Alla Johns Hopkins University scoprono nanoparticelle in grado di pulire il sangue

Alla Johns Hopkins University scoprono nanoparticelle in grado di pulire il sangue, scoprono tutto ma si lasciano sopraffare da una banale influenza, sembra molto ridicolo tutto ciò. I globuli rossi non sono solo veicoli che trasportano ossigeno nei nostri corpi: eliminano anche sostanze nocive dal flusso sanguigno. Gli scienziati della Johns Hopkins University hanno recentemente studiato il modo in cui le nanoparticelle di biomimicking sintetico (o “biomimetico”), mascherate da globuli rossi, possono meglio realizzare la stessa impresa nei topi. Hanno scoperto che modellare questi impostori in forme non sferiche prima di mascherarli ha migliorato le prestazioni.

Precedenti lavori hanno dimostrato che il rivestimento delle nanoparticelle sintetiche in membrane prese in prestito da veri globuli rossi consente alle particelle di agire come spugne detergenti. “Iniettando molte di queste particelle nel sangue, creiamo esche che assorbono le tossine e c’è meno danno alle cellule sane”, afferma Jordan Green, un ingegnere biomedico di Johns Hopkins e autore senior di un nuovo studio del tecnica, pubblicata ad aprile su Science Advances.

I ricercatori hanno prima prodotto nanoparticelle sferiche da un polimero biodegradabile che è noto per essere sicuro ed è ampiamente usato nei dispositivi terapeutici. Hanno quindi allungato le particelle in forme simili a minuscoli, appiattiti frisbee e palloni allungati. Alla fine, hanno avvolto parte di ogni forma nelle membrane, che hanno rimosso dai globuli rossi del topo.

Il team aveva ipotizzato che le nanoparticelle a forma di dischi – come sono i veri globuli rossi – avrebbero assorbito meglio le tossine a causa della loro maggiore superficie. Per testare quale forma ha funzionato meglio, i ricercatori hanno iniettato ogni varietà in topi che erano stati esposti a una dose tipicamente letale di tossina da batteri Staphylococcus aureus. Green e i suoi colleghi riportano che le particelle a forma di pallone e ricoperte di membrana sono sopravvissute più a lungo prima di essere cancellate dal sistema immunitario, quasi sette volte più a lungo delle sfere non rivestite. I topi trattati con particelle sferiche, anche quelle rivestite, non vivevano molto più a lungo di quelli non trattati. Ma un terzo dei topi trattati con particelle a forma di frisbee rivestite, e metà di quelli trattati con quelli a forma di pallone rivestiti, erano vivi e in salute una settimana dopo.

Green osserva che anche se le particelle a forma di frisbee si abbinavano meglio alla forma dei globuli rossi, quelle a forma di pallone funzionavano meglio. “Ci dice che ci sono altre cose che le forme del disco non imitano, inclusa l’elasticità dei [globuli rossi] che si deformano mentre scorrono”, afferma. Aggiunge che molto probabilmente quelli a forma di pallone si muovono nel sangue più facilmente.

Altri studi “hanno scoperto che forme non sferiche e rivestimenti di membrane biomimetiche potrebbero, separatamente, migliorare la durata delle particelle sintetiche nel flusso sanguigno”, afferma Dyche Mullins, farmacologa cellulare e molecolare dell’Università della California, San Francisco, che non era coinvolto nella ricerca. Ma “questo studio ora dimostra una sinergia tra i due effetti”.

I seri rischi per la salute delle nanoparticelle presenti in molti prodotti di uso comune

source

Precedente Perez era tra quelli che non si inginocchiarono, oggi risulta positivo al coronavirus:escluso dal GP di Silverstone Successivo Bill Clinton - Epstein: documenti resi pubblici, Clinton frequentava l'isola ed Epstein