Adrenocromo, la droga delle elité

Il saggio di Aldous Huxley del 1954 “Le porte della percezione”, scritto principalmente sulle sue esperienze con la mescalina, discute la possibilità che l’adrenocromo sia un composto con effetti simili al cactus psichedelico. Non l’ha preso e non sa come si otterrebbe, dicendo solo che è prodotto spontaneamente dal corpo umano. Lo descrive come “un prodotto della decomposizione dell’adrenalina”, che è, sorprendentemente, corretto, come faceva a saperlo? Sì. Proprio come ha detto Huxley, l’adrenocromo è un composto formato dall’ossidazione dell’adrenalina. Il suo principale uso medico è quello di rallentare la perdita di sangue promuovendo la coagulazione in ferite aperte. È disponibile per l’acquisto online da parte dei ricercatori, con la maggior parte dei punti vendita che afferma che la sua fonte è sintetica e i suoi usi sono l’inibizione del COMT (che disattiva alcuni neurotrasmettitori) e la sintesi delle prostaglandine (grassi coinvolti nella coagulazione del sangue). Zuckenberg lo cita addirittura facendo un post sul suo profilo facebook e dalle isole St. James:

PubMed ha pubblicato delle ricerche sull’adrenocromo, potete leggerle QUI in inglese direttamente sul sito di PubMed e dal sito delle pubblicazioni delle ricerche scientifiche “ScienceDirect.Com” e e di seguito la traduzione:

L’effetto dell’adrenocromo è considerato prima su sistemi semplici, poi su sistemi più complessi, quindi su animali semplici e infine sull’animale più complesso, l’uomo. gli animali a cui viene somministrato l’adrenocromo vanno da ragni, pesci e piccioni ai mammiferi tra cui ratti, gatti, cani, scimmie e uomo. Il capitolo fornisce molti dati originali su gatti e uomini. Chimicamente, l’adrenocromo e l’adrenolutina sono sostanze molto reattive. Alcuni dei cambiamenti prodotti dall’adrenocromo possono persistere per diversi giorni e, in alcuni casi, gli effetti portano a risultati quasi disastrosi.Nel capitolo sono discussi due casi di reazioni prolungate. C’è anche una discussione sulla reazione che è durata più di un giorno dopo una singola somministrazione di adrenolutina e reazioni fino a una settimana. I cambiamenti nel modo di pensare indotti dall’adrenocromo sono simili a quelli osservati nella schizofrenia. L’adrenocromo provoca un’inibizione elettiva del processo, che determina il contenuto del pensiero associativo. Ciò si verifica in dosi che non aumentano la labilità dei processi di base, non riducono l’eccitazione e non perdono connessioni temporanee come nel caso dell’LSD.

Si trovano su internet moltissime connessioni di vip che secondo le teorie del complotto ne fanno uso e di personaggi molto importanti del panorama politico, finanziario, delle elité del mondo:

L’adrenocromo monosemicarbazone è un prodotto ossidativo dell’adrenalina (messaggero chimico) che restringe i vasi sanguigni per ridurre il flusso sanguigno. Questo processo smette di sanguinare e promuove anche la formazione di coaguli.

L’effetto dell’adrenocromo sulla stimolazione del nervo simpatico

Nel libro Paura e delirio a Las Vegas e nel film a esso ispirato, Hunter S. Thompson parla dell’adrenocromo e lo descrive come uno psichedelico dagli effetti simili a quelli dell’LSD; nel film, il dottor Gonzo dice che “la mescalina al confronto è un gingerino”.

Studi sul ruolo dei radicali anionici superossido per la cardiotossicità dell’adrenocromo

L’adrenocromo è un prodotto ossidativo dell’adrenalina e possiede proprietà cardiotossiche. Poiché i radicali liberi dell’ossigeno svolgono un ruolo negli effetti citotossici delle catecolamine, il ruolo dei radicali anionici superossido, come mediatori della tossicità dell’adrenocromo, è stato studiato utilizzando i cuori di coniglio Langendorff a propulsione elettrica con depositi di catecolamina esauriti. L’ischemia miocardica regionale ripetitiva (MI) è stata indotta dalla legatura del ramo dell’arteria coronaria e l’MI è stata quantificata dalla fotografia epicardica di fluorescenza NADH. L’adrenocromo (10 (-6) mol / l) è stato aggiunto alla soluzione di perfusione dopo un periodo di riperfusione di 20 minuti, 30 minuti prima della 2a occlusione coronarica, con o senza l’applicazione aggiuntiva di SOD (30 U / ml). La pressione ventricolare sinistra è stata significativamente migliorata dall’adrenocromo (p <0,05), ma è scesa rapidamente al di sotto del suo valore iniziale (p <0,05). Il flusso coronarico è stato significativamente ridotto dall’adrenocromo (p <0,05). Mentre la fluorescenza epicardica NADH era simile dopo occlusioni coronarie ripetitive nei controlli non trattati, è stata significativamente migliorata dall’adrenocromo (p <0,05). Gli effetti deleteri dell’adrenocromo sull’MI non sono stati inibiti dalla SOD. Pertanto, non ci sono prove per i radicali anionici superossido come mediatori degli effetti deleteri dell’adrenocromo sull’MI nei cuori di coniglio isolati. Gli effetti deleteri dell’adrenocromo sull’MI nei cuori di coniglio isolati potrebbero essere causati da effetti funzionali, che compromettono il consumo di ossigeno / bilancio dell’approvvigionamento di ossigeno.

Effetti dell’adrenocromo sull’attività di accumulo di calcio e adenosina trifosfatasi dei microsomi cardiaci del ratto

L’assorbimento di adrenocromo e la sua distribuzione subcellulare sono stati esaminati usando una preparazione del cuore di ratto perfusa isolata. Il cuore è stato perfuso per 30 minuti con un mezzo contenente da 1 a 50 mg / l di adrenocromo 14C e le frazioni subcellulari sono state isolate per misurare le loro radioattività. Un declino della forza contrattile, un aumento della tensione a riposo e un aumento dell’assorbimento di adrenochrome da parte del cuore sono stati visti dipendere dal tempo di perfusione e dalla concentrazione di adrenochrome nel mezzo. La frazione sarcolemmale ha avuto il più alto assorbimento di adrenochrome e questa è stata seguita dalla frazione microsomiale; un certo accumulo di adrenochrome è stato osservato anche nelle frazioni miofibrillari e mitocondriali. Una riperfusione del cuore di 10 o 20 minuti precedentemente esposta a 25 mg / l di adrenocromo, ha provocato la permanenza nel cuore di circa il 50 o il 37% della radioattività; questo indica un legame irreversibile di adrenocromo al tessuto. La riperfusione del cuore ha mostrato il ripristino della tensione a riposo, ma la forza contrattile non ha mostrato alcun recupero. Propranololo e iproniazide, che hanno dimostrato di inibire la cardiotossicità indotta da adrenocromo, hanno ridotto l’assorbimento di adrenocromo da parte del cuore e hanno prevenuto la depressione indotta da adrenocromo nella forza contrattile e l’aumento della tensione a riposo. Questi risultati indicano che l’adrenocromo viene assorbito dal cuore e induce disturbi cardiaci attraverso la sua azione su diversi organelli subcellulari nel miocardio.

Questa serie di video documentari espongono il problema della pedocriminalità legata anche all’uso dell’adrenochromo, estratto da bambini terrorizzati e seviziati al fine di avere una sostanza più concentrata.

Questo sito vende online l’adrenochromo sintetico a 550Dollari per 250mg

la formula dell’adrenocromo

Ricerca di https://link.springer.com/chapter/10.1007/978-94-010-1106-8_15

Farmacologia

Il salicilato di carbazocromo può essere somministrato per via intramuscolare o organica. Orale
l’assorbimento è circa un terzo di quello dell’iniezione intramuscolare.
Il carbazocromo viene rapidamente ossidato nel corpo ed eliminato in un periodo di 12 ore. Il monosemicarbazone viene escreto dal 50-70% attraverso i reni e il 20-30% mediante formazione di indolo.

Modalità di azione come agente emostatico

Si dice che l’azione emostatica del carbazocromo e dei derivati esercitato esclusivamente nei capillari. La resistenza capillare è aumentata in entrambi
la cavia e l’uomo come dimostrato dalla tecnica del ventouse (Prevost, et al., 1947). Questi autori hanno scoperto che, nell’uomo, il sanguinamento
il tempo è stato ridotto da un valore “normale” di 200 secondi tra 110-130 secondi un’ora dopo l’iniezione di carbazochrome (Adrenoxyl®).
La durata dell’effetto sembrava essere correlata alla dose in quella dopo l’iniezione
di 1 o 2 mg di carbazocromo l’effetto è durato fino a 6 ore, ma quello da 4 a
6 mg hanno prodotto un effetto che è durato per 24 ore.
Prevost et al. (1947) hanno anche notato che il tempo di sanguinamento è stato ridotto
pazienti con sanguinamento inizialmente prolungato, compreso tra 300 e 1.260
secondi, sebbene non sia stata dichiarata la causa del tempo di sanguinamento prolungato.
Il tempo di sanguinamento in questi pazienti è stato ridotto dal 60% al 30%.
Roskam e Derouaux (1944) dimostrarono che il carbazocromo, dato per via endovenosa, intramuscolare o sottocutanea, ha ridotto significativamente il tempo di sanguinamento nei volontari umani per un periodo fino a due ore dopo il trattamento. Queste osservazioni furono confrontate da Duesberg
(1947).

L’adrenocromo si ossida molto facilmente quando viene esposto all’aria, alla luce, all’umidità e al calore, rendendolo piuttosto difficile da usare! Tuttavia, i laboratori possono produrlo senza troppi problemi e molti lo fanno. Tra questi, molte ditte rifornitrici di sostanze chimiche riportano nei propri cataloghi questo composto sotto la sigla CAS – CAS:56-06-8.

La seguente documentazione è una prova fatta di assunzione diretta di adrenocromo:

Composto usato:
D, base libera L-Adrenochrome (sintetico, purezza 99,98%)
CAS: [56-06-8]

sinonimi:
Adrenochrome (base libera)
3-idrossi-1-metil-5,6-indolinedione,
2,3-diidro-3-idrossi-1-metil-1H-indolo-5,6-dione

Nota: D, L significa che è un racemato, il che significa che è una miscela equimolare di due enantiomeri: il D-Adrenochrome e il L-Adrenochrome (chiamati anche (-) – Adrenochrome et (+) – Adrenochrome rispettivamente)

L’adrenocromo è stato descritto come un allucinogeno o psicotomimetico e un inibitore della colinesterasi. Ha anche proprietà emostatiche (nel senso che è qualcosa che smette di sanguinare.

Descrizione della polvere: un primo piano dei cristalli di adrenocromo mostra un colore rosso scuro ma la polvere sembra proprio sangue secco ad occhio nudo, il che significa un colore marrone leggermente arancione. Ma se dissolvo alcuni cristalli in alcune gocce d’acqua, otterrò una soluzione da rosso sangue a rosso vivo (a seconda della concentrazione), esattamente dello stesso colore del mercurocromo. Ha un sapore chimico leggermente metallico che mi ha in qualche modo ricordato il sapore del sangue ma era molto più insapore (meno amaro).

Prezzo:
La maggior parte dei laboratori vende D, L-Adrenochrome (CAS: 56-06-8) da 70 a 100 euro per 250 mg. Ma di recente ho trovato un altro fornitore di prodotti chimici che vende un prodotto chiamato “Adrenochrome” a 110 euro per 50 g, la differenza di prezzo è così grande che per prima cosa non potevo essere lo stesso composto che vendevano altri fornitori, ma il numero CAS era 56-06 -8 quindi era sicuramente lo stesso Adrenochrome. Una simile differenza di prezzo mi sembra strana, ho pensato che forse potrebbe essere uno dei due enantiomeri (invece della forma D, L) ma questo non sarebbe logico in quanto separare due enantiomeri è complicato e quindi un enantiomero da solo dovrebbe essere più costoso rispetto al modulo DL, e sicuramente non più economico.

Nota:
L’adrenocromo si ossida rapidamente e deve essere tenuto lontano da aria, luce, umidità e calore. Pertanto viene conservato in un contenitore ermetico che viene messo nel congelatore. Anche in questo modo, si decomporrà lentamente, quindi non dovrebbe essere tenuto troppo a lungo prima dell’uso.

Le mie sperimentazioni con Adrenochrome:

Avevo acquisito D, L-Adrenochrome freebase (quello venduto a 70 € per 250 mg)

prima prova: ho tenuto 100mg sotto la lingua per 1 minuto e poi ho deglutito. Insorgenza rapida (circa 5 minuti)

seconda prova: ho sbuffato 50mg. Insorgenza: pochi secondi.

terza prova: ho fumato 25 mg (vaporizzato in una pipa da crack). L’esordio è quasi istantaneo.

Si noti che ho aspettato alcuni giorni tra ogni prova.

Le tre prove mi hanno dato gli stessi esatti effetti, che erano molto leggeri e poco interessanti (non lo definirei nemmeno un massimo).

Innanzitutto, non era allucinogeno né psichedelico. Ho avuto una sensazione di calore attraverso il mio corpo, ho sentito un intorpidimento nelle mani e nella testa (forse legato all’effetto emostatico), c’era una leggera sedazione e una leggerissima euforia di breve durata (l’euforia era leggermente più pronunciata quando fumato, ma ancora di breve durata)
Ci sono anche alcuni piccoli cambiamenti visivi (niente effetti visivi, solo che vedrei la stanza in modo leggermente diverso rispetto al solito, ma onestamente si trattava di un cambiamento davvero minore, una giuntura di hashish avrebbe fatto lo stesso, nulla di veramente evidente). Potrebbero esserci anche lievi miosi (= piccoli alunni), non proprio sicuro.

Per riassumere, gli effetti erano estremamente deboli, assolutamente non divertenti né psichedelici in ogni caso, e di breve durata (direi che la leggera euforia iniziale è scomparsa entro 4-5 minuti e i pochi strani sentimenti che provo dalla roba sono spariti dentro circa 1 ora (non saprei dire la durata esatta in quanto non ho controllato l’orologio)
Inutile dire che sono rimasto molto deluso da questo composto poco interessante.

Gli effetti che ne ho avuto sono stati deboli, c’è stato un certo effetto sulla mia visione e sul mio stato mentale, ma sicuramente non lo definirei “allucinogeno”.

Quindi, avrei potuto voler provare dosaggi più alti nel caso in cui ciò potesse intensificare qualsiasi effetto (diciamo 250 mg per via orale, 100 mg sbuffato e 100 mg vaporizzato), o avrei potuto provare l’altro adrenocromo (quello venduto a 110 euro / 50 g) solo per assicurarmi che sia lo stesso … ma non l’ho fatto perché avevo cose migliori da fare con i miei soldi ed ero abbastanza sicuro che anche se questo mi avrebbe dato qualche effetto in più, sarebbe comunque di scarso ricreativo / interesse spirituale.

Inoltre, riguardo ai possibili effetti secondari dell’adrenocromo: poiché si tratta di un composto emostatico (previene il sanguinamento capillare durante la lesione) non è impossibile che un uso eccessivo finisca per causare problemi di circolazione sanguigna, inoltre alcuni scienziati sembrano dire che l’adrenocromo è noto per causare cardiovascolare guai.

Per concludere, direi che questa è una sostanza poco interessante per la mia opinione, e inoltre è probabilmente una sostanza pericolosa.

Precedente Spettacoli con cannibalismo di bambini, sarà il mondo di domani? Successivo 9 erbe medicinali usate come droghe legali