primo ministro libanese – Video

Esperti esplosivisti su Beirut: non è nitrato di ammonio

Le piramidi di Giza e Burj Khalifa di Dubai si illuminano per le vittime di Beirut

Iran/Israele E’ in atto una guerra informatica?

Iran, esplosione nella centrale nucleare di Natanz

Beirut: Video di un oggetto non identificato si scaglia sul porto prima dell’esplosione

Precedente Covid-19 Contagi in tempo reale Successivo Esplosioni anche in Cina e Corea del Nord