Attivisti antifa di sinistra bruciano bibbie e bandiere americane, come fecero i nazisti

Una pila di bibbie e bandiere americane sono state bruciate fuori dal tribunale federale di Portland, nell’Oregon, da quelli che sembravano attivisti antifa di sinistra in un nuovo video pubblicato dal blogger e giornalista Ian Miles Cheong. Che cosa hanno a che fare queste azioni con l’orrenda morte di George Floyd che è stato assassinato da un ufficiale di polizia di Minneapolis? Niente.

È un’ideologia che sostiene disordini civili, opposizione ai valori occidentali, violenza contro i funzionari governativi e presa di mira di civili che si oppongono alle loro convinzioni.  Bruciare la pila di Bibbie è anche un simbolo dei valori anti-giudaici e riflette azioni simili che furono intraprese in Germania dal giovane Neo-Nazi che bruciava libri che non riflettevano le credenze del nascente Partito nazista. Il mondo ha bisogno di svegliarsi.

Dal Museo del memoriale dell’Olocausto degli Stati Uniti:

“Il 10 maggio 1933 gruppi di studenti nelle università di tutta la Germania effettuarono una serie di bruciature di libri di opere che gli studenti e i principali membri del partito nazista associavano a un“ spirito non tedesco. Folle entusiaste hanno assistito al rogo di libri di Brecht, Einstein, Freud, Mann e Remarque, tra molti altri intellettuali, scienziati e personaggi culturali noti, molti dei quali erano ebrei. Il più grande di questi falò si è verificato a Berlino, dove circa 40.000 persone si sono radunate per ascoltare un discorso del ministro della propaganda, Joseph Goebbels, in cui ha dichiarato che “l’intellettualismo ebraico è morto” e ha approvato il “diritto degli studenti di ripulire il detriti del passato. “

Precedente Barbie Aborto. Avete capito bene.... Viviamo nell'inferno. Successivo Regno Unito e Stati Uniti boicottano Huawei. NZ potrebbe essere il prossimo?